Sceviérzo e Tischitòsco

Inserito da: · aprile 30, 2015

Di

Salvatore Argenziano

… Da “švèrtere” a “scevèrtere” per aggiunta di una vocale evanescente eufonica, come da “erba”, erva, èvra per metatesi, ed èvera. Da “scevèrtere” deriva la forma frequentativa “scevertiare”, con cambio di classe seconda/prima, che, con la mutazione TI/Z, come da “altus”, >“altiare” > “alzare”, diventa “scevérzá [scəvərzá] del dialetto torrese. Dal verbo sceverzá, il sostantivo “sceviérzo” [scəviérzə]” che rappresenta l’operazione di svergolamento …

icona svierzo1

Sceviérzo e Tischitosco – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2015

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La marineria di Torre del Greco

Discussione1 Comment

  1. Marie ha detto:

    Certamente non era facile per i nostri masti chiamare “svergulaturo” oppure
    “sturcituro” quell’attrezzo inusuale e, alla fine, si chiamò tischitosco, anche per la sua
    strana, inusuale conformazione. Il nostro termine tischitosco equivale al classico
    antico napoletano “chìlleto”, per indicare un qualcosa di cui non si sa o non si vuole
    pronunciare il nome.
    Alla fine, mannaggia a Ssantu Tischitosco è una imprecazione non rivolta ad
    un santo esistente ma, senza mittente e, quindi, nunn è ppeccatoooo…………
    Salvatore carissimo :mi ffa tanto ridere l’ultima frasemannaggia a Ssantu Tischitosco……………..jjajaja bravo!!!!
    cordiale saluto

Aggiungi un commento