L’inferno di Dante Alighieri – Rivisitazione in napoletano del primo canto

Inserito da: · giugno 2, 2015

Di

Nazario Napoli Bruno

Propio â mmità ’e chesta vita nosta
m’arritruvaje, tremmanno d’ ’a paura,
’int’a nu bbosco niro comm’ ’a ggnosta

e mme perdette ( ’a notte era assaje scura) …
A vv’ ’o ddicere, è ttanto ca mme costa
ca mpietto zompa ’o core adderettura.

È ttant’amaro, quase comm’ ’a morte!
Ma, pe ddicere ’o bbuono che vvedette,
ve ll’aggia cuntà a fforza chesta sorte.

Nun ’o ssaccio manch’ io comme trasette
ma ’o suonno era overo tantu forte
c’ ’a strata justa cchiù nun ’a facette …

icona inf2

1 – L’Inferno- Rivisitazione in napoletano del primo canto – Di Nazario Napoli Bruno – vesuvioweb 2015

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Nazario Napoli Bruno

Discussione4 Comments

  1. Marie ha detto:

    …….Gentilessimo Di Nazzario Napoli Bruno.

    ———-Ammirebole il suo laboro *rivisitazione*niente che di meno il sommo Dante

    ———portandolo al nostro linguaggio napoletano……..

    A mio parere,laboro faticoso il suo.amico caro……..per{O….vi he sempre…………….il detto tradutore -traditore………..cordiale saluto ed un affettuoso gazie…………

  2. Giovanni D'Amiano ha detto:

    Conosco il poeta Nazario Bruno e lo stimo molto come poeta e come conoscitore del dialetto napoletano. La sua scrittura del dialetto è, a parer mio, esemplare!
    Le sue qualità si evincono chiaramente dalla traduzione (rivisitazione!) de L’inferno di Dante, del quale riesce mirabilmente a mantenere lo spessore letterario e umano
    Certo tradurre Dante deve avergli fatto tremare i polsi, ma vedendo il risultato dico che è stato all’altezza del gravoso e delicato compito. Complimenti, amico Nazario.

  3. Antonio ha detto:

    La commedia del sommo poeta Dante , stravolta incantevolmente dal sommo poeta NAPOLETANO Nazario Napoli Bruno . .

  4. Il poeta Nazario Napoli Bruno ha realizzato un piccolo capolavoro.Non è operazione facile tradurre in dialetto gli endecasillabi del primo canto dell’Inferno.Bisogna comprendere ed interiorizzare prima il testo nell’Italiano trecentesco,poi riscriverlo mentalmente nell’Italiano di oggi,infine poetizzarlo nel dialetto napoletano rispettando puntualmente il senso dei versi originari.La traslitterazione non si improvvisa,richiede cultura,studio,immedesimazione,competizione ed inventiva non indifferenti con il testo originale.Nazario Napoli Bruno non può competere sempre con le sottigliezze espressive dell’Alighieri,ma riesce ad esserGli, sostanzialmente fedele: sa essere creativo,a sua volta,per cui leggere il primo canto in dialetto napoletano di oggi è uno spasso ed un apprendimento.E’ un piacere leggere il primo canto dell’Inferno dantesco,non meno gratificante è leggere lo stesso canto in dialetto.Miracolo della grande Poesia italiana e della poesia regionale per troppo tempo ingiustamente sottovalutata…..

Aggiungi un commento