05 – I ccose piccerelle r’a lenga turrese

Inserito da: · settembre 20, 2015

Di

Salvatore Argenziano

…  Forne ’i me. Questa espressione torrese mi fu suggerita da Raffaele Costabile in un suo intervento sul gruppo. Mi torna in mente a proposito dell’uso della particella -ne che a volte aggiungiamo, spesso ai monosillabi, per motivi eufonici. Sì diventa sine e no diventa none. Così dal greco “naì”, sì, il nostro “aine”.
Forne ’i me sta per eccetto me. A partire da fore ’i me, dove fore in dialetto sta per fuori, eccetto, escluso, l’aggiunta di un -ne finale a fore consente una più semplice fonia. Fòrene diventa forne data la natura evanescente della E di fore …

05 icona cose picc2

05- I ccose piccerelle r’a lenga turrese – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2015

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

Discussione6 Comments

  1. Falato Silvio ha detto:

    Chicche che vanno ad arricchire il grosso bagaglio culturale offerto al mondo dialettale dal valente Salvatore. Complimenti e grazie.

  2. salvatore ha detto:

    Per Nello

  3. giuseppina di vicino ha detto:

    con grande piacere leggo i tuoi insegnamenti circa i nostri dialetti, patrimonio culturale della nostra bella e sconquassata Campania. Un caro saluto. Pina Di Vicino
    .

  4. Giovanni D'Amiano ha detto:

    Pure ‘int’e^ ccose piccerelle, faje accapì quanto si’ ggruosso, caro Salvatore.

  5. Marie ha detto:

    I ccose piccerelle r’a lenga turrese…………….
    Che poi sono le grandi ccosee
    che ci fanno tornare a vivere!!!

    Grazie Salvatore brillante come di solito.perla torrese oggi bolognese..Prosit!!

    cordiale saluto

  6. giannirusso ha detto:

    è il modo più semplice sottile e crudele che ognuno poneva a difesa di tutto ciò che si faceva. Come ad esempio quando si era ragazzini fra il 1960 e il 1970 nei giochi di quartiere c’era sempre il più furbo che si rifiutava di fare anche piccole cose o cose più particolare di noi ragazzi :” aizava a man e diceva FORNE E ME” praticamente se la squagliava da tutte le cose.Non so c’era da prendere del legname per i falò dell’Immacolata in qualche posto non sicuro o si doveva andare da qualcuno:steva sempe stu caca cazzo che diceva FORNE E ME.Altro che Ponzio Pilato era un modo classico torrese “ebraico direi” di tirarsi fuori dai casini a tutti i livelli penso anche fra adulti fosse in uso.Era la parola di difesa dei codardi…..

Aggiungi un commento