Il terremoto del 1688 a Napoli

Inserito da: · settembre 20, 2015

Di

Armando Polito e Aniello Langella

sono caduti tre dormitorii de nuova fabrica, la Congregatione, et due campane vicino all’orologio; [nel cadere] li detti dormitorii hanno rovinato un Palazzo contiguo, ma qui è da notare per prodigio singulare, non si trovarono altri religiosi nelle celle, che li dui Piccolomini, e Piscicelli, le stanze dei quali er[ano] nelli due angoli dei dormitorii, e sebene caddero l’altre, queste due rimasero intatte onde bisognò lì doppo calar giù le scale di legno

Icona terremoto1

Armando Polito e Aniello Langella – Napoli, cronaca del terremoto del 1688 – vesuvioweb 2015

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I monumenti, Storia

Discussione4 Comments

  1. Falato Silvio ha detto:

    L’articolo è’ interessante per le minuziose descrizioni dei danni subiti dalle grandi opere d’arte della nostra capitale. Grazie per le preziose informazioni.

  2. salvatore ha detto:

    Ottimo

  3. Armando Polito ha detto:

    Per la serie “quando mi metto una cosa in testa”; e in testa hai messo pure il mio nome prima del tuo!. Comunque, complimenti per la mappa integrativa.

  4. Armando Polito ha detto:

    … e mi hai tanto turbato che ho pure messo il punto fermo dopo quello esclamativo …

Aggiungi un commento