Tra storia e storie

Inserito da: · settembre 20, 2015

Di

Gaetana Mazza

icona ss3

Gaetana Mazza – Tra storia e storie – vesuvioweb 2015 a

Gaetana Mazza – Tra storia e storie – vesuvioweb 2015

Gaetana Mazza, “Tra storia e storie. Banditismo, Brigantaggio e Milizie civili nel Meridione d’Italia dal XVI al XIX secolo”, Aracne Editrice, Roma, 2015, euro 25,00. “La mancanza di studi specifici sul brigantaggio e sul ruolo delle milizie civili nelle contrade dell’agro sarnese mi ha spinto ad avventurarmi in sentieri non ancora percorsi”. È già successo negli anni passati che Gaetana Mazza – conosciuta ed apprezzata studiosa di “storia locale”, così come lei stessa ama definirsi – si sia ‘avventurata’ lungo la traccia di sentieri ancora oscuri della storia dell’agro sarnese. È accaduto in due suoi libri: nel 2009, con “Streghe, guaritori, Istigatori. Casi di Inquisizione diocesana in Età moderna”; e nel 2013 con “I processi inquisitoriali nella Diocesi di Sarno (1680-1759)”, a continuazione e conclusione del lavoro precedente. A maggio di quest’anno l’editrice Aracne ha pubblicato il suo ultimo volume: “Tra storia e storie. Banditismo, Brigantaggio e Milizie civili nel Meridione d’Italia dal XVI al XIX secolo”. Ed il titolo ‘giocato’ sulla contrapposizione – o piuttosto sull’accostamento voluto – dei termini ‘storia’ e ‘storie’ meglio si comprende scorrendo l’indice di questo corposo testo che supera le quattrocento pagine. Venticinque capitoli raccolti in quattro ‘parti’: la prima dedicata al Banditismo e al Brigantaggio; la seconda alle Milizie civili; la terza trattante aspetti storici definiti ‘a margine’, quali l’emigrazione, le lotte operaie e la questione demaniale; l’ultima occupata per intero da un’appendice documentaria di fonti, tavole e cartine. Le linee generali della Storia che ‘perimetrano’ la ricerca di Gaetana Mazza muovono dall’età vicereale all’periodo risorgimentale, fino agli anni dell’Italia post-unitaria. Allo spazio ‘delineato’ la studiosa riconduce e cataloga le Storie della sua terra: il Banditismo e il Brigantaggio nella valle del Sarno, un fenomeno quest’ultimo che registrò spesso l’adesione di contadini alle bande locali e che, perciò, potrebbe essere riconosciuto come “brigantaggio di contiguità”; l’istituzione delle Milizie Provinciali e delle Guardie; quella civica, quella di Sicurezza interna, le Guardie Nazionali e quelle Urbane. “Per restare intorno al cruciale 1860”, scrive Marcella Marmo dell’Università “Federico II” di Napoli nella presentazione del libro, “è di vivo interesse incontrare, tra le voci che si esprimono sul fronte legittimista, quelle di alcune operaie tessili – con una effettiva presa di parola in pubblico, complemento rilevante delle opinioni che è dato rintracciare, o più spesso ipotizzare,nel silenzioso mondo contadino. Una prudente proiezione in avanti delle tensioni di classe corse a latere delle turbolenze brigantesche degli anni Sessanta vuol essere nella trattazione di Gaetana Mazza ancora un filo rosso della memoria storica sarnese, che incrocerà alcuni processi di sindacalizzazione, e sul versante rurale purtroppo l’emigrazione”.
Enzo Salerno

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Bacheca

Aggiungi un commento