1 – Carlo Iandolo – Famiglie di parole, parole, parole – vesuvioweb 2015

Inserito da: · ottobre 30, 2015

Curiosità della lingua italiana

Di

Carlo Iandolo

 

…  Vi sono molte parole chiaramente dello stesso nucleo linguistico oppure solo apparentemente distanti per forme o significati, che invece egualmente rientrano nella stessa famiglia.

1) Il primo piccolo gruppo riguarda la nostra relazione con le stelle, qui rappresentate da tre verbi derivati dal neutro plurale latino “sidera”. Ecco “considerare”, il cui “con-” introduce la comunione e la comunicazione con gli astri, osservandoli e riflettendo con essi al fine di trovare auspici benevoli. C’è poi “desiderare”, in cui il prefisso estrattivo “de-” accentua il concetto del sofferto distacco, in quanto siamo lontani da essi, la cui mancanza provoca l’intenso desiderio di disporne per un benevolo aiuto  …

1 cona curiosità 2

1 – Carlo Iandolo – Curiosità della lingua italiana – Famiglie di parole, parole, parole – vesuvioweb 2015

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Curiosità della lingua italiana

Discussione1 Comment

  1. Marie ha detto:

    Ecco poi “il rovo” (con l’aggettivo “rovente”), all’inizio aggettivo nella
    forma “rubus = bruno rosso”, quindi sostantivato col valore di “pianta erbacea o
    arbustacea”, fra cui il noto “rovo di macchia” che offre more; c’è anche “la
    rubrica”, inizialmente aggettivo nel binomio “(terra) rubrica = (terra) rossa”,
    poi con la funzione e col significato attinto dall’uso di scrivere i titoli dei
    capitoli, di modo che nel Medioevo indicò sunti e registri, per lo piú di piccole
    dimensioni.
    Ancora: oltre a “rubicondo = di colorito rosso intenso” e “rubizzo =
    propr. forte come il rosso rovere” (di persona, specie anziana, ancora florida e
    prestante), ecco “il ruffiano” (con “ruf- variante rustica di “rub-”), che in avvio
    partí da “rúfulus” diminutivo di “rufus = tendente al rosso” > *rufl-anus, in
    riferimento agli antichi prosseneti delle prostitute romane, le quali usavano
    parrucche di tale colore distintivo per attirare i clienti; il suffisso “-ano” del
    nostro sostantivo indica appunto “pertinente al colore rosso”, tipico delle
    parrucche delle loro indossatrici. …………………………..guardate un po!questo brano c’impara il colorito rosso intenzzo ‘e rubizzo..innamora al meno ame codesta parola…………..eccelente come di solito prffessore emerito Carlo la ringrazio!!!

Aggiungi un commento