49 – Pillole Linguistiche Napoletane

Inserito da: · ottobre 23, 2015

Di

Carlo Iandolo

Pillole linguistiche napoletane. Un particolare fenomeno fono-morfologico in napoletano

…  Quando il dittongo è tonico, ora si conserva intatto (lat. “celsa-m” >cèuza = gelsa; longobardo “milzi” >meuza= milza; riscaldato >scaurato; lat. “spelta-m >speutra, con “r” epentetica = farro…; qua e là compare monottonghizzato (ess.: *avòuto> io volto, giro; “dulce-m” > *douce>dóce= “dolce”; pulvere-m > *pouvere>póvere = “polvere”; *ê vvoute>ê vvote = alle volte, talvolta) o con insolito esito vocalico (es. *altjare>aizà = “alzare”, accanto al piú antico e regolare auzare: cfr. ll’auzaturo = uno dei congegni del mulino per sollevare); ed ora invece riceve una “-v-” intermedia come suono di transizione o di raccordo dolcificante in una stridente vicinanza e con “u” che rasenta la pronunzia labile dello “schwa” …

icona 492

49 Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane – Fenomeno fonomorfologico – vesuvioweb 2015

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Pillole linguistiche napoletane

Discussione2 Comments

  1. Marie ha detto:

    Carissimo proffessore :la ringrazio molto per codeste pillole linguistiche napoletanee……..gli dico come di salito da farne Collana.

    saluta caramente Maria

  2. Giovanni D'Amiano ha detto:

    Monottongo e monottongazione; epentesi e epentetico; consonante come suono intermedio o suono dolcificante ad attenuare un’accoppiata stridente; vocale che rasenta la pronunzia labile della schwa: tutto questo in una sola pillola!
    Per fortuna, io, “so” per istinto. Tuttavia, queste preziose pillole, il loro studio, fanno un gran bene alla conoscenza ragionata del napoletano. Grazie al prof Iandolo

Rispondi a Giovanni D'Amiano

Cancella risposta