L’acqua minerale miracolosa del Muraglione

Inserito da: · ottobre 23, 2015

Di

Aniello Langella

… Intorno al 1861, le ricerche si accrescono e ritrovo un documento medico che sembra aggiungere un’altra indicazione al già ampio ventaglio, fin qui illustrato: l’idropisia. Si tratta di un sintomo a ben chiarire il termine ed oggi è un chiaro sinonimo di edema, di gonfiore da liquidi interstiziali. Oggi sappiamo quanto importante sia questo sintomo nell’uomo e anche negli animali. Ed oggi ne conosciamo molto bene le cause (meglio l’eziopatogenesi). Ritengo, com’è lecito sostenere che intorno alla metà dell’800 si avessero scarse conoscenze (rispetto ad oggi) sulla fisiologia e sulla patologia. Si ignorava ad esempio che un edema di un arto superiore, può avere una genesi molto complessa, così un edema delle palpebre …

Icona muraglione1

Aniello Langella – L’acqua miracolosa del Muraglione – vesuvioweb 2015

Discussione4 Comments

  1. Marie ha detto:

    Francesco Filosa da Castellammare
    Lascia un commento
    a cura di Maurizio Cuomo

    Francesco Filosa l’ultimo autoritratto
    Francesco Filosa l’ultimo autoritratto
    Francesco Filosa, nacque a Castellammare di Stabia il 20 ottobre del 1910 in un’antica famiglia di pittori e decoratori. Dopo le primissime esperienze, maturate insieme al padre, si aprì alle forme artistiche del Novecento. Le sue prime partecipazioni alle collettive sindacali risalgono alla metà degli anni Trenta dove, oltre ai già affermati Viti, Volpe, Pratella, Crisconio e Irollo, ebbe modo di conoscere e frequentare giovani artisti del calibro di Galante, Casciaro, Striccoli, Brancaccio, Ciardo, Buonoe Bresciani. Pur continuando la sua attività di decoratore nelle varie chiese di Castellammare e della penisola sorrentina, Francesco Filosa affinò le sue doti pittoriche grazie ai suggerimenti di Carlo Striccoli e Francesco Galante. Alla fine dell’ultima guerra mondiale, la sua vita artistica ebbe una svolta decisiva, infatti, abbandonò l’attività paterna e si dedicò completamente alla pittura. Dal 1950 è stato costantemente presente in tutte le manifestazioni della ”Promotrice Salvator Rosa” e iniziò a partecipare a rassegne e mostre collettive. Notato dalla critica e dagli estimatori d’arte, nel 1966 fu prima invitato alla Quadriennale di Roma e poi a quella europea di Londra, dove gli fu conferito il Sigillo d’argento. Tra le partecipazioni più significative si segnalano la Rassegna di artisti napoletani e romani al Palazzo delle Esposizioni (1968), la Mostra d’Arte nel Mezzogiorno, l’undicesima Esposizione d’artisti meridionali al Palazzo Fazzari di Catanzaro, la prima Rassegna di pittura “Napoli ‘68” alla Galleria San Petronio di Bologna e, infine, la sua personale presso la Beato Angelico di Roma. Dal 1970 ha preso parte alla Rassegna “Arte europea” di Roma, dove nel 1971 gli fu assegnato il Sigillo mondiale, all’Esposizione “Artisti del Mezzogiorno” di Messina, alla Mostra di Pittura napoletana a Palazzo Antinori di Firenze, alle Celebrazioni michelangiolesche di Castellammare di Stabia, al Premio nazionale 14 di Pittura di Castellammare, alla Mostra di gruppo “Napoli presente” a Diano Marino in provincia d’Imperia, al Premio Sant’Agata dei Golfi, alla rassegna itinerante “Esempi d’arte contemporanea” di Messina, Mazzaro del Vallo, Taormina, Acireale e Palermo, alla Rassegna d’arte degli “Incontri internazionali del Cinema” di Sorrento, alla decima Rassegna nazionale di pittura presso il salone internazionale dell’auto di Napoli, alla galleria Manzoni di Milano nel 1975, alla Biennale europea di Montecarlo, al Premio “Villa Lumiere” presso il Palazzo dell’Unesco di Parigi nel 1977. Nel 1979 è stata allestita una Mostra antologica al centro d’Arte “Lo Zahir” di Napoli. Nel 1983 gli venne conferita la medaglia d’oro in qualità di vincitore del Premio europeo della Cultura di San Marino. La sua prima mostra, allestita a Castellammare di Stabia, risale al 1934. Nel corso della sua lunga e laboriosa attività ottenne sempre vasti consensi di critica e di pubblico. La sua pittura fu sempre motivo d’analisi da parte della critica militante e di studiosi d’arte, ottenendo profili e articoli su riviste specializzate e quotidiani. Di lui hanno scritto, tra gli altri, Barbieri, Schettini, Girace, Ortolani, Ricci, Barone, Attardi, Mormino, Di Bartolomeo, Pagano, Lenzi, Fucito, Ziino, Sorrentino, Calabrese e Agrillo. Le sue opere si trovano in numerose collezioni pubbliche e private sia in Italia che all’estero, in particolar modo negli Stati Uniti d’America, Australia, Inghilterra, Francia e Germania dove, durante la sua prigionia nel corso dell’ultima guerra mondiale, ebbe modo di farsi apprezzare come decoratore e pittore. Francesco Filosa è morto a Castellammare di Stabia il 19 gennaio 1990.
    ————Nello.letto il tuo eddito.piacevole ed instruttivo—–entrai nel cito ed presi questo articolo………

    grazie tante come sempre Nello.
    saluti da Maria

  2. nikos kapetanidis ha detto:

    molto bonno!

  3. Falato Silvio ha detto:

    Quando all’eccellente preparazione scientifica, accumulata con la lunga attività professionale, si uniscono pregevoli abilità comunicative e amore incondizionato per la ricerca, non può venir fuori altro che vera opera d’arte. Complimenti.

  4. Jana Haasová ha detto:

    Nello, vi ringrazio per l’articolo molto bello e interessante di acqua minerale Muraglione.
    Sono stato incuriosito sua specifica composizione chimica, in particolare il contenuto di Solfato acido d’argento e cloruro di bario.

    Salute, Jana

Aggiungi un commento