Discussione11 Comments

  1. Falato Silvio ha detto:

    Sei riuscito, Aniello caro, a fondere insieme con grande maestria le capacità espositive dell’uomo dotto e letterato e le espressioni genuine e spontanee degli strati più bassi della cultura popolare. Il tutto è armonicamente amalgamato da un sottile spirito ironico che ti consente di padroneggiare e di scherzare con la materia con lo spirito di un enfant prodige. Complimenti e grazie per quello che fai.

  2. Aniello Langella ha detto:

    Caro Silvio e prof Falato,
    scrivere dei fatti di un passato non tanto lontano, è per me il ricordo. Questo mi è caro veramente, perchè legato ai momenti della bellezza adolescenziale. Ciò che trovo complesso è rendere in chiave di lettura, le atmosfere, i sentimenti che sono fatti a volte anche di semplici colori e profumi. Questo “cimento” mi affascina; ci provo e così ogni tanto trovo anche persone speciali come te che ahimè, “ahitè”, mi leggono.
    Grazie Silvio

  3. Ruotolo Giovanni ha detto:

    Nello è veramente un pezzo sublime. Un racconto scritto con rara maestria, un po’ come se fosse uscito dalla penna di un Simenon vesuviano. E’ bello anche, nello svolgersi della narrazione, il riemergere dei tuoi ricordi d’infanzia che poi sono anche i miei. Tu descrivi un mondo, il nostro, dove il lavoro era sentito come un impegno verso la collettività e orientato unicamente al bene comune. Errato sarebbe credere che su tutto aleggi la nostalgia del bel tempo che fu, semmai , penso, che esso non è che il rimpianto per umanità unica e tutt’altro che omologata. Il tuo, e non lo dico per piaggeria, è uno stile originale e complesso che sovrasta di molte spanne il becero piattume dei tanti sedicenti scrittori di oggi. Non posso comunque trattenere la rabbia per come la nostra città si sia depauperata costringendo i migliori tra noi ad andare via decretando così il suo ineluttabile declino. Ciao Nello.

  4. Vesuvioweb ha detto:

    Caro Giovanni, il tuo commento mi fa chiara l’idea di aver trasmesso un modo di essere e di pensare, più che un nostalgico ricordo. E tu lo hai compreso molto bene. Io scrivo dei fatti semplici e delle cose anch’esse semplici e a volte tutto ciò tocca il cuore.
    Grazie, grazie mille
    Nello

  5. Marie ha detto:

    .Cro Nello :piacere diletto leggerti……….non potri aggiungere niet’altro di quello che gia hanno detto i tuoi cari amici lettori………ne hai fatto inzieme alla lettura …del racconto come la veduta di un film,brilante e tenero!

    salutoni!!

  6. Pasquale ha detto:

    Una storia di altri tempi, mirabilmente espressa che suscita in chi ha vissuto quei periodi, nostalgici ricordi. In particolare mi colpiscono le espressioni relative ai vapori emanati dal lastricato di lava vesuviana, cinicamente estirpata per far posto a quella lava non nostra con cui si sta cancellando la nostra storia che passa anche attraverso la pietra.

    • Vesuvioweb ha detto:

      Grazie signor Pasquale
      Io scrivo o tento di farlo traendo spunto dalle cose semplici.
      Si è vero, anche a me è piaciuta la storia del camion, perchè mi faceva tornare bambino
      Aniello

  7. michele ha detto:

    Esposizione fluida e dettagliata rende partecipe e testimone oculare chi legge.
    Complimenti

    Michele

    • Vesuvioweb ha detto:

      Grazie per aver letto il mio testo. E’ frutto di un pensiero semplice in una bella giornata luminosa
      Aniello Langella

  8. giuseppina di vicino ha detto:

    ed io cosa posso aggiungere a quanto già detto dottò’? Mi piace il tuo stile, il tuo unire linguaggio e filosofia popolare con lo stile dell’uomo di cultura quale sei, a cui si aggiunge il linguaggio intramontabile di un cuore legato ai cari ricordi di una splendida fanciullezza , di un insieme di sentimenti che resteranno indelebili nella mente tua e di quanti, me compresa, hanno condiviso quel periodo così caro! Attiviamoci a diffondere nel mondo attuale l’amore , la voglia di vivere, la gioia di allora. Realizziamo una rivoluzione d’amore come la intendo io di contro all’odio ,alla violenza, ai soprusi, alla morte di oggi. Pronto? Pronti tutti? Via………………

Aggiungi un commento