Ciro il grande e Ciro il giovane

Inserito da: · novembre 13, 2015

Di

Aniello Langella

… Il giovane Ciro o se volete, tanto per restare in tema storico Ciro il giovane, così ebbe a dire quella sera a Ciro il grande. Scontro tra titani fu quello. Ma credetemi, tutto si risolse in una scaramuccia esangue dove quasi abbracciati continuarono a discettare sul tema per almeno una mezz’ora senza pervenire a nulla di concreto. Tra i due si accendevano vere e proprie dispute che spesso si concludevano con una ironica espressione di Ciro il grande, del tipo: ma stai buono Pellecchia; così ti chiamano, è vero? Stai buono che tu ignori tutto o quasi, ma sei assolto perché sei giovane, troppo giovane …

icona ciro2

Aniello Langella – Ciro il grande e Ciro il giovane – Omaggio a Ciro Di Cristo e Ciro Bottiglieri – vesuvioweb 2015

 

Discussione4 Comments

  1. mari ha detto:

    ………….Ricordo verace caro amico Aniello a Ciro di Cristo..Ciro Bottiglieri

    Tra i due si accendevano vere e proprie dispute che spesso si concludevano con una ironica espressione di Ciro il grande, del tipo: ma stai buono Pellecchia; così ti chiamano, è vero? Stai buono che tu ignori tutto o quasi, ma sei assolto perché sei giovane, troppo giovane ………………..jaja gioventu ,gioventudi,dalle volte o sempre s’ignora el vero senzzo…………….grazie.

  2. Falato Silvio ha detto:

    Bellissimo racconto che ci trasporta in un mondo lontano e oggi purtroppo irreale: spira un’aria veramente “spirabile” in cui dominano due correnti: quella dell’amicizia autentica e quella dell’amore per la cultura e per la propria terra. Complimenti, Aniello, sia per le tue capacità espositive che per l’elevatezza dei tuoi sentimenti. e un caro abbraccio.

    • Vesuvioweb ha detto:

      Grazie Silvio.
      Il mondo dei sentimenti, quelli che hanno attitudini ad elevarsi di qualche millimetro al di sopra delle nostre genetiche miserie è pervaso da quotidiani grigi sinistri. Fatichiamo ad esprimere il bello, il consono, l’armonico e come direbbe qualcuno l’euritmico. Cimento questo per il quale ogni giorno chiedo di essere assolto proprio da quelle miserie e debolezze che incrinano l’anima. Lo chiedo con forza e grazie sempre a Dio, ogni tanto riesco a trasmettere a persone splendide come te, il senso del racconto: un sentimento semplicemente buono. Grazie Silvio

      • Falato Silvio ha detto:

        Sei un’anima gentile, pervasa di grande senso di rispetto per gli altri e alimentata da vero sapere, quello delle “humanae litterae”, che indubbiamente diventa scienza, saggezza, assennatezza, equilibrio interiore, maturità. Grazie a te per quello che in maniera egregia porti a compimento.

Aggiungi un commento