Te faccio a vveré

Inserito da: · novembre 13, 2015

Di

Salvatore Argenziano

A Lenga Turrese Stròppole linguistiche

…   In un racconto in torrese avevo scritto istintivamente – me faceva a gghì – con una preposizione – a – prima dell’infinito. Non sicuro di quel vago ricordo grammaticale, corressi il testo. Ora però, leggendo una relazione del professore Adam Legdway: La grammatica diacronica del napoletano…., al paragrafo “costrutto causativo” quella particolare costruzione mi sembra interessante ed accettabile.
Pure si nu’ ttenevo manco rieci anni, màmmama me faceva a gghì mmiez’â
via pecché tanno nun ce stevano machine.
La frase del dialetto – te faccio a gghì -, ti faccio andare  …

icona te faccio2

Salvatore Argenziano – Te faccio a vveré – vesuvioweb 2015

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

Discussione8 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Come al solito, approfondisci in maniera egregia e convincente l’argomento, eliminando altra caligine dagli annosi problemi della linguistica. Complimenti.

  2. salvatore ha detto:

    Grazie Giovanni. Spero che tu mi possa suggerire un’analoga costruzione, come fare+verbo, per altro verbo.

  3. mari ha detto:

    ***Salvatore Di Giacomo. I’ c’aggio saputo fa, che? Io faccio abbedé ca
    riro, ca chiagno, ca mme dispero… (ride) Manco na recitante!
    Nella vasta opera teatrale di Scarpetta, – fà a vvedé – è più spesso presente,
    nella forma della preposizione staccata ma, senza indicazione di raddoppiamento
    consonantico, secondo la grafia comune dell’Ottocento.
    ***Scarpetta. Che state facenno, vuje comme camminate curiuso, dovete
    camminare sciolto sciolto… vuje me parite no pastoriello… ecco ccà mò ve
    lu faccio a vedè io… voi dovete entrare tutto scich!
    ***Scarpetta. NANNINA: E se sape, perché così è… Già, quello non è
    questo e non è quello, ca tu mi devi contrariare sempe, ma io te faccio a
    vedé ca te ne faccio pentì!
    *** Scarpetta. CARLINO: Corpo del Codice di procedura! Voi Mariuccia!
    Voi sola in questa camera? / MARIUCCIA: Sissignore, sola, ma a
    momento esce Papà, perciò jatevenne non ve facite a vedè.
    *** Scarpetta. PEPPE Pe chello che s’ha da fa doppo, vuje non ve n’avite
    da ncarricà; quello che dovete fare voi è quello di dare ad intendere a lu
    compare mio che conoscete stu fratello, e che voi pure avete saputo la
    nuova della morte di Monsieur Pomarol… insomma facite a vedè ca
    chiagnite e ve disperate. …………………………..Grazie amici cari meravillose parole…………..ziiitee mariii…………..

  4. Cosimo ha detto:

    Te faccio a vveré c’accussì è!
    A quando il correttore per gli scritti in napoletano sul sito? 🙂

    Ciao Salvatore! Complimenti!

    • salvatore ha detto:

      Grazie Cosimo.
      Per il correttore sul sito non abbiamo possibilità di averlo.
      Se ti occorre qualche suggerimento, scrivimi direttamente.
      Salvatore

      • Cosimo ha detto:

        Ok, grazie Salvatore. La mia è un’idea che nasce dal fatto che il torrese, come il napoletano, potrebbe essere corretto al momento stesso della scrittura, come succede sui siti web per l’italiano e tante altre lingue. Per noi ‘poveri mortali’ sarebbe un ottimo aiuto. Secondo me si può fare, ma non saprei da dove cominciare 🙂

Aggiungi un commento