51 – Pillole Linguistiche Napoletane – Nuove etimologie napoletane

Inserito da: · dicembre 12, 2015

Di

Carlo Iandolo

Aràpere e arapì

Invece il napoletano, di fronte a un originario fonema “-er-”, lo muta nel nesso “-ar-”: (cameriera >) cammarera; (la chiacchiera >) ’a chiacchiara; (Caterina >) Catarí; (i piccoli capperi > ) ’e chiapparielle; (un fatterello >) nu fattariello; (imaccheroni >) ’e macc arune; (la merenda >) ’a marenna; (Mergellina > ) Margellina, per probabile ma erroneo incrocio con “mare”; (una pazzerella >) na pazzarella; (i peperoni >) ’e puparuole; (una piccola papera >) na paparella; (una porcheria >) na purcaria; (venerdí >) viernarí; (lo zucchero >) ’o zzuccar

icona pillole arapete1

 51 Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane – Aràpere, arapì – vesuvioweb 2015

Discussione2 Comments

  1. mari ha detto:

    Il verbo partenopeo “aràpere”, pur essendo ben chiaro nel significato di
    “aprire”, non trova nei nostri dizionari etimologici la sua limpida ricostruzione
    formale (il D’Ascoli si limita ad indicarne la semantica).
    Per giungere facilmente a tale estrazione linguistica, c’è bisogno di porre il
    verbo del latino classico “aperire” accanto a una duplice premessa.
    …………Arapre o’balconne bella figlioooo….

    …………….grazie Carlo proffessore emerito della nostra Napoli.

    una carezza per tanti ricordi belli
    !!!!!!!!

  2. mari ha detto:

    ……….che balla seraaate nennnee
    ……….stoghe a mezz’oraa soot’obalcone

    ma? l’araappee o no!!!

    uufffaaa i che nncevooo

    riccordi amici del mio cuore ,,,,,,,,,a ccaaappe sta sempppe laaa

    baci Maria

Aggiungi un commento