Natale con le zampogne

Inserito da: · dicembre 19, 2015

ZAMPOGNARI

Di

Aniello Langella

…  Lì la nonna aveva preparato l’incensiere acceso e davanti alle pecorelle che erano davanti alla grotta dove c’erano Giuseppe e Maria, aveva messo la fotografia di Aniello, il figlio scomparso in un tragico e drammatico evento qualche anno prima. Anche mamma era lì accanto al presepe ed aveva iniziato a caricare l’incensiere d’incenso fresco che   bruciando aveva riempito l’aria della grande stanza, di gioia, di emozioni e di ricordi. Quel fumo che ancora oggi per me è pregno del ricordo accompagnava sempre il Natale. Più in là, verso il fondo della stanza quasi al buio c’era il nonno, il vero artefice del presepe che guardava la scena come attendere ad un rituale noto e le cui fasi ogni anno erano le medesime   …

icona zampognari 2015 2

Aniello Langella – Zampognari – vesuvioweb 2015

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I fattarielli di Aniello Langella

Discussione2 Comments

  1. mari ha detto:

    A nuvena
    di Di Giacomo De Leva

    Nu zampugnaro ‘e nu paese ‘e fora,
    lassaje quase ‘nfiglianza la mugliera…
    Se partette pe’ Napule ‘e bon’ ora
    sunanno, allero allero: Ullèro, ullèro…
    E ullèro, ullèro… Ma nun era overo:
    ‘o zampugnaro, penzava ‘a mugliera…
    e suspirava… e ‘a zampogna,
    ‘e suspire s’abbuffava… Ah…ah…
    Cuccato ‘ncopp”a paglia, ‘o Bammeniello,
    senza manco ‘a miseria ‘e na cuperta,
    durmeva, ‘mmiez’’a vacca e ‘o ciucciariello,
    cu ll’uocchie ‘nchiuse e cu ‘a vucchella aperta…
    E ullèro, ullèro… che bella faccella,
    che bella resélla, faceva Giesù
    quanno ‘a Madonna cantava:
    “Core mio, fa’ nonna nonna…” Ah…ah…
    Mmerz”e vintuno, ‘e vintiduje d”o mese,
    na lettera lle dettero ‘a lucanna…
    ‘sta lettera veneva da ‘o pagghiese
    e sotto era firmata : Marianna…
    “E ullèro, ullèro… sto bene in salute
    e cosí spero sentire di te:
    Sono sgravata… e duje figlie
    aggio fatto, una figliata.” Ah…ah………………auguri

  2. mari ha detto:

    Suonno e Natale (poesia) Pasquale Ruocco

    Mm’aggio sunnato nu presebbio antico
    Addò ‘e pasture erano tutte frate,
    addò nu zampognaro npont’’o vico,
    sunava ancora e ll’angele, ncantate,
    pe’ ffore ‘e vasce d’’e chiù puverielle
    spannevano ll’addore ‘e ncienzo fino
    benedicendo tutt’’e guagliuncielle:
    ognuno ‘e lloro nu Giesù Bammino.
    Mm’aggio sunnato ciente Governante,
    vestite ‘a Magi, nnanze ‘e ccase oscure,
    addunucchiate comm’a tanta Sante,
    facendo ‘ntennerì pè fino ‘e mmure.
    E allora, ncopp’a stu presebbio mio,
    tutt’’e pasture, cu deritte eguale,
    hanno cantato: Gloria, gloria a Dio!
    . . . Che suonno ch’aggio fatto stu Natale……sereno stare natalizio

Aggiungi un commento