San Giovanni Nepomuceno a Napoli

Inserito da: · dicembre 12, 2015

Di

Aniello Langella

… Gli annegati: questo è il senso fideistico che lega il Santo al Ponte della Maddalena. Questa la lettura corretta dell’agiografia e della lettura filologica e per alcuni versi anche simbolica. Il fiume Sebeto rappresenta il confine orientale della città di Napoli. Lo è stato dai tempi della Campania Felix ed il suo guado non fu mai facile, sia per la presenza di un ampio delta, ma soprattutto per le insidie costituite dell’impaludamento del territorio pianeggiante. Nel IX secolo questo lembo di terra vesuviana prendeva il nome di territorium plagiense foris fluvium  …

icona nepomuceno2

Aniello Langella – San Nepomuceno al Ponte della Maddalena a Napoli – vesuvioweb 2015

 

Discussione5 Comments

  1. nikos kapetanidis ha detto:

    Bravo Aniello. Felicitazioni. E uno buonno escempio di desumere concluzioni dal una collezione di piture storiche nelo steso tema. E uno metodo di lavorazione globalamente acceto oggi.

  2. mari ha detto:

    Cenni storici
    Tutta la zona adiacente costituiva la foce del fiume Sebeto: un luogo alquanto acquitrinoso chiamato nel IX secolo territorium plagiense foris fluvium, a sud delimitato dal borgo di San Giovanni a Teduccio e a nord dalle mura di Napoli. Prima del ponte attuale, sono esistite varie altre strutture di collegamento.

    In tempi antichi, vi era un ponte chiamato pons padulis (o più semplicemente il ponte secondo documenti medievali); in seguito, cambiò nome in ponte Guizzardo (riscontrabile sin dal XIII secolo) o Ricciardo o Licciardo, nomi le cui origini potrebbero spiegarsi con un collegamento all’assedio che fecero alla città nel 1078 Roberto il Guiscardo e Riccardo di Capua.

    La denominazione della struttura attuale è tratta da una chiesa voluta nel XIV secolo in onore di Santa Maria Maddalena, nel XIX secolo affidata alla Congrega del Santissimo Rosario e oggi non più esistente.

    La struttura è stata più volte vittima delle vicende storiche della città, dovendo subire poi numerosi restauri: ad esempio fu danneggiata nel 1528 durante l’assedio del maresciallo francese Lautrec, anche da un’alluvione nel 1556, tanto da essere interamente ricostruito (e ingrandito oltremodo, rispetto alla assai scarsa portata del Sebeto) grazie all’intervento monetario di tutte le province della nazione. Da questo momento in poi la struttura fu chiamata Ponte della Maddalena.

    Fu restaurato sotto Carlo III di Borbone nel 1747, ma forse l’episodio che la danneggiò e/o la vide maggiormente protagonista, fu durante la Repubblica Partenopea del 1799.

    Le truppe francesi del generale Championnet, appoggiate dai democratici locali, entrarono a Napoli attraverso il ponte della Maddalena il 23 gennaio 1799 e venne proclamata la Repubblica Partenopea, ma, due settimane dopo, il Cardinale Ruffo sbarcato a Pizzo Calabro chiamò a raccolta tutti i paesi meridionali del Regno, per liberare la capitale; l’armata Sanfedista arrivò sul ponte della Maddalena all’alba del 13 giugno 1799, dove si unì con i Lazzari. La battaglia fu aspra e si verificarono forti scontri: si concluse con la ritirata francese.

    Fu ancora restaurato e ribassato verso la fine del XIX secolo per permettere il transito delle nuove vetture tranviarie ed era visibile fino a poco prima di questo restauro la celebre colonna miliare di epoca romana con iscrizione latina, la quale affermava che da lì in poi mancavano 1283 passi per Reggio Calabria[1]. La colonna infatti era stata trasferita nel 1872 nel museo nazionale di San Martino.[2]

    Presso il ponte della Maddalena terminava il servizio omnibus concesso a Ladislao Paridant, il quale aveva ottenuto tale concessione nel 1875 dal Comune di Napoli, che venne in seguito rilevato dalla Société Anonyme de Tramways Napolitains (SATN) quale tratta iniziale della tranvia Napoli-Portici-Torre del Greco. Il servizio venne inaugurato il 28 agosto 1876 e strutturato in maniera atipica, con le corse piazza da San Ferdinando (in seguito rinominata piazza Trieste e Trento) al confine detto “dei Granili”, in via Reggia di Portici, effettuate con normali vetture omnibus cui venivano sostituite le ruote per proseguire in modalità tranviaria fino a Portici……………..

    cordilale saluto
    grazie

  3. Falato Silvio ha detto:

    Novello Virgilio dantesco, riesci con la luce rischiarante dei tuoi ragionamenti a guidarci tra i tortuosi meandri delle conoscenze, offrendoci sicurezza e mirabile gratificazione. Grazie, Aniello e “Ad Majora!”

Aggiungi un commento