Discussione5 Comments

  1. mari ha detto:

    Pubblicato il 27 luglio 2009
    Stampa
    La conclusione della prima fase del restauro della barca romana rinvenuta a Ercolano sull’antica spiaggia (realizzato con i fondi del P.O.R. Campania 2000-2006) permette di aprire al pubblico uno dei reperti simbolo dell’antica città e di esporre, per la prima volta, una serie di oggetti collegati al mare e alle attività marinare. Agli inizi degli anni Ottanta del Novecento, da un’intuizione di Giuseppe Maggi, in quel tempo Direttore degli Scavi, l’esplorazione archeologica davanti alle Terme Suburbane raggiunse la sabbia vulcanica dell’antica spiaggia, dimostrando in modo incontrovertibile la posizione del litorale davanti alla città.
    Ma le sorprese erano appena iniziate: sulla spiaggia, e soprattutto nei magazzini che si aprivano su di essa, si rinvennero oltre trecento scheletri di Ercolanesi che avevano cercato riparo all’interno di quelle robuste arcate ricavate al di sotto dell’Area Sacra e della Terrazza di M. Nonio Balbo, sperando forse nell’arrivo di soccorsi dal mare.
    La scoperta più importante avvenne il 3 agosto del 1982 quando nella zona davanti alle Terme Suburbane iniziò a emergere dall’interro vulcanico la chiglia di una barca rovesciata dalla furia dell’eruzione. Questa era stata sepolta dai flussi piroclastici rimanendo sigillata nella coltre di materiali vulcanici che si indurì rapidamente garantendo, con la mancanza di ossigeno, la conservazione dei legni.
    La barca era lunga oltre 9 m, aveva una larghezza massima di circa 2,20 m e un’altezza massima di circa 1 m dalla chiglia al bordo. La linea somigliava quindi a quella di un grosso gozzo marinaro moderno. Prevedeva la presenza di tre scalmi per lato e poteva quindi essere mossa da tre coppie di remi. Era dotata di un timone esterno a remo che era bloccato alla barca da una cima, che è stata rinvenuta durante lo scavo.
    Lo scafo esterno è formato da tavole dello spessore di circa 3 cm collegate fra loro da incassi con il sistema di mortase e tenoni, uniti poi al fasciame con cavicchi di legno. Sempre con cavicchi è realizzata la giunzione con le ordinate, anche se poi questo collegamento era stato ulteriormente rinforzato con chiodi di rame a testa bombata.

    I lavori di restauro realizzati all’interno della barca hanno poi mostrato che le ordinate non erano a vista ma nascoste da un rivestimento di tavole di legno. Lo scafo si presentava quindi a doppio fasciame. Una serie di prelievi di campioni di legno da varie zone della barca realizzati durante i lavori di restauro hanno permesso di individuare le essenze utilizzate per la sua costruzione.
    “E’ con grande soddisfazione – dichiara la dott.ssa Maria Paola Guidobaldi, direttrice degli Scavi di Ercolano – che presentiamo al pubblico la prima fase del restauro della Barca, un reperto eccezionale che assomma in sé alcune delle più significative peculiarità degli Scavi di Ercolano: la stupefacente conservazione dei materiali organici e la cruda evidenza della tragedia che si consumò nella notte dell’eruzione. Il padiglione della Barca, in cui esponiamo anche molti altri manufatti legati alle attività marinare, prelude alla prossima musealizzazione degli scheletri dei fuggiaschi nei Fornici sull’antica spiaggia, autentico monumento di un popolo anonimo, catturato per sempre nel suo ultimo istante di vita”.
    Il restauro fa parte dei Lavori finanziati con Fondi Europei per il tramite della Regione Campania (POR 2000-2006) coordinati e diretti da funzionari dell’Ufficio Tecnico e dell’Ufficio Restauro della Soprintendenza e rientra nel complesso di sostanziali interventi di valorizzazione che includono l’area del parco archeologico compresa fra il Nuovo Ingresso agli Scavi e l’area della Villa dei Papiri, per un’estensione territoriale di oltre 10 ettari dell’intera area demaniale. In particolare si è progettato e realizzato un insieme coordinato di interventi che hanno abbracciato tutti i fronti del perimetro della città antica, risolvendo contestualmente problemi di riqualificazione decisiva e definitiva del sito archeologico.

    Tra questi:
    • il Parco attrezzato;
    • Messa in sicurezza e valorizzazione della Scarpata Nord degli Scavi;
    • Nuovo Ponte di accesso agli Scavi.

    • Il Parco attrezzato. Con il reintegro di una oltremodo degradata area demaniale adiacente al Nuovo Ingresso si è finalmente provveduto a realizzare un parco attrezzato di circa un ettaro che costituisce con l’area a verde del Nuovo Ingresso un polmone di
    ampio respiro urbanistico e di chiara valorizzazione monumentale e turistica. Tra percorsi e pergolati si sono collocati spazi per la sosta, il relax e per possibili rappresentazioni
    all’aperto con visuali panoramiche aperte alla splendida visione del golfo napoletano (Progetto: Studio Interplan Napoli; R.U.P.: Dott. E. De Carolis; D.L.: Arch. M.E. Pirozzi);

    • Messa in sicurezza e valorizzazione della Scarpata Nord degli Scavi. Con questi imponenti lavori il settore a Nord degli Scavi, gravato da un pericoloso fenomeno di frana e di consistente abusivismo edilizio della soprastante città moderna, è stato riqualificato e sapientemente valorizzato attraverso la realizzazione di complesse opere di contenimento della scarpata ricavando un percorso in quota che consente, all’occorrenza, di cogliere visuali e prospettive del sito archeologico finora interdette e mai godute liberamente (Progetto : Arch. A. de Rose; R.U.P.: Dott. E. De Carolis; D.L.: Arch. M.E.Pirozzi);

    • Nuovo Ponte di accesso agli Scavi. Un ulteriore intervento di delicata funzionalità all’accesso turistico sul piano antico della città si è definito collocando un nuovo e definitivo ponte in acciaio della lunghezza di 27 metri: esso sfocia sul cardo III, immettendo in maniera filologicamente corretta i visitatori su un’antica via di percorrenza della città, a differenza di quanto avveniva con il precedente ponte provvisorio (che presto verrà rimosso), che disorientava il visitatore, immettendolo direttamente nella terrazza porticata di un’antica domus (Progetto: Arch. A.de Rose; R.U.P.: Arch. V.Papaccio; D.L.: Ing. C.A.Guerra);

    …………………grazie per la immagini
    buona lettura a chi vorrebbe ………..

  2. mari ha detto:

    Archeologia
    Il territorio ha un’estesa dotazione di complessi archeologici, la cui caratterizzazione è data proprio dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C., che ha determinato una sorta di fermo immagine sulla vita reale delle cittadine romane, che non ha eguali nel mondo. I complessi più rilevanti cui si fa riferimento sono presenti nei comuni di Pompei, Ercolano, Torre Annunziata, Boscoreale, Castellammare di Stabia, Sant’Antonio Abate. A riprova della loro eccezionalità, gli scavi di Pompei, Ercolano e Oplontis, che attraggono milioni di visitatori ogni anno, sono considerati patrimonio dell’Umanità e fanno parte dei Siti UNESCO.
    Gli scavi di Ercolano in una parziale vista panoramica
    Gli scavi di Ercolano in una parziale vista panoramica
    Gli Scavi Archeologici di Ercolano rappresentano un piccolo gioiello per storici, appassionati di archeologia e visitatori, che ripercorrendo i Cardi e i Decumani dell’antico centro cittadino romano, possono rivivere quell’epoca lontana, grazie soprattutto all’integrità strutturale di gran parte delle domus e dei centri di aggregazione cittadina. La colata piroclastica, che distrusse la città di Herculaneum nel 79 d.C. in seguito all’eruzione del Vesuvio, aveva una composizione particolare, che invece di ardere le costruzioni, le sommerse e le conservò nel tempo.
    Tra Ville, botteghe, terme, templi ed emozionanti affreschi e mosaici pressoché intatti, il visitatore viene incuriosito da un particolare, rilevabile unicamente in questo sito archeologico: la colata che accompagnò l’eruzione ha reso infatti possibile la conservazione delle abitazioni plebee, solitamente poste al secondo piano delle botteghe del mercato, e ancora tutt’oggi visibili nella loro integrità, con scale, solai, e resti di mobili. Tra le incantevoli scoperte antiche vi è la Villa dei Papiri, residenza attribuita al nobile Lucio Calpurnio Pisone, dalla quale sono stati recuperati inestimabili reperti archeologici. Molti reperti ritrovati duranti gli scavi, sono esposti in una speciale sezione all’interno del museo archeologico di Napoli.
    La Villa di Poppea nel sito archeologico di Oplontis
    La Villa di Poppea nel sito archeologico di Oplontis
    A Torre Annunziata – indicato con il sito di Oplontis – è stata portata alla luce una delle più ricche e sfarzose ville di epoca romana (I secolo a.C.) presumibilmente appartenuta alla Gens Poppea e dimora estiva di ricchi pompeiani. In anni più recenti è stata scavata e riportata alla luce un’altra imponente costruzione rustica d’epoca romana tra le cui mura sono stati rinvenuti gioielli e monili forgiati con ammirevole tecnica orafa. L’UNESCO ha designato il sito archeologico di Oplontis, situato nel comune di Torre Annunziata, come Patrimonio dell’Umanità. La Villa si trovava in un sito privilegiato, sia per la vicinanza al mare, sia per la prossimità a Pompei.
    Torre Annunziata conserva altre testimonianze della preferenza che gli antichi Romani accordavano al territorio vesuviano: imponente la Villa di Caio Siculi e le antiche terme di Marco Crasso Frugi. Purtroppo però, attualmente questi siti archeologici non sono aperti al pubblico.
    Gli scavi archeologici di Pompeii
    Gli scavi archeologici di Pompeii
    Per la vasta estensione dell’area archeologica e le caratteristiche straordinarie legate alla tragedia che la distrusse, Pompei rappresenta uno tra i principali siti archeologici del mondo, dove la vita quotidiana della civiltà romana appare per intero, cristallizzata all’anno 79 d.C. L’antica Pompei copre un’area di 44 ettari, divisa in nove regioni a loro volta divise in insulae. Tra le costruzioni rinvenute la più nota è sicuramente Villa dei Misteri, abitazione signorile strutturata con diversi spazi e saloni; ciò che dona alla villa un fascino ineguagliabile è la decorazione del lussuoso salone, la raffigurazione dei Misteri dionisiaci, completa e discussa pittura che si dispiega in scene di gran livello artistico e di profondo significato tra liturgico e mistico.
    Un importante affresco, rinvenuto a Pompei nel 1879 nella Casa del Centenario, e conservato al Museo archeologico di Napoli, ritraeva Bacco e il Vesuvio, segno di un connubio armonico tra il vulcano, la natura e la popolazione prima della terrificante eruzione del 79 d.C.
    Scavi archeologici di Stabiae, la Villa Arianna
    Scavi archeologici di Stabiae, la Villa Arianna
    Stabiae, l’odierna Castellammare di Stabia, fu una delle mete preferite dai patrizi romani, tanto che il suo territorio fu costellato di numerose ville residenziali. Scoperta nel 1749 dagli scavatori borbonici, Stabiae, sin dall’inizio, si contraddistinse come luogo di eccellenza: l’esplorazione della città però durò solamente pochi anni, tanto che già nel 1782 tutte le attività di scavo vennero spostate a Pompei, cosi che ville, case e strade ritornarono sotto terra mentre affreschi, statue e suppellettili preziose vennero raccolti nel museo cittadino. Dopo l’abbandono, nel 1800, vi furono vari rinvenimenti che mantennero acceso il ricordo di Stabiae: però fu soltanto nel 1950 che due ville, villa San Marco e villa Arianna, furono riportate parzialmente alla luce.
    Oggi il sito di Stabiae è al centro di un grande progetto internazionale che prevede la creazione di un parco archeologico…………………….buona lettura amiciii

  3. mari ha detto:

    .Vadano cordialmente le congratulazioni al sig:Giuseppe Maggi per le catture fotografiche!!!

  4. Felice Di Maro ha detto:

    piacerebbe saperne di più. Un saluto

  5. Jana Haasová ha detto:

    Grazie per un molto interessante Ercolana reportage fotografico.

    Salute Jana

Aggiungi un commento