Nu cesso scåssáto

Inserito da: · febbraio 13, 2016

Nu cesso scåssáto. Pure de Crescenzo parla turrese.

Le due A di scåssáto sono chiuse.
Leggendo l’estratto su “La Lingua Napoletana” dal “Voyage dans le royaume de Naples” del francese Jean-Jacques Bouchard, (Parigi, 1606. Roma 1641) nella traduzione di Amedeo Messina per l’Istituto Linguistico Campano, (www.ilc.com) mi colpiscono due osservazioni dello studioso francese, a proposito della pronuncia del napoletano:

“In primo luogo la gola, in fondo alla quale fanno nascere e trattengono la voce soprattutto sulla a, in modo che il parlare sembra un gargarismo. …. La loro – a –  è lunga, ma oscura, pronunciata com’essa è dalla gola…”.

Che cosa di particolare avrà sentito lo straniero in quella pronuncia?

Certo che, se la lingua napoletana, nel suo secolare processo di toscanizzazione, avesse perduto anche questa particolarità morfologica, non potremmo che rammaricarci. Se così fosse, i napoletani avrebbero abbandonato l’uso di una ottava vocale cupa, un po’ cafona, guadagnandone in eleganza musicale ma certamente perdendo qualche cosa in ricchezza espressiva. Peggio pe lloro.

Di

Salvatore Argenziano

 

https://

Discussione7 Comments

  1. mari ha detto:

    …………….jajajajaj visto il filmato non mi resta che ridere
    cosa rimarra???Nu ccesso acassato…………..

    —————grazie per la tua o la vostra inventiva ,la meravigliosa vece sia napóletana che torresse …sone comme nu canteee……..oi neeeeeeeee

    …………..grazie per farci/mi ridere oineee!!! il riso fa buon sangue……..lo dico per coloro che tengono semmpee ‘a facci’aappesa….jajaja

  2. Falato Silvio ha detto:

    Sono splendide perle che dobbiamo cercare di conservare gelosamente. Tra i cantanti di canzoni napoletane antiche mi colpisce più degli altri Giacomo Rondinella per la pronunzia molto accentuata della “a” postpalatale. Consta pure a te, Salvatore?

    • salvatore ha detto:

      Si, mi risulta Silvio. La sua A diventa quasi una – O -. Sapendo noi che non era di Torre del Greco, dicevamo che fosse di Torre Annunziata.
      Oggi capisco il perché non lo sentivamo del nostro paese. La su A postpalatale è molto diffusa e non è risultato di un esito metafonetico. Diventano chiuse pure le A toniche di parole femminili.

  3. Giovanni D'Amiano ha detto:

    Credo che i dialetti, rispetto alla lingua toscana, conservino una maggiore espressività, e ciò per un bisogno espressivo maggiore nel “popolo dialettale” il quale chiede alla “parlata” tale ricchezza espressiva ( il dialetto nap. ha più vocaboli dello stesso italiano), e quando la lingua non riesce a fornirglielo ricorre all’uso ricchissimo della mimica, dei gesti (perfino fatto materia di…simpatica provocazione da parte di alcuni attori…(Proietti) con cui accompagna la parola, fino a cambiarle i …connotati. Naturalmente, aggiungere suoni alla pronuncia per cui la può essere aperta o chiusa/ cupa, è uno degli strumenti per arricchire di espressività il “torrese” (ben evidenziato da Argenziano) e pare lo stesso napoletano, anche se in modo, allo stato, attenuato, nonché forse altri dialetti.

  4. Giovanni D'Amiano ha detto:

    per cui la A può essere

  5. Amedeo Messina ha detto:

    Grazie per la citazione….

Aggiungi un commento