01 – L’articolo nella grafia e nella Grammatica Napoletana

Inserito da: · marzo 2, 2016

Di

Salvatore Argenziano

Da alcuni anni è in atto una revisione della grafia del napoletano, a cura di insigni studiosi, come Nicola De Blasi e Carlo Iandolo, con argomentazioni valide e logiche che condivido. Lo scopo è quello di giustificare e codificare alcune regole ortografiche, in parte già seguite dagli autori classici napoletani. Dico “in parte” perché pochi hanno seguito in passato queste regole e chi le ha seguite lo ha fatto saltuariamente. Vedi a questo proposito il Raddoppiamento Consonantico che gli autori adottavano soltanto per alcuni elementi duplicanti. Oggi neppure tutti i poeti  e cultori del dialetto condividono l’adozione totale di questa regola ortografica.

icona grafia nap2

01 – L’Articolo – La Grafia della Grammatica napoletana – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2016

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Grafia e Grammatica Napoletana

Discussione5 Comments

  1. mari ha detto:

    ………Cordiale e gentil amico.grazie .
    ……….jaja ..’e butegli’epummmarole…………belli tiempp’enavootee,

  2. mari ha detto:

    Da alcuni anni è in atto una revisione della grafia del napoletano, a cura di
    insigni studiosi, come Nicola De Blasi e Carlo Iandolo, con argomentazioni valide e
    logiche che condivido. Lo scopo è quello di giustificare e codificare alcune regole
    ortografiche, in parte già seguite dagli autori classici napoletani. Dico “in parte”
    perché pochi hanno seguito in passato queste regole e chi le ha seguite lo ha fatto
    saltuariamente. Vedi a questo proposito il Raddoppiamento Consonantico che gli
    autori adottavano soltanto per alcuni elementi duplicanti. Oggi neppure tutti i poeti e
    cultori del dialetto condividono l’adozione totale di questa regola ortografica—————————————-cordiale saluto anche all’emerito Carlo Iandolo …lo si ringrazia col cuore ……………

    • Giovanni D'Amiano ha detto:

      La logica delle tue ricerche è inoppugnabile, purtroppo, In illo tempore, il Galliani, forse riferendosi al francese, scelse come vocale evanescente finale e interna pretonica del dialetto napoletano la sola , e pensare di cambiare dopo secoli di scrittura- come onestamente ammetti- è inimmaginabile; e invece è “necessario” farlo sul piano linguistico scientifico. Per cui sono convinto che la tua riscrittura in base alle tue ricerche sia opportuna e necessaria, ai fini della “verità” scientifica, pur nella convinzione (ma mai dire mai: ” E pur si muove”) che avrà una scarsissima possibilità di trovare applicazione nella pratica. Buon lavoro, Salvatore…

  3. Falato Silvio ha detto:

    Continua così, Salvatore. Congratulazioni.

  4. giuseppina di vicino ha detto:

    Ciao Salvatore, ho letto con attenzione la tua lezione sugli articoli determinativi e indeterminativi in napoletano. La mia conoscenza della lingua si ferma al dialetto parlato perchè chiaramente sono napoletana di nascita e ” filosofa” di studi. Ti rendo noto con gioia che la mia poesia ‘A luna ‘e Napule che tu correggesti si è classificata per il Premio Internazionale Salvatore Quasimodo 2015 sez poesia (in vernacolo) – dei 5 finalisti sono la 3° -, indetto dalla Aletti casa editrice , e che sono in attesa di premiazione. Volevo aspettare e dirtelo ad avvenuta premiazione ma nel leggere il tuo articolo non ho potuto fare a meno di comunicarti la bella notizia.,insieme ai miei sinceri e cari ringraziamenti per la tua partecipazione. al mio lavoro, di cui sei artefice anche tu. Grazie, e ancora grazie . Cordiali saluti Pina.

Aggiungi un commento