Curiosità della lingua Italiana – Parole con aggiunta a sorpresa

Inserito da: · marzo 17, 2016

Curiosità della lingua Italiana – Parole con aggiunta a sorpresa

Di

Carlo Iandolo

Ecco il latino classico “ombella = parasole”, che nel tardo latino parlato divenne “umbrella” per un logico avvicinamento di forma e significato a “umbra = ombra” prima di essere maschilizzato; analoga aggiunta riguarda il latino “amandula = mandorla”, che mostra non solo la perdita della “a-” iniziale scambiata per l’articolo “la”, ma ha anch’essa subíto l’inserimento dissimilatorio di “-r-”, questa volta per escludere il valore diminutivo di quello che poteva falsamente apparire come il suffisso “-ola”; cosí anche il latino “rastellu” = rastrello”, sotto influsso dell’accostamento a “rastrum = rastro”, nome di strumento da “ràdere”.

1 icona xx

Carlo Iandolo – Curiosità della lingua italiana – Parole con aggiunta a sorpresa – vesuvioweb 2016

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Curiosità della lingua italiana

Discussione1 Comment

  1. mari ha detto:

    Altri tre sostantivi hanno invece inserito una “-b-” fra due consonanti che
    altrimenti sarebbero risultate impronunciabili: da “numeru-m” latino (= “numero”),
    con perdita della “-e-” l’inglese trasse “number”;
    da “hominem” (= “uomo”) con perdita della “-i-” lo spagnolo derivò *homne e
    quindi “hombre” con dissimilazione che fece mutare “m…n” in “m…r”;
    dall’aggettivo “similis = simile”, con perdita della “i-” centrale e con forma
    verbale fu ricavato l’italiano *siml-are, divenuto *simblare e, con dissimilazione
    “mbl > mbr”, il definitivo “sembrare = esser simile, dar impressione di
    somiglianza”. —————————————–
    *************Interesantissimo brano ,gentil e caro proffessore Carlo Iandolo***************

    Anche le immagini eddite sono splendide ,coronano il brillante laboro La ringrazio di cuore Lei ed a tutto lo staff ……..vero piacere.

Aggiungi un commento