Errico Ascione – Il Ricovero

Inserito da: · aprile 21, 2016

Il titolo fa riferimento al libretto del 1998 “il greco della torre”, evidente gioco di parole dal nome del mio paese. Ricordi di fatti e persone, forse
deformati dalla memoria, realmente avvenuti ed esistite. Il grande vano del portone sulla strada è stato per qualche tempo il nostro ricovero antiaereo.

Errico Ascione – Il Ricovero – vesuvioweb

 

I tecnici del Comune, addetti a verificare la rispondenza del locale a parametri prefissati, dopo alcuni sopralluoghi avevano deciso che il nostro androne poteva, doveva essere dichiarato “Ricovero Antiaereo”. Da quel momento, pertanto, sarebbe dovuto rimanere aperto giorno e notte per ospitare chiunque volesse trovarvi riparo durante gli allarmi aerei.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Errico Ascione, Storia e cultura

Discussione2 Comments

  1. giuseppina di vicino ha detto:

    Prescindendo dall’argomento trattato, a me per fortuna sconosciuto ma vissuto dai miei genitori e i primi due fratelli ( in tenera età), la lettura del racconto è stata piacevole per lo stile fluido con cui è narrato il contenuto. I miei complimenti allo scrittore ,da non confondere con la tristezza abilmente celata nei ricordi narrati. Un cordiale saluto. .
    Giuseppina Di Vicino

  2. mari ha detto:

    I tre balilla, miei compagni, erano tutti più grandi di me di almeno un
    paio d’anni. Io ero stato scelto con loro soltanto perché avevo la loro stessa
    altezza. Per motivi di simmetria coreografica, dunque, mi è toccato passare
    quattro ore di notte, pietrificato dalla paura, a fare la guardia al morto. Ero
    in divisa, con i guanti bianchi e un pesante fucile tra le mani. Libro e
    moschetto: balilla perfetto, si diceva.
    Avevano disteso l’aviatore su di un catafalco al centro della stanza.
    Lo avevano coperto con la bandiera, lasciandogli il viso scoperto. Riuscii a
    sistemarmi dalla parte dei piedi e un poco distante, quanto bastava per non
    vedere in faccia il morto né, per quanto possibile, la bandiera che ne
    modellava il corpo. Durante il giorno una folla, una processione, aveva
    voluto portare un saluto, fiori e candele. Di notte noi quattro restammo soli
    col morto. La camera era illuminata dalla fioca luce delle candele e satura
    del profumo dolce dei fiori mescolato al tanfo della cera. …………..La ringrazio Errico……..molto toccante al cuore la sua edditoriale,molto sentita!nuova–mente grazie

Aggiungi un commento