Il brigantaggio a Sarno nel Decennio Francese

Inserito da: · aprile 10, 2016

Tra storia e storie

Di

Gaetana Mazza

…   Nel quartiere di Episcopio non fu fissato stabilmente un Corpo, perché la guardia «quando si faceva, quando no»4. L’esosità delle richieste, l’atteggiamento sprezzante e la perentorietà degli ordini5 sono alla base del duro scontro che si verificò tra le autorità militari e l’amministrazione cittadina (maggio 1806), quando il Comando militare impose alla città di Sarno, per il mantenimento delle truppe francesi stanziate a Nocera, il contributo di 1.000 ducati e per quelle stabilite a Salerno il contributo di 2.000 ducati  …

icona brigantaggio2

Capitolo IX
Il brigantaggio a Sarno nel Decennio Francese
9.1. Anno 1806 – 9.2. Anno 1807

Gaetana Mazza – Brigantaggio -Tra storia e storie – vesuvioweb 2015 – 1

 Capitolo IX
Il brigantaggio a Sarno nel Decennio Francese
9.3. Anno 1808 – 9.4. Anno 1809

Gaetana Mazza – Brigantaggio -Tra storia e storie – vesuvioweb 2016 – 2

Discussione3 Comments

  1. mari ha detto:

    « Ottantamila Italiani degli Stati di Napoli, marciano comandati dal loro Re, e giurano di non dimandare riposo, se non dopo la liberazione d’Italia »
    (Gioacchino Murat, Proclama di Rimini, 30 marzo 1815)
    A Giuseppe Bonaparte, nel 1808 destinato a regnare sulla Spagna, succedette Gioacchino Murat, che fu incoronato da Napoleone il 1º agosto dello stesso anno, col nome di Gioacchino Napoleone, re delle Due Sicilie,[89] par la grace de Dieu et par la Constitution de l’Etat, in ottemperanza allo Statuto di Baiona che fu concesso al regno di Napoli da Giuseppe Bonaparte. Il nuovo sovrano catturò immediatamente la benevolenza dei cittadini liberando Capri dall’occupazione inglese, risalente al 1805. Aggregò poi il distretto di Larino alla provincia di Molise. Fondò, con decreto del 18 novembre 1808, il Corpo degli ingegneri di Ponti e Strade e avviò opere pubbliche di rilievo non solo a Napoli (il ponte della Sanità, via Posillipo, nuovi scavi ad Ercolano, il Campo di Marte), ma anche nel resto del Regno: l’illuminazione pubblica a Reggio di Calabria, il progetto del Borgo Nuovo di Bari, l’istituzione dell’ospedale San Carlo di Potenza e l’ammodernamento della viabilità nelle montagne d’Abruzzo. Fu promotore del Codice Napoleone, entrato in vigore nel regno il 1º gennaio 1809, un nuovo sistema legislativo civile che, fra le altre cose, consentiva per la prima volta in Italia il divorzio e il matrimonio civile: il codice suscitò subito polemiche nel clero più conservatore, che vedeva sottratto alle parrocchie il privilegio della gestione delle politiche familiari, risalente al 1560[90][91]. Nel 1812, grazie alle politiche del Murat, fu impiantata la prima cartiera del regno a sistema di produzione moderno presso Isola del Liri, nell’edificio del soppresso convento dei carmelitani, ad opera dell’industriale francese Carlo Antonio Beranger[92].

    La campagna militare del Murat nell’Italia settentrionale.
    Nel 1808, il sovrano incaricò il generale Charles Antoine Manhès di soffocare la recrudescenza del brigantaggio nel Regno, distinguendosi con metodi talmente feroci da essere soprannominato “Lo Sterminatore” dai calabresi.[93] Dopo aver domato con poche difficoltà le rivolte nel Cilento e negli Abruzzi, Manhès pose il suo quartier generale a Potenza, proseguendo con successo l’attività repressiva nelle restanti zone meridionali, soprattutto in Basilicata e Calabria, province più vicine alla Sicilia, da cui i briganti ricevevano supporto dalla corte borbonica in esilio.[94]

    Nell’estate del 1810 Murat tentò uno sbarco in Sicilia per riunire politicamente l’isola al continente; giunse a Scilla il 3 giugno dello stesso anno e vi restò sino al 5 luglio, quando fu completato un grande accampamento presso Piale, frazione di Villa San Giovanni, dove il re si stabilì con la corte, i ministri e le più alte cariche civili e militari. Il 26 settembre poi, constatando impresa difficile la conquista della Sicilia, Murat dismise l’accampamento di Piale e ripartì per la capitale.

    Grazie allo statuto di Baiona, la costituzione con cui Murat era stato proclamato da Napoleone re delle due Sicilie, il nuovo sovrano si considerava svincolato dal vassallaggio nei confronti dell’antica gerarchia francese, rappresentata a Napoli da molti funzionari nominati da Giuseppe Bonaparte, e forte di questa linea politica, trovò maggior sostegno nei cittadini napoletani, che videro pure di buon occhio la partecipazione del Murat a diverse cerimonie religiose e la concessione regia di alcuni titoli dell’Ordine Reale delle Due Sicilie a vescovi e sacerdoti cattolici[95]. Re Gioacchino prese parte fino al 1813 alle campagne napoleoniche, ma la crisi politica del Bonaparte non fu un ostacolo alla sua politica internazionale. Cercò fino al congresso di Vienna il sostegno delle potenze europee, schierando le truppe napoletane anche contro la Francia ed il Regno napoleonico d’Italia, sostenendo invece l’esercito austriaco che scendeva a sud per la conquista della Val Padana: con l’occasione occupò le Marche, l’Umbria e l’Emilia-Romagna fino a Modena e Reggio Emilia, bene accolto dalle popolazioni locali[96]. Conservò più a lungo la corona, ma non si liberò dell’ostilità britannica e della nuova Francia di Luigi XVIII, inimicizie che impedirono l’invito di una delegazione napoletana al Congresso, e così ogni sanzione alla occupazione napoletana di Umbria, Marche e Legazioni, risalenti alla campagna del 1814. Tale incertezza politica spinse il re ad una mossa azzardata: prese contatto con Napoleone all’isola d’Elba e si accordò con l’imperatore in esilio, in vista del tentativo dei Cento giorni. Murat diede inizio alla guerra austro-napoletana, attaccando gli stati alleati dell’Impero austriaco; a seguito di questa seconda svolta militare, Murat lanciò il famoso Proclama di Rimini,[97] un appello all’unione dei popoli italiani, convenzionalmente considerato l’inizio del Risorgimento. La campagna unitaria però naufragò il 4 maggio 1815, quando gli austriaci lo sconfissero nella battaglia di Tolentino: col trattato di Casalanza infine, firmato presso Capua il 20 maggio 1815 dai generali austriaci e murattiani, il regno di Napoli tornava alla corona borbonica.[98] L’epopea murattiana terminò con l’ultima spedizione navale che il generale tentò dalla Corsica verso Napoli, dirottata poi verso la Calabria dove, a Pizzo Calabro, Murat fu catturato e fucilato sul posto.[88][9………………….Dopo la Restaurazione, con il ritorno dei Borbone sul trono di Napoli, i due regni di Napoli e di Sicilia nel dicembre 1816 furono uniti in un’unica entità statuale, il regno delle Due Sicilie, che ebbe vita fino al 1861, quando, in seguito alla spedizione dei mille e all’intervento militare del Piemonte, le Due Sicilie furono annesse al nascente Regno d’Italia[100]. Il nuovo regno conservò il sistema amministrativo napoleonico, secondo una linea di governo adottata da tutti gli stati restaurati, in cui si iscrisse, a Napoli, il programma politico borbonico, fortemente conservatore. Il ministero di Polizia fu affidato ad Antonio Capece Minutolo Principe di Canosa[101], mentre quello delle Finanze a Luigi de’ Medici, appartenente al ramo mediceo dei Principi di Ottajano, e quello di Giustizia e degli Affari Ecclesiastici a Donato Tommasi, principali sostenitori della restaurazione cattolica napoletana[102]. Per la prima volta inoltre il re, che aveva assunto il titolo di Ferdinando I delle Due Sicilie, si mostrò disponibile ad accordi politici con la Santa Sede, fino a promuovere il concordato di Terracina, del 16 febbraio 1818, per cui venivano definitivamente aboliti i privilegi fiscali e giuridici del clero nel napoletano, rafforzandone però i diritti patrimoniali e incrementandone i beni[103]. Lo Stato fu caratterizzato da una politica fortemente confessionale, sostenendo le missioni popolari dei passionisti e dei gesuiti e i collegi dei barnabiti, di formazione anti-regalista[104], e per la prima volta adottando la religione nazionale come pretesto per sedare le rivolte popolari (moti del 21)…………………

  2. mari ha detto:

    Geografia[modifica | modifica wikitesto]

    Mappa del Regno di Napoli di Fabio di Giovanni Antonio Magini (XVII secolo) con gli stemmi delle dodici province storiche
    Dalla sua formazione fino all’unità d’Italia il territorio occupato dal regno di Napoli rimase compreso pressappoco sempre entro gli stessi confini e l’unità territoriale fu solo debolmente minacciata dal feudalesimo (Principato di Taranto, Ducato di Sora, Ducato di Bari) e dalle incursioni dei corsari barbareschi. Occupava grossomodo tutta la parte della penisola italiana che oggi è conosciuta come Mezzogiorno, dai fiumi Tronto e Liri, dai monti Simbruini a nord, fino al capo d’Otranto e al capo Spartivento. La lunga catena appenninica che vi si sviluppa era tradizionalmente divisa in Appennino abruzzese ai confini con lo Stato Pontificio, Appennino napoletano dal Molise al Pollino e Appennino calabrese dalla Sila all’Aspromonte. Fra i fiumi maggiori, il Garigliano e il Volturno: gli unici navigabili. Appartenevano al regno le isole dell’arcipelago campano, le isole ponziane e Tremiti, nonché a seconda del periodo storico, la Sicilia, le Egadi, le Lipari, Pantelleria, Ustica, e lo Stato dei Presidi. Lo Stato era diviso in giustizierati o province, con a capo un giustiziere, attorno a cui ruotava un sistema di funzionari che lo aiutavano nell’amministrazione della giustizia e nelle riscossioni delle entrate tributarie. Ogni città capoluogo dei giustizierati ospitava un tribunale, un presidio militare e una zecca (non sempre attiva………………………per chi volesse approfondire

  3. cosa si intende esattamente per “briganti”? Resistenti o delinquenti ?

Aggiungi un commento