La Panificazione a Guardia Sanframondi

Inserito da: · aprile 19, 2016

Di

Silvio Falato

E “la fàtta de pàne”, così si diceva, veniva ripetuta ogni otto-dieci giorni; infatti se ne consumava tanto sia perché rappresentava l’alimento principale del tempo sia perché le famiglie erano molto numerose. Ogni casa aveva il suo forno, e la sera prima del giorno della panificazione
veniva prelevata la farina necessaria dall’apposito contenitore (re sàqqwe) e si procedeva alla stacciatura (“se cernèva”).

icona pane1

Silvio Falato – La fatta del pane – vesuvioweb 2016

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Guardia Saframondi

Discussione6 Comments

  1. mari ha detto:

    ‘Na vòt’évanǝ ghròssǝ lǝ famìgljǝ Una volta erano numerose le famiglie
    e dǝ pànǝ ognùnǝ s’abbǝttàva; e di pane ognuno si saziava;
    n’asǝštévǝnǝ tànta lǝkkarìgljǝ non esistevano tante leccornie
    e lǝ pànǝ sǝ facèv’e ‘nz’akkattàva. e il pane si faceva (in casa) e non si comprava.
    Ogn’òttǝ jwòrnǝ, ént’a ògnǝ kàsa Ogni otto giorni, in ogni casa,
    dǝ ggéntǝ bbeneštànt’o pǝvǝrélla, di gente benestante o poveretta,
    d’attrezzatùrǝ vǝdìvǝ ggjà ‘na špàsa: di vari attrezzi vedevi una distesa:
    S’évǝn’a fa djécj’o dùdǝcǝ panélla. Si dovevano preparare dieci o dodici panelle.
    Rǝ jwòrnǝ prìma s’èva fàttǝ ‘ncétta Il giorno precedente era stata fatta la provvista
    d’àqqwa frèška e dǝ lèna pǝ rǝ fùrnǝ di acqua fresca e di legna per il forno
    e la sèra màmm’e fìglja, la chjù ‘nfétta, e la sera, madre e figlia, la più vispa e capace,
    prònt’a cérnǝ a la faccjatòra ‘ntùrnǝ. Pronte a vagliare intorno alla madia.
    Vintùnǝ zǝppǝréllǝ dǝ farìna Ventuno zuppiere di farina
    vjéngwǝnǝ prelevàt’a rǝ sakkònǝ vengono prelevate dal grosso sacco
    e, passàtǝ ku ‘na sèta fìna fìna, e, vagliate con uno staccio a rete sottile,
    ku fatìka sǝ n’è ffàttǝ ‘nǝ mǝntònǝ. con fatica se ne è fatto un grosso mucchio. ….Gentil Silvio:non trovo la parola l’agettivo…non so :mi creda mi portó accanto alla massaia…………le mani di mamma…………La ringrazio cordialmente…Le immagini postate profumano lle paguine.grazie alla staff

  2. mari ha detto:

    Ogni casa aveva il suo forno, e la sera prima del giorno della panificazione
    veniva prelevata la farina necessaria dall’apposito contenitore (re sàqqwe) e si procedeva alla stacciatura (“se cernèva”)………………..

    ……………bella frase “se cerneva”……..passava il puro….il vero…Ecco l’esito

    • Falato Silvio ha detto:

      Ringrazio di cuore tutti: Aniello per la gentile ospitalità, Salvatore per la disponibilità e la perizia nell’organizzazione del testo e Mari, sempre così pronta a commentare con grande sensibilità. Il mio pensiero va naturalmente alla mia cara madre, che mi ha lasciato il perenne ricordo de’ ” La fatta de pane”.

      • Vesuvioweb ha detto:

        Noi curiamo o tentiamo di farlo, quello che è o potrebbe essere per taluni, l’aspetto culturale. Questo è fatto di tradizioni, di staria, di storie, di racconti, di musica e di semplici note, di immagini e di opere d’arte. Compito arduo, direbbe il nostro lettore. Noi ci proviamo. Testi come il tuo e tutti i commenti che ne seguono sono le risposte al nostro timido tentativo e se volete approccio al tema arduo e complesso. Facciamo però squadra ed il farlo, premia. Giusto per fare una garbata citazione direi che spesso le guerre non si vincono mai, ma le battaglie si. E così lasciandovi in questo mezzodì un po’ grigio, vi auguro una buona belligeranza.

  3. mari ha detto:

    ………amici da tanto lontano vicini vi sento…proprio del cuore….
    ………..’ecome ci dice Nello,con le prime ore del dí,freddo ma con tanto sole vi auguro di volerci sempre tanto tanto bene,dato che la nostra tastiera la Batte il Cuor………….Baci cordiali……..BUONA VITA !!!

  4. Falato Silvio ha detto:

    Ancora un “Grazie di cuore ” a tutti.

Aggiungi un commento