Processo a una Regina

Inserito da: · aprile 25, 2016

Processo a una Regina

Di

Giovanni Ruotolo

Ci si può chiedere ,come mai sia morta in Austria e non nelle capitale del suo beneamato Regno. Il fatto e’ che la Regina fu letteralmente cacciata dalla Sicilia, durante il secondo esilio dei Borbone, dall’ammiraglio inglese Lord Bentincck per presunti intrighi con esponenti murattiani. Dopo un lungo e travagliato viaggio giunse nella capitale austriaca, ma, per questioni di opportunità fu relegata nel castello di Hetzendorf, distante dalla Capitale. Emarginata, solo lamentava il fatto che nessuno andasse a farle visita, a parte quei pochi che vi si recavano unicamente per vedere l’ultima figlia in vita della grande Imperatrice Maria Teresa d’Austria.

icona carolina1

Processo a una Regina – Di Giovanni Ruotolo – vesuvioweb 2015

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Personaggi a Napoli, Storia

Discussione4 Comments

  1. mari ha detto:

    Emarginata, solo lamentava il fatto che nessuno andasse a farle visita, a parte quei pochi che vi si recavano unicamente per vedere l’ultima figlia in vita della grande Imperatrice Maria Teresa d’Austria…………….Il dolore tremendo della che vi portava il nome di Regina ..in fondo ne fú vittima……….di un chiamato Regno

    grazie Complimenti

  2. carmela di lecce ha detto:

    A PROPOSITO DEL “PROCESSO A UNA REGINA.
    Che Giovanni Ruotolo, amasse il periodo storico riguardante il Regno di Napoli e in particolare, il periodo della La Rivoluzione Napoletana del 1799, lo si era capito dai numerosi argomenti trattati in proposito. Questa volta , è di scena la Regina Carolina. Nella sua acuta dissertazione, mi piace rilevare l’umana pietà che l’autore le rivolge nell’osservare la sua teca al Palazzo Reale di Napoli “E’ lo stampo della tristezza e di un’infinita stanchezza”. E nell’analisi del processo , Giovanni, pone sempre un risvolto umano, anche se i fatti storici, presentati con dovizia di particolari e supportati dalle stesse parole di autorevoli storici e cultori del pensiero storico, quale il Croce,sono di colpevolezza, sebbene condivisa con l’ignavo consorte, Ferdinano IV e the fox, la volpe l’inglese ammiraglio, Nelson. L’inumana ferocia con cui furono , torturati, condannati e uccisi i patrioti napoletani “la meglio gioventù” come sottolinea l’autore stesso, per intelligenza, spessore culturale e impegno sociale,parla da sola ed è, di per se stessa, una condanna. Ma i regnanti sono pur semre uomini e donne, con il loro bagaglio di sofferenze e punti di vista condizionanti ora da l’uno , ora dall’altro consigliere. La legge è uguale per tutti, o dovrebbe, perciò Ruotolo, non assolve anche se lascia lo spazio alla pietas, ma espone e si attiene alle fonti storiche, con occhio attento e competente, come si conviene a chi tratta argomenti storici. La verità della notizia, come si dice in gergo giornalistico. Ed è davvero un bel leggere, efficace, immediato, istruttivo. Complimenti, Giovanni.

  3. Eduardo Cuomo ha detto:

    Tra le figure femminili che ottennero il potere e ressero il bastone del comando salendo su un trono altrimenti dedicato ad un uomo, sicuramente Maria Teresa d’Asburgo fu quella che dovette lottare più a lungo e più duramente per ottenere l’acquisizione di un diritto che il padre, l’Imperatore Carlo VI, aveva già previsto e reso ufficiale con una legge: la Prammatica Sanzione, con la quale stabiliva che, alla sua morte, sul trono potesse salire, in mancanza di un erede maschio, una donna.
    La pietá si sente nel testo: si scorge quell’esperienza umana viva e sofferta, quell’esilio, quella lenta morte, esclusa dalla gente del suo popolo. Ruotolo, come sempre infallibile, haasciato quella aspra nota di divina Provvidenza che otterrá la Regina. Bravissimo.

  4. Ruotolo Giovanni ha detto:

    Sono estremamente lusingato dai commenti sopra esposti. Essi mi spingono a continuare ad approfondire lo studio di questo periodo storico al quale sono particolarmente legato.

Aggiungi un commento