Santa Lucia Luntana

Inserito da: · aprile 7, 2016

Di

Aniello Langella

E mentre il barone con la famiglia si avviavano alla casa in alto al terzo piano, Rosa pulì tutto; rimosse quegli escrementi e lavò le cime. Non lo fece di buon cuore. Poi sedette ad attendere il marito che scendesse e tra sé e sé pensò:
–   Sissignore è vvero ca avimmo ’a rispettà u cane p’u padrone, ma a coppola ’i maritome no! Nisciuno l’ha dda tuccà. Nisciuno! E ppo’ nu nomme cchiù quequero ’i Topazia s’u putevano truvà.
Terminò lì l’amaro pensiero di Rosa. Scese Pasquale che vide la moglie davanti al magazzino. Si guardarono; lui con il broncio e lei con un sorriso solare come mai; gli stese le braccia e sull’uscio della bottega si abbracciarono e si strinsero. Voltarono le spalle alla strada rientrando nella bottega. Lui non disse nulla, ma lei:
–   Topazia. Ma che ccane ’i mmerda

icona santa lucia1

Santa Lucia luntana – Di Aniello Langella – vesuvioweb 2016.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I fattarielli di Aniello Langella

Discussione3 Comments

  1. mari ha detto:

    ………….jajaja …ma ke cane é merde………………

    Interessante é fattecielle Santa Lucia lontana

    Partono ‘e bastimente
    pe’ terre assaje luntane
    Cántano a buordo:
    só’ Napulitane!
    Cantano pe’ tramente
    ‘o golfo giá scumpare,
    e ‘a luna, ‘a miez’ô mare,
    nu poco ‘e Napule
    lle fa vedé
    Santa Lucia!
    Luntano ‘a te,
    quanta malincunia!
    Se gira ‘o munno sano,
    se va a cercá furtuna
    ma, quanno sponta ‘a luna,
    luntano ‘a Napule
    nun se pò stá!
    E sònano Ma ‘e mmane
    trèmmano ‘ncopp”e ccorde
    Quanta ricorde, ahimmé,
    quanta ricorde
    E ‘o core nun ‘o sane
    nemmeno cu ‘e ccanzone:
    Sentenno voce e suone,
    se mette a chiagnere
    ca vò’ turná

    Santa Lucia, tu tiene
    sulo nu poco ‘e mare
    ma, cchiù luntana staje,
    cchiù bella pare
    E’ ‘o canto d”e Ssirene
    ca tesse ancora ‘e rrezze!
    Core nun vò’ ricchezze:
    si è nato a Napule,
    ce vò’ murí!………………….
    .Aggiungo la bella poesia
    Grazie Nello!!

  2. Leonardo ha detto:

    Bravissimo!

  3. La canzone,a distanza di più d’un secolo,interpreta al meglio il dramma e la nostalgia dell’emigrante,costretto dalla necessità economica a lasciare il paesaggio nativo,parte ineliminabile della sua identità umana ed esistenziale.Ai bastimenti che portavano italiani,polacchi,irlandesi,russi verso altri Continenti ora fanno da contrappunto i barconi ed i gommoni dei migranti dell’Africa e del Medio Oriente,non di rado respinti e rifiutati dai porti del Mediterraneo.L’emigrante soffriva ieri e soffre oggi:cambiano solo i nomi,i paesi d’imbarco,le destinazioni.L’Ue,responsabile dei domini coloniali,non senza talora veri e propri genocidi,con i suoi millenni di civiltà non riesce a trovare,per anacronistici egoismi nazionali,una risposta efficace e condivisa al problema degli immigrati.Cento anni fa la rottura con il proprio paese d’origine era totale,data la limitatezza dei mezzi di comunicazione,attualmente la rottura è solo,apparentemente meno traumatica,ma i disagi,le privazioni e le discriminazioni continuano,come e più di prima.Il testo di E.A.Mario per tematica,densità di sentimento,per immediatezza espressiva parla ancora a noi lettori ed ascoltatori del ventunesimo. secolo.Un classico che,pur in diversi contesti,coinvolge e fa riflettere…

Aggiungi un commento