Santa Maria La Bruna, una città senza cemento

Inserito da: · aprile 3, 2016

Di

Errico Ascione

Per trovare materiale da costruzione, basta scavare. La terra vesuviana è tutta così. C’è un primo strato di terra, del tipo pozzolana. Sotto, a un metro o poco più, uno strato di schiuma, di lava; la parte più leggera, quella che galleggiava sulla lava incandescente; schiumosa ma solida, consistente. Sotto ancora, la pietra di lava vesuviana, resistente dura compatta. Questi tre materiali, anzi questi tre aspetti della stessa materia,
bastano per costruire una casa; sono bastati per costruire un paese. Le pietre usate per la muratura sono spesso scaglie di risulta dal taglio della lava per i “basoli”, la tipica pavimentazione stradale del vesuviano.

icona cemento1

Errico Ascione – Paese senza cemento – vesuvioweb 2016

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura

Discussione1 Comment

  1. mari ha detto:

    Un paese senza piazza, senza acqua, senza cemento; meta di
    passeggiate domenicali per allegre comitive di napoletani; famoso per la
    “casina rossa”, un ristorante notissimo per il pesce fresco e i frutti di mare.
    Data la sua posizione facilmente raggiungibile da tanti paesi vicini, Santa
    Maria la Bruna è stata sempre frequentata da famiglie che amano passare le
    vacanze in un posto sano e soprattutto a buon mercato…………….

    .Interessante grazie per il contenuto

Aggiungi un commento