Il monastero di Massalubrense e Suor Serafina di Dio

Inserito da: · maggio 24, 2016

Di

Aniello Langella

Noi uomini oggi, pieni e spesso tronfi delle conquiste scientifiche che fanno parte della ricerca dello studio e degli sforzi di tanta gente che lavora in particolare nel campo della medicina, riteniamo di essere giunti ad un livello tale di progresso, da divenire e senza osare blasfemie, quasi immortali. Crediamo che a tutto possiamo dare risposte. Ed è questa a mio parere la vera blasfemia. Qui dentro non vi sono risposte. Non c’è un responso successivo ad un prelievo di sangue che passa in una macchina che legge il risultato. In questo parlatorio, tra le mura del grande chiostro e la magnifica chiesa che trabocca di bellezza, le risposte vengono dal di dentro; sono già in noi. Le possediamo e attendono solo di essere partorite, con l’aiuto di qualcosa che non è una macchina. Ogni parola che giunge al cuore, qui dentro è già parto e la sua attesa può essere sofferenza.

Aniello Langella – Il Monastero di Massalubrense e Suor Serafina di Dio – vesuvioweb 2016.pub

icona massalubrense2

Discussione5 Comments

  1. Falato Silvio ha detto:

    Ben si fondono, e in maniera armonica, nel nostro bravissimo Nello, tutte le doti che erano un tempo dei medici provenienti da una scuola completa come il liceo classico: formazione umanistica e quindi amore del bello, cultura detta alla napoletana “tosta”, familiarità assoluta col trascendente, “peritia dicendi”. Quanta rabbia ci viene in corpo quando dobbiamo constatare che il comportamento iconoclastico di certi politici da strapazzo ci ha portato via per sempre tali incomparabili ricchezze della nostra antica cultura!

    • Vesuvioweb ha detto:

      Il tuo commento è graditissimo, caro Silvio. Io prendo spunto da ciò che apparentemente può sembrare un contenitore normale, consueto e a tratti dimenticato. Lo esamino e tento con tutte le mie forze di farlo rivivere. Io credo ceramente che quel luogo conservi memorie storiche tangibili e allo stesso tempo contenga anche quel misterioso mix che può condurre un uomo a suonare partiture nuove, più alte, che in qualche modo ci accostano ad una realtà non terrena. E questa è fuori e dentro ognuno di noi. Grazie Silvio.

  2. mari ha detto:

    Qui dentro non vi sono risposte. Non c’è un responso successivo ad un prelievo di sangue che passa in una macchina che legge il risultato. In questo parlatorio, tra le mura del grande chiostro e la magnifica chiesa che trabocca di bellezza, le risposte vengono dal di dentro; sono già in noi. Le possediamo e attendono solo di essere partorite, con l’aiuto di qualcosa che non è una macchina. Ogni parola che giunge al cuore, qui dentro è già parto e la sua attesa può essere sofferenza…………………..Le risposte dtanno chisa per colui che “segnalato dallo sirito Santo…..il verbo parglialasi …me sempre “entro”l’immensita del infinito Essere…………………….grazie Nello leggendo vi sono stata come una partecipe in quel sacro luogo eve …vive LEI IN TUTTA LA SUA GRANDEZZA …grazie

    • Vesuvioweb ha detto:

      In quel luogo dove spesso ritorno le risposte che hai dentro le ascolti nel silenzio. E’ questo che oggi ci manca: il silenzio che spessissimo costruisce il pensiero.
      Grazie Maria

  3. fff ha detto:

    Da Osvaldo De Mase un commento:
    Carissimo Aniello ti ringrazio tanto per questo bellissimo lavoro sul Monastero
    di Massalubrense e Suor Serafina di Dio sono felice di leggere questo grande
    lavoro nelle pagine tanto amore per questo personaggio della storia vesuviana,
    donna artista poliedrica amante della bellezza del incontro con Gesù divino
    maestro nella clausura con la preghiera , la bellezza salverebbe questo mondo,
    dal claustro un segno divino, il messaggio della Pace, noi siamo servi di Dio ,
    e questo ci deve bastare invece siamo a volte in affanno per tante cose inutili
    Dio solo basta, il resto è solo Vanità , Grazie a Dio per il tuo Lavoro che Dio
    ti Benedica a te e famiglia tuo fratello Osvaldo Vicente De Mase e famiglia da
    Napoli. Cordiali Saluti e Grazie

Aggiungi un commento