La Rassegna d’Ischia – Anno XXXVII N. 2 Aprile / Maggio 2016

Inserito da: · maggio 7, 2016

Periodico di ricerche e di temi turistici, culturali, politici e sportivi
Dir. responsabile Raffaele Castagna
Anno XXXVII
N. 2 Aprile / Maggio 2016
icona ischia1

Discussione2 Comments

  1. mari ha detto:

    zo Biagi: ‘Quali illusioni ritiene di aver
    perduto nel corso della sua vita?’.
    Pier Paolo Pasolini: ‘Assolutamente nessuna!…
    è una domanda che mi sorprende, perché
    la mia vita è caratterizzata dal fatto di non
    aver perso alcuna illusione…’.
    Mi piace ricordare quei cattedratici che, dolorosamente,
    furono costretti a scegliere tra la fedeltà al
    fascismo e la propria cattedra. Ebbene, solo pochi,
    eroicamente, rinunciarono alla fedeltà al fascismo e
    alla cattedra; rinunciarono a un riconoscimento istituzionale
    divenuto svilente, per restare intellettuali.
    Per motivi anagrafici Pasolini non fu costretto a scegliere.
    Tuttavia, se lo fosse stato, per una mia intima,
    istintiva convinzione, so per certo quale sarebbe stata
    la sua scelta.
    Nacque a Bologna, primo di due fratelli, il 5 marzo
    1922, da Susanna Colussi, maestra friulana di Casarsa
    e Carlo Alberto, ufficiale di fanteria bolognese.
    Pier Paolo Pasolini: ‘…Più che i racconti di
    mia madre, nella formazione del mio carattere
    ebbe un peso la sua ideologia, formata da
    Pier Paolo Pasolini
    Ritratto di uno
    scandaloso
    sublime
    inquieto
    di Luca Ielasi
    tutte quelle illusioni di cui lei mi parlava prima,
    l’illusione di essere buoni, di essere bravi,
    di essere generosi, del dare agli altri, del credere,
    del sapere, etc… (…) Mio padre… che era
    nazionalista… se non proprio fascista, quasi…
    aveva una religione puramente formale, cioè…
    in chiesa alla domenica, alla messa grande, la
    messa dove vanno i borghesi ricchi… (…) Mia
    madre aveva una religione contadina, presa
    da sua nonna, cioè da mia bisnonna, che era
    una religione molto poetica, ma per niente
    convenzionale, per niente confessionale… (…)
    Il fatto che mio padre e mia madre non andavano
    d’accordo per me è stata una tragedia,
    una vera tragedia…’.
    Tra il ’22 e il ’27, per i continui trasferimenti del
    padre, risiedette a Parma, a Conegliano, a Belluno
    (ove, nel ’27, nacque il fratello Guido Alberto) e ancora
    a Conegliano. Nel ’28, poiché Carlo Alberto fu
    arrestato per debiti, si trasferì a Casarsa e Susanna,
    per far fronte alle ristrettezze economiche, fu costretta
    a riprendere l’insegnamento. L’anno successivo
    il padre fu rilasciato e ripresero i trasferimenti
    e i cambi di residenza della famiglia. Fu a Sacile, a
    Idria (nella Venezia Giulia, oggi territorio sloveno),
    ancora a Conegliano (ove, nel ’35, iniziò a frequentare
    il ginnasio), a Cremona, a Scandiano————————–

  2. mari ha detto:

    Pier Paolo Pasolini: ‘Ungaretti,
    secondo lei esiste la ‘normalità’
    e la ‘anormalità’ sessuale?’.
    Giuseppe Ungaretti: ‘Senta…
    ogni uomo è fatto in un
    modo diverso. Dico… nella
    sua struttura fisica è fatto in
    un modo diverso… è fatto in
    modo diverso anche nella sua
    combinazione spirituale, no…
    Tutti gli uomini sono a loro
    modo anormali; tutti gli uomini
    sono, in un certo senso,
    in contrasto con la natura. E
    questo sino… sino dal primo
    momento, con l’atto di civiltà…
    l’atto di civiltà che è un atto di
    prepotenza umana sulla natura…
    è un atto contro-natura.’.
    Pier Paolo Pasolini: ‘Sono
    molto indiscreto se le chiedo
    di dirmi qualcosa a proposito
    di norma e trasgressione della
    norma… sulla sua esperienza
    intima… personale…’……………

    Pier Paolo Pasolini
    Ritratto di uno
    scandaloso
    sublime
    inquieto.
    …………….sono piccole righe di un testo molto interessante …troverete molto materiale di scelte diverse.

    ——————–Ringrazio allo staff Perodico amabbile da leggere con calma
    Grazie

Aggiungi un commento