I medicamenti a Napoli nel 1903

Inserito da: · maggio 8, 2016

Di

Aniello Langella

La terza inserzione è particolarmente interessante. Scriveva un paziente in Almanacco Italiano del 1906: “Sono ammalato di tubercolosi pulmonare: 6 fl. Lichenina al creosoto e menta per un anno e mezzo di cura spero completare la guarigione col vostro specifico. Un mio amico me ne fornì 2 fl. ed ho osservato che mi hanno assai diminuito lo spurgo molto ben calmare la tosse. Il 26-6-1906 ne chiesi altri 2 fl. dichiarando di averla trovata molto vantaggiosa. Giovanni Sordtnl. go D. Budesindo Borghi, monaco benedettino.”

icona medicamenti2

Aniello Langella – Medicamenti napoletani 1903 – vesuvioweb 2015

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Medicina vesuviana

Discussione5 Comments

  1. Falato Silvio ha detto:

    A prescindere dai contenuti medico-scientifici, l’articolo offre un bellissimo spaccato della vita di un tempo in una città dinamica e desiderosa di migliorare. Complimenti e grazie.

  2. mari ha detto:

    Un tempo a Napoli e non solo, si
    impermeabilizzavano i tetti delle
    case con il catrame. Ma con il catrame
    di preparavano anche le impermeabilizzazioni
    delle imbarcazioni.
    La stoppa con il catrame, veniva
    inserita tra le lunghe tavole del
    fasciame e ciò lasciava lo scafo elastico
    ed impermeabile.
    Chi lavorava nel campo dell’edilizia
    e della cantieristica navale,
    respirava volentieri i vapori derivati
    dalla bollitura e dal riscaldamento
    del catrame. Quei vapori, a quei
    tempi erano considerati benefici per
    i polmoni. Peccato che qualche
    anno dopo si scoprì che il catrame,
    nella sua forma sublimata, se inalato
    è un potente cancerogeno.
    In alcune patologie polmonari, la
    medicina indicava le inalazioni con
    catrame ed un toscano al giorno.
    Questo è un po’ il senso e la chiave
    di lettura delle pillole di Catramina. ……………….

    Dott:carissimo Aniello Langella
    con il suo pemesso presi appena qulche rigah scritta con tanta cura ed tanto interessante………al mio avviso bella raccolta di Medicamenti napoletani 1903———-siamo 2016:quindi (¡?)l’importante pero,sarebbe in tutti i tempi,quella passione dem “medico”chisa senza nemmeno stare in rete ….nooo impossibile ai tempi…………vero Nello?prendevano dalla stezza natura ..la medicina………..esempii vi sono molti………
    Voglio ringraziare voi amici cari la buona volontá per instruirci,per un pó la Storia della medicina partenopea…grazie

    • Vesuvioweb ha detto:

      A Napoli i grandi della medicina già nel secolo XVIII fecero grande la città; questo è uno spaccato di vita di quei tempi
      Grazie Maria

  3. mari ha detto:

    Aspirina, acido acetilsalicilico, è chimicamente un estere acetilato dell’acido salicilico. È un principio attivo il cui primo indicazioni mostrare come analgesico, antipiretico ed anti-infiammatorio, efficace e ben tollerato.

    Ma per conoscere le sue origini, dobbiamo andare indietro all’inizio della storia perché l’umanità è sempre stato interessato a trovare cure per le malattie e, in particolare, per i dolori e la febbre.

    Quei primi “medicine” erano in natura, specialmente nelle piante. E i nostri antenati hanno scoperto che la corteccia del salice ha dato sollievo ad alcuni di questi disturbi, ma tra Medioevo al XVIII secolo, non si sa perché, ma è stato dimenticato.
    ,,,,,,,,,,,,,,,,per asseverare come sopra dicevo “piante-natura-medicine

Aggiungi un commento