Mimmo Carratelli – Villa De Nicola

Inserito da: · maggio 19, 2016

La sera andavamo dal Presidente. Questo succedeva a metà degli anni Cinquanta. Sarà successo due, tre volte. Studiavamo giurisprudenza, la mia amica Carmen Carrino e io, e salivamo lungo via Curtoli e oltre per raggiungere la villa di Enrico De Nicola in stile liberty. Sui due pilastri dell’ingresso c’era scritto “Inveni portum”. Il nostro tramite fu la governante tedesca del presidente, Franziska Schnell, una donna energica che assisteva e proteggeva De Nicola oltre ogni limite. Ma ci aveva preso in simpatia e riferì a “sua eccellenza” che volevamo avere un incontro per i nostri studi.
L’adesione di De Nicola al nostro desiderio fu immediata. Nel giorno e all’ora stabilita della prima visita ci presentammo emozionatissimi nella villa.

Mimmo Carratelli – Villa DeNicola – vesuvioweb

Discussione1 Comment

  1. mari ha detto:

    RIl primo presidente della neonata Repubblica Italiana è un monarchico e ha 69 anni: Enrico De Nicola, napoletano, politico liberale, avvocato penalista e insigne giurista, che eccezionalmente detesta la retorica (“è il cloroformio delle Corti d’Assise”), ma bada molto alle forme. Ed è proprio per una questione di forme che, il 28 giugno 1946, viene eletto capo provvisorio dello Stato. All’indomani del referendum istituzionale del 2 giugno, che ha sancito per un soffio e tra mille polemiche di brogli la vittoria della Repubblica sulla Monarchia, le massime cariche dello Stato sono occupate da due settentrionali fieramente repubblicani: il trentino Alcide De Gasperi al governo, il piemontese Giuseppe Saragat alla Costituente. Bisogna dare un contentino al Sud, che ha votato in massa per Casa Savoia e si sente più che mai estraneo alla vita politica, tutta dominata dal “vento del Nord” resistenziale. I candidati alla presidenza sono tutti “revenants” (fantasmi, come li chiamava in dialetto piemontese Vittorio Emanuele III, memore dei loro trascorsi nell’Italietta prefascista): la Dc tifa per Vittorio Emanuele Orlando, i socialisti per Benedetto Croce. Ma tra i papabili c’è pure De Nicola, ex deputato liberale e ministro giolittiano, anche se nessuno è disposto a scommettere su di lui, per via del suo pedigree non proprio antifascista…………….

Aggiungi un commento