Gaetao De Bottis – Ragionamento istorico dell’incendio del Vesuvio accaduto nel mese di Ottobre del MDCCLXVII

Inserito da: · giugno 17, 2016

ERUZIONE 1767

All’ore 18 del giorno fuddetto si sentì orrendamente romoreggiare il Monte, e questo suo romore fino all’ore 23. A’ forti e gagliardi accendimenti,che continuamente seguivano nelle vifcere di esso Monte, l’aria circostante rompevasi, e turbavasi in guisa, che per li suoi violenti impeti ed urti grandemente tremavano gli edificj di que’ luoghi, che fono intorno al Monte fino alla distanza di 60, miglia e più. In mentre l’aria era dal cruccioso Monte cosi turbata e commossa, mi venne curiosità di conoscere, il suo peso soffriva qualche mutazione. Per la qual cosa osservai più volte il Barometro, e vidi quasi sempre, che il mercurio non salì ma discese. Ho detto quasi sempre; perocchè due volte solamente mi parve di averlo veduto prestamente un pochetto trapaslare il segno della sua altezzach’era 28 pollici, e poi subito discendere là, dond’ era partito.

Gaetano De Bottis - Gaetao De Bottis - Ragionamento istorico dell'incendio del Vesuvio accaduto nel mese di Ottobre del MDCCLXVII - vesuvioweb 2016

 

Gaetano De Bottis - Gaetao De Bottis - Ragionamento istorico dell'incendio del Vesuvio accaduto nel mese di Ottobre del MDCCLXVII - vesuvioweb 2016a

https://archive.org/stream/ragionamentoisto00bott

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L'eruzione del Vesuvio del 1767

Discussione2 Comments

  1. Jana Haasová ha detto:

    Meravigliosi e suggestivi incisioni (probabilmente litografia). Sono stato incuriosito e immagini dettagliate della eruzione del Vesuvio con una descrizione dettagliata.

    Salute Jana

  2. mari ha detto:

    Complimenti :grazie

Aggiungi un commento