Gli Scavi di Pompei in una cronaca del 1912

Inserito da: · giugno 14, 2016

Gli Scavi di Pompei in una cronaca del 1912

Pompei, la città morta che rivive. Anno XII numero 5, del 1912. Dalla Rivista del Corriere della Sera

Uno spaccato interessantissimo della storia degli Scavi di Pompei durante il periodo di regime. Foto inedite illustrano un articolo di rare suggestioni.

I nuovi scavi di Pompei in una cronaca del 1912 – vesuvioweb – Aniello Langella

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura

Discussione2 Comments

  1. mari ha detto:

    Ringrazio Francesco Fatica ed Uccio De Santis per avermi invitato a parlare di un argomento poco studiato nella pur sterminata bibliografia che riguarda le due città vesuviane. I motivi di questa ‘dimenticanza’ sono probabilmente da imputare alla difficoltà di affrontare in maniera obbiettiva luci ed ombre di un periodo rispetto al quale sembra non sia stata ancora raggiunta una sufficiente distanza emotiva[1]. Il discorso appare molto più complesso di quello solitamente portato avanti del mito di Roma e dell’uso propagandistico dell’archeologia da parte del regime fascista. L’archeologia fra le due guerre è legata spesso a figure di valenti archeologi che con il loro impegno ed il loro lavoro hanno segnato il campo degli studi in una prospettiva che va oltre la strumentalizzazione politica. Proprio a Pompei ed a Ercolano, siti di cui mi occupo in questo contributo, è possibile cogliere per il periodo in esame, aspetti decisamente innovativi sia sotto il profilo della ricerca archeologica, che della fruizione turistica.
    Prima di entrare nel vivo dell’argomento è necessario tracciare un breve quadro di introduttivo. A Pompei gli inizi del XX secolo erano cominciati in un clima di roventi polemiche. Il sistema di esplorazione dell’agro pompeiano, effettuato col sistema delle concessioni di scavo ai privati, si era rilevato disastroso, favorendo la dispersione di reperti e pitture. Il caso più eclatante e che indignò l’opinione pubblica e gli intellettuali, fu la vendita da parte del concessionario di scavo, Vincenzo De Prisco, del famoso tesoro di argenteria trovato a Boscoreale, e donato poi al Louvre dal banchiere Rothschild[2]. Lo scandalo coinvolse anche il direttore degli scavi di Pompei, Giulio De Petra, che venne rimpiazzato con lo storico Ettore Pais, poco tagliato per le ricerche archeologiche, e presto sostituito con Antonio Sogliano (1905-1910). Il Sogliano era un ottimo archeologo, grande conoscitore di Pompei, dove aveva già lavorato come ispettore[3]. Egli si fece anche promotore di un ambizioso ed articolato piano d’intervento che prevedeva l’esplorazione del sottosuolo della città, per individuarne le fasi di epoca preromana[4]. Ma toccò al suo successore, Vittorio Spinazzola, riportare Pompei, per così dire, agli onori della cronaca. Spinazzola fu soprintendente agli scavi dal 1911 al 1923. Ultimamente sull’immagine positiva e laudativa di questo archeologo sono stati avanzati dei dubbi, in particolare sul piano delle protezione di cui godette[5]. In ogni caso, anche grazie all’amicizia che lo legava all’allora ministro del tesoro, l’onorevole De Nava, ottenne una notevole dotazione finanziaria per il suo programma di scavi e restauri a Pompei. Già nel primo anno del suo mandato iniziò dunque un’importante opera di disseppellimento dell’intera via dell’Abbondanza (FIG. 1), la strada principale dell’antica Pompei, che attraversa la città in tutta la sua lunghezza, dal Foro fino a Porta Sarno (FIG. 2). La strada era il cuore commerciale della città antica e lo scavo mise in luce una quantità di botteghe con le antiche insegne, iscrizioni elettorali e programmi di giochi gladiatori vergati sui muri della via più frequentata, eco di una città pulsante ed attiva, cristallizzata dall’eruzione del 79. Lo Spinazzola pose una particolare attenzione ad elementi architettonici fino a quel momento trascurati, come per esempio i piani superiori, i tetti, i balconi, le finestre (FIG. 3), che fece restaurare filologicamente restituendoci una immagine più viva della città e della sua principale arteria[6].
    Naturalmente lo scoppio della Prima Guerra Mondiale determinò un rallentamento nei lavori di sterro, che nel maggio del 1915 vennero quasi completamente sospesi. Né la felice conclusione della guerra mutò questo stato di cose: l’Italia, sebbene vittoriosa, era sconvolta economicamente e socialmente, e nonostante l’interesse del re e del principe ereditario l’attività degli scavi rimane praticamente quasi ferma[7].
    Fu solo con l’avvento del fascismo che i lavori conobbero un nuovo impulso[8]. Alcune importanti scoperte ravvivarono l’interesse del mondo intero per i siti vesuviani, come si evince dal fatto che a questo periodo risale anche l’interesse della stampa turistica per Pompei (FIG. 4). Agli scavi di Via dell’Abbondanza è dedicato il primo servizio su Pompei apparso sulla rivista le Le Vie d’Italia[9], la rivista del Turing club, pubblicata mensilmente dalla fine dell’Ottocento e considerata una delle più serie ed apprezzate in Italia per quanto riguarda il settore turistico[10]. L’articolo è del luglio 1923, e fu scritto da un insigne archeologo, Guido Calza (direttore degli scavi di Ostia) con il titolo “Pompei che rinasce”[11]. Negli stessi anni (1923-24) e con un titolo analogo “Pompei risorta”, Margherita Sarfatti dedica a Pompei un articolo sulla rivista Dedalo, sostenendo che la città che si andava disseppellendo aveva impressionanti analogie con le forme del mondo contemporaneo[12].

  2. mari ha detto:

    Ma la maggiore impresa del Maiuri fu la ripresa degli scavi di Ercolano, fermi da quasi mezzo secolo[23]. Nel 1927 il Maiuri si rivolse direttamente a Mussolini, il quale acconsentì e fornì i fondi necessari. Il 9 aprile 1927, nella sede della reale Società romana di Storia Patria, Mussolini pronunciava un discorso sulla ripresa degli scavi e sul recupero delle due navi di Nemi[24] : “Mentre qui in Roma si ripristinano per volontà del Governo fascista i monumenti più augusti dell’antichità, non rifatti perché ogni rifacimento sarebbe una stolta profanazione, ma semplicemente dissepolti o liberati dalle parassitarie incrostazioni accumulate in secoli di abbandono, io mi sono proposto di porre mano ad un’opera da lunghi anni vanamente invocata dagli studiosi di tutte le nazioni: la rinascita di Ercolano. [….] Debbo confessare che se in questo momento di assestamento finanziario mi sono indotto ad un sacrificio di denaro per riprendere gli scavi di Ercolano, ciò non potè avvenire «soltanto» per risolvere qualche grave problema di ordine architettonico ed epigrafico o antiquario o per trovare qualche nuovo resto delle antiche strutture. Non «soltanto» ho detto. E queste parole rispondono veramente al mio pensiero. Perché non ignoro né l’importanza di questi problemi, né la luce che da Ercolano può venire. Ercolano non è Pompei…perché se di Pompei fosse veramente una copia in piccolo formato, poco conto ci sarebbe a iniziare lo scavo e tanto varrebbe intensificare ancora gli scavi pompeiani. Le due città sorelle sono di fatto dissimili e ognuna di esse presenta il suo carattere peculiare e la sua fisionomia tutta propria. Diversa era la vita loro e il carattere, l’aspetto di una città è sempre il riflesso e lo specchio della vita che in essa si svolge. […..] A muoverci all’impresa basterebbe l’interesse per molti problemi dell’architettura pubblica e privata dell’antichità che Ercolano potrà risolvere forse meglio di Pompei. Come non ci ha spaventato la spesa, così non ci hanno spaventato le due ragioni che fino ad oggi hanno tenuto lontano il Governo da questi scavi. Difficoltà tecnica per il preteso strato di lava e di tufo che avrebbe ricoperto Ercolano a differenza di Pompei sepolta nelle ceneri e nel lapillo; poca probabilità di fruttuosi trovamenti per i larghi scavi già condotti senza metodo e disastrosamente nei due ultimi secoli. Leggenda è la prima, presunzione gratuita a seconda. […] Gli scavi cominceranno nell’area a sud di Resina e nella parte bassa dell’antica città, verso la linea di confine a mare ormai accertata, in modo che si potrà lavorare allo scoperto e si potranno portare le terre di scarico con poco dispendio fuori dalla zona archeologica”.
    Così all’inizio dei nuovi scavi fu solennemente dato il via il 16 maggio 1927 alla presenza del Re (FIG. 13). Dopo tre anni l’area dissepolta era di circa mq. 4.500, con più di 100.000 metri cubi di materie portate allo scarico e la somma spesa fino al 1930, tra espropri, lavoro di scavo e restauro ammontava a £. 3.602.378[25] (FIG. 14).
    Nel 1932 Maiuri pubblicava nella raccolta “Visioni Italiche”, il volume Ercolano, primo resoconto divulgativo degli scavi e anticipatore dei poderosi volumi Ercolano. I nuovi scavi (1927-1958), che videro la luce solo nel 1958.
    Nel primo capitolo del volume del 1932 Maiuri scriveva:
    “Chi, appena pochi anni fa.. si fosse soffermato a visitare le rovine di Ercolano a cui l’abbandono e il senso di una quasi ineluttabile rinunzia venivano togliendo ogni traccia di vita e ogni speranza di resurrezione, non avrebbe certo… osato sperare quel che oggi, per tenace volontà della Nazione, è realtà che si preannuncia già lieta di risultati e piena di promesse: la ripresa definitiva degli scavi di Ercolano […] Dopo appena quattro anni di intenso lavoro, si è messa in luce un’area di gran lunga superiore a quella che venne saltuariamente e malamente scavata nel lungo periodo che va dal 1828 al 1875[…] Una buona organizzazione di lavoro ed i perfezionati sistemi di scavo, ci hanno rivelato in breve tempo buona parte del quartiere meridionale della città”. Questo immenso lavoro impose la necessità di creare un nuovo accesso, che prima era sul Vicolo del mare, realizzandone uno nuovo su corso Ercolano[26] (FIG. 15).

    Il mio intervento dovrebbe chiudersi allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, ma non è possibile non accennare ad una delle pagine più tragiche per gli Scavi di Pompei, per l’Archeologia e la Cultura mondiale in generale: il bombardamento americano del 1943.
    Per una fatale coincidenza proprio il 24 agosto, lo stesso giorno in cui era iniziata, nel 79 d.C. l’eruzione che avrebbe distrutto Pompei e le altre città vesuviane, Pompei visse una nuova terribile distruzione e questa volta non per cause naturali, bensì ad opera delle truppe americane. Alle ore 22,30 di quel giorno, alla luce folgorante dei bengala lanciati coi paracadute, gli alleati colpirono il Foro, le case intorno a Porta Marina e l’Antiquarium pompeiano, distruggendo più di 1300 reperti ritrovati in duecento anni di scavi, tra cui i famosi calchi delle vittime dell’eruzione. A quel bombardamento ne seguirono altri motivati dall’errato convincimento del comando Militare Alleato, che tra le rovine si accampasse un’intera divisione Corazzata tedesca. In realtà invece, un solo pezzo di anticarro si trovava sotto una delle arcate dell’autostrada presso l’ingresso degli scavi, ma nonostante ciò Pompei e le sue rovine, divennero un vero e proprio obiettivo di guerra. Dal 13 al 26 settembre furono sganciate sugli scavi più di 150 bombe che distrussero irreparabilmente interi quartieri della città antica (FIGG. 17-18).
    Dopo anni di silenzio, il libro di Laurentino Garcia y Garcia fa per la prima volta piena luce su questo scempio. Come giustamente si fa notare nel libro, dobbiamo considerare che ciò che vediamo a Pompei sono le ‘rovine delle rovine’. Al momento dello scavo, infatti gli edifici riemergono più intatti, i colori delle pitture più fresche, gli oggetti al loro posto, i mosaici integri e l’attuale degrado dipende purtroppo dall’incuria o da eventi drammatici come quello ora descritto, a riprova del fatto che alle volte la Natura è meno devastante dell’Uomo!
    ……………………Amici per colui hce vvolesse interesarsi ,inio una lettura attraente .

Aggiungi un commento