Carlo Parlati

Inserito da: · settembre 10, 2016

Di

Eduardo Cuomo

Carlo Parlati , è uno di quegli uomini che hanno dato modo di far conoscere Torre del Greco nel mondo. Egli è considerato uno degli artefici del cambiamento che nella fine del Novecento e l’inizio del nuovo millennio, riesce a dare un impulso innova vo nel pres gioso seore dell’arte della lavorazione del corallo e dei cammei  attività, questa, importata già all’inizio de XIX secolo. Con le sue figure dalle forme possen , quanto quelle “esili” dalle forme limpide e naturali, crea scene di grande realismo e grande impao visivo, capace di imprimere sta d’animo anche alla persona meno aenta. Il maestro Carlo Parlati , nasce il 7 gennaio del 1934, a Torre del Greco. Figlio di Antonino Parlati, (anche quest’ul mo uomo conosciuto nella cià perché si era bene inserito nel se re dell’incisione del cammeo su conchiglia).

icona parlati1
Eduardo Cuomo – Carlo Parlati – vesuvioweb 2016.pub

 

Discussione4 Comments

  1. mari ha detto:

    Carlo Parlati nacque a Torre del Greco nel 1934 da una famiglia di incisori su corallo. Il padre, Antonino, aveva un piccolo laboratorio artigiano, dove Carlo, sin da ragazzino, era solito trascorrere il suo tempo. E’ qui che egli si avvicino per la prima volta all’arte antica del corallo mostrando attitudine e volonta` di apprendere fuori del comune. Piu` tardi frequento con successo la Scuola d’incisione del Corallo di Torre del Greco, dove divenne ben presto uno degli allievi piu` promettenti. Furono, quelli, anni decisivi per la formazione della sua personalita` artistica e creativa facendo nascere in lui quel desiderio di
    sperimentazione e di innovazione che caratterizzeranno tutta la sua attivita` futura. Innovativo, ribelle ma altrettanto sensibile e tormentato nell’animo Carlo fu il vero artista della famiglia: consapevole delle proprie capacita e perfettamente padrone delle tecniche operative intui` subito le possibilita` espressive che l’incisione sul corallo e sulla conchiglia gli offrivano. Le sue creazioni andavano ben oltre i semplici prodotti artigianali, tipici dell’attivita` paterna. Ancora giovane rifiuto di sottomettersi alle richieste di mercato che preferivano una produzione statica e coercitiva della creativita`, dando,cosi, assoluta liberta al suo estro artistico. Desideroso di apprendere si iscrisse all’Accademia di Belle Arti di Napoli ma non fu una esperienza positiva: il suo carattere ostinato e intraprendente non si adatto alla didattica accademica e scelse di lavorare da solo per condurre attivita` di ricerca e di formazione nella piu` assoluta liberta e autonomia.
    Agli inizi degli anni 60, l’acquisto di una “Bibbia” su una bancarella di libri usati segno la sua vita di uomo e di artista. Profondamente colpito dalla lettura, in particolare dell’Apocalisse, scaturi` la sua visione cosmica dell’esistenza, il tormento della perpetua lotta tra il bene e il male, la consapevolezza che solo nell’amore, quale sentimento universale, vi e la possibilita` della salvezza. Contemporaneamente si manifesto in lui l’interesse per gli antichi popoli e della loro civilta`, riscopri le antiche tecniche della glittica e dell’arte scultorea che fece ben presto sue. Non a caso proprio in quegli anni Carlo Parlati maturo in modo profondo le sua personalita` artistica: nutri particolare interesse per l’allegoria, la simbologia, il mito volti sempre alla rappresentazione del dramma esistenziale, individuale e psicologico dell’Uomo.
    Attento alle problematiche dell’arte la sua produzione subi` l’influenza vari artisti contemporanei, traendo spunti di ricerca e di riflessione. Pertanto, sebbene le sue opere sembrano ricordare le forme del passato, sono, tuttavia, attualissime e perfettamente inserite nell’ampio panorama dell’arte modera. Una produzione straordinaria non solo percheL messaggera dei pensieri e degli stati d’animo dell’Artista ma anche percheL essa si traduce in varie forme e tecniche d’esecuzione spaziando dal disegno all’arte pittorica, dalla scultura all’incisione.
    La sua arte preziosa e raffinata ebbe numerosi riconoscimenti in tutto il mondo; ovunque presentasse le sue opere colse tanto i favori della critica quanto quelli di un pubblico piu` vasto ma non per questo meno sensibile alla sua poetica.
    Artista completo, Carlo Parlati, da torrese fiero e orgoglioso, scolpi e incise con insuperabile maestria quelle materie preziose del mare – corallo e conchiglie spesso di dimensioni non comuni – da cui trae risorsa la sua Citta`. Attraverso le sue opere diventa in tutto il mondo ambasciatore straordinario di quell’operosita` e di quell’arte della lavorazione del corallo che da oltre due secoli ha reso Torre del Greco famosa in tutto il mondo. Ad un anno dalla sua scomparsa questa mostra che riunisce alcune opere della sua collezione privata realizzate nel periodo che va dalla fine degli anni ’70 al 2003, vuole essere un omaggio ad un grande maestro, riferimento imprescindibile nella nostra storia del corallo………….Aggiungo per colui che volesse…………
    ………….Eccelente carissimo Eduardo.il tuo laboro..la tua ricercha meravillosa della tua favolosa citta Torrese………….mi son permesso di contribuuire con l’editato dal Museo Parlati………….
    Allo staff grazie

  2. Eduardo Cuomo ha detto:

    Cara amica Maria,
    Carlo Parlati ha lasciato un segno indelebile nella storia della nostra città. La sua professione di artista e scultore è molto suggestiva.
    Mi é estremamente piaciuto indagare sulla “vita personale” – nonché quella artistica – di questo brillante maestro. Tempo fa, ho avuto modo di conoscere una figlia di Carlo, Patrizia. È stato veramente bello ripercorrere con assoluta certezza – quale pubblicazione può sostituire la voce narrante di chi l’ha davvero conosciuto? – Ringrazio a prescindere la famiglia Parlati per l’amicizia e l’affetto con la quale hanno collaborato alla stesura di questo studio: grazie a Vesuvioweb, adesso la biografia di Carlo Parlati ha i tratti più marcati, proprio come le sue stupende incisioni.

    Ti saluto con un abbraccio immenso; grazie del tuo interesse nella lettura di questo testo. Eduardo Cuomo, 13 settembre 2016.

  3. mari ha detto:

    –Eduardo:ti leggo ed mi meraviglio per la tua tenera etá ed la tua capacitá il tuo fervore per tante cose che,tramite vesuvioweb ci avvicinano ….Ringrazio ed continuammo a congratularci con la cultura dei brillanti genii in tutte le arti …..penso che la vena artstica napoletana o megliio europea possiede la mano guidata per i cuor che batte di piú davanti alle meraviglie che poi creano ed continuano a girovagare per il mondo …ove sempre una scintilla fulgurante la rene attiva…ed cosi come per miracolo accende i cuori.
    .grazie .Maria.

  4. Eduardo Cuomo ha detto:

    Cara amica Maria,
    Come sempre ti ringrazio per le tue cordiali parole di stima e di amicizia. L’ambito della lavorazione del corallo nella città di Torre del Greco, ha lasciato grande importanza. Ancora oggi, l’arte di Torre del Greco è unica al mondo, irripetibile.
    Ti ringrazio di vero cuore per il tuo grande interesse nei confronti della storia del corallo e del cammeo. A breve, ci saranno nuove ricerche.

    Un caro abbraccio

Aggiungi un commento