La vinificazione

Inserito da: · settembre 30, 2016

di

Silvio Falato

Qwànde l’ambrìkul’è matùra, jàmm’a la vìgna ka è ffàtta l’ùwa”.
“Quando la mora è matura, andiamo alla vigna che è maturata l’uva”. Così recita un vecchio adagio della nostra cultura popolare: ci scuote e ci dice che, quando sui rovi si vedono le more nere e mature, è opportuno darsi da fare con la vendemmia perché l’uva è ormai matura. E infatti, a cavallo tra il mese di Settembre e il mese di Ottobre, il nostro paese da tempo immemorabile è stato sempre in trambusto. Si sospendono tutte le attività, si rimandano tutti gli appuntamenti, per dedicarsi esclusivamente alla vendemmia. E anche i protagonisti della nostra poesia sono tutti impegnati nell’attività rituale della raccolta dell’uva e della vinificazione.

icona vinificazione2

Silvio Falato – La vinificazione – vesuvioweb 2016

 

Discussione3 Comments

  1. mari ha detto:

    Lǝ vìnǝ bbwònǝ va kudénnǝ kùra, Il vino buono richiede cura,
    vòlǝ éssǝ cjancjǝjàtǝ, kòm’a krjatùra, vuole essere coccolato, come un bambino,
    ma po’, qwànd’è matùrǝ, ku ggǝlǝsìja, ma poi, quando è maturo, con gelosia,
    tǝ rikambja e tǝ fa bbòna kumpagnìja. ti ricambia e ti fa buona compagnia……

    ……..non posso aggiungere nulla!!…..tutto un canto al dio BACCO…..

    ……….IL PERFETTO FINALE DI COTALE OPERA D’ARTE ……..L’UVA FATTA VINO.
    LO SI RINGRAZIA .SILVIO

  2. nikos kapetanidis ha detto:

    Qwande=quande e uwa=uva. voglio bene di connoscere perche W c’era ala vecchia lingua italiana e non ala moderna. anche i molti accenti.

  3. Angelo Siciliano ha detto:

    Caro Silvio, hai riportato in vita un mondo che fu anche nostro, con scene in sequenza che vivemmo da ragazzi, ma che sono ancora intatte nei ricordi con le immagini e i nomi di coloro che partecipavano a tutto il rito, dalla raccolta dell’uva alla conservazione del vino.
    E ogni autunno, al pensiero, o al solo contatto con la vendemmia, tornano le parole, dai suoni ormai inusitati –kannèllǝ, zǝlfarjéllǝ, štampatùrǝ– (nel mio dialetto irpino: cannéddra, lumariéddru, palimiéntu), e i luoghi, i gesti, gli odori e gli oggetti che sfilano nella memoria anche con le persone care, che erano portatrici e sapevano conservare la sapienza di come fare il vino, fedele compagno delle serate invernali e non solo. (A. S. – Zell 12.10.2016)

Aggiungi un commento