Storie di confini tra Portici e Resina

Inserito da: · settembre 10, 2016

Di

Aniello Langella

La vecchia e dimenticata Strada Regia delle Calabrie, che transitava proprio davanti al mio naso e che da un lato prende il nome di Corso Resina e pochi metri più oltre, diventa poi via dell’Università, era lì a raccontare le sue storie. Le offriva in maniera gratuita al passante che ignaro passava oltre. Sotto quella strada antica c’era l’antica via Consolare che tutti gli archeologi cercano con insistenza; lì a pochi passi la Villa dei Pisoni, più oltre la villa romana delle scuderie e di Palazzo Mascabruno; non distante le ville romane di via Doglie, e poi il teatro dell’antica Ercolano; poi ancora il resto dell’insediamento urbano a monte del decumano massimo. Tutto giaceva sotto il moderno basolato di pietroni lavici. Lungo la Strada Regia dal 1707 in poi, passarono i carri trainati dai buoi, carichi dei magnifici reperti dell’antica Ercolano. Qui passò la quadriga in bronzo dell’arco trionfale; migliaia di oggetti antichi e statue; mosaici, affreschi. Una processione interminabile che passando proprio lungo questo incrocio, tirava dritto sotto i portici, per depositare il suo prezioso carico nei locali del Palazzo Reale.

icona confini1

Aniello Langella – Portici e Resina, storie di confini – vesuvioweb 2016.pub

 

Discussione6 Comments

  1. giuseppina di vicino ha detto:

    no comment e tu sai perché. Pina

  2. Falato Silvio ha detto:

    Il passato si attualizza e il presente si intreccia in un interminabile abbraccio con gli eventi di un tempo grazie al grande attaccamento che il narrante nutre per la propria terra e per le vicende da essa vissute. Veri e sentiti complimenti!

  3. mari ha detto:

    .Compplimenti amici

  4. mari ha detto:

    …………………Da lí e sempre un’emoziione ….che al quanto vedo continua,nel ricordo ed nei sentimenti amici torresi ,gentile Nello.

Aggiungi un commento