A.D. 800, Teofilatto II Duca di Napoli

Inserito da: · settembre 30, 2016

Di

Aniello Langella

“…Ma la più bell’ opera di questo duca vescovo quella certamente si fa della riediticazione della Stefania, ovvero del Duomo, il quale era perito poco dianzi esca alle fiamme suscitate dal cereo pasquale, che accorso tenevasi per tutto il sabato santo”.

Il Duomo di Napoli nel secolo IX aveva una propria identità architettonica ed una sua importanza monumentale e religiosa, ma si deve proprio a Teofilatto in questo breve momento della sua vita, l’aver arricchito la sede principale del Vescovo della città di opere d’arte e di preziosi arredi. Non conosciamo esattamente quali furono le opere di restauro o di recupero che vennero eseguite, ma da alcune fonti bibliografiche, sembra emergano elementi quasi certi relativi alla costruzione di una nuova porta e di un campanile più imponente del precedente.

icona teofilatto iia

Aniello Langella – Teofilatto II Duca di Napoli – vesuvioweb 2016.pub

 

Discussione5 Comments

  1. giuseppina di vicino ha detto:

    i miei complimenti al mio carissimo amico storico. Quando detto carissimo scrive una lieta amena novella per lettori afflitti dall’incipiente malinconico autunno? Sentiti saluti. Pina

  2. mari ha detto:

    ………….Grazie per Codesto pezzo di STORIA SUI PERSONAGGI DI NAPOLI

  3. Falato Silvio ha detto:

    Preciso, chiaro e profondo come sempre! Grazie e complimenti.

  4. nikos kapetanidis ha detto:

    se capisco bene i duchi di Napoli furono dirigenti dela regione sotto la soverenita dei Byzantini contra la presenza di Lombardi viccino a Benevento. Altresi i duchi di 7me secolo sono sotto Constante che aveva regnato da Sicilia e non da Constantinopole.

    • Vesuvioweb ha detto:

      I Duchi di Napoli che regnarono per molti anni, dedicavano molto tempo alla DIPLOMAZIA. Facevano alleanze con Bisanzio e con Ravenna, ma stringevano anche patti con i Longobardi. In tutta questa rete di diplomatiche azioni, di nascosto e con sotterfugi si alleavano anche non i Saraceni e tutto senza mollare mai lo sguardo dal Regno del Papa. Uomini spregiuidicati, assetati di potere, pronti all’assassinio, alla vendetta. Tutto per il dominio e la ricchezza. Un po’ come oggi.

Aggiungi un commento