Vesuvius dal The National Geographic Magazine

Inserito da: · settembre 24, 2016

La storia del vulcano e della sua terra raccontata nel 1910 da una delle più importanti riviste al mondo: il National Geographic Magazine

No five years in history have been so noted for volcanic disturbances as the years 1902-1906. The explosion of Mont Pelee, which destroyed 30,000 people; the eruption of Santa Maria in Guatemala a few months later, which likewise swept away thousands of people and wrecked many miles of fertile plantations; the activity of Colima in Mexico, and of Mauna Loa in Hawaii, and now this latest eruption of Vesuvius, form an unprecedented series of disasters. They serve to emphasize our ignorance of volcanic action; and yet this ignorance is not to be wondered at, for no systematic study of volcanic action has ever been made. Commissions have been sent to study individual volcanoes  –  Vesuvius, Mauna Loa, Krakatoa, Mont Pelee, etc.

icona vesuvius 1910b

Vesuvius dal The National Geographic Magazine del 1910 – vesuvioweb 2016.pub

 

Discussione2 Comments

  1. mari ha detto:

    Vesuvius dal The National Geographic Magazine………meravigliiosa raccolta storica.

    grazie Maria

  2. Jana Haasová ha detto:

    Grazie per un articolo molto interessante dal 1910, una bella fotografia documentaria.

    Nel primo decennio del 20 ° secolo ci sono stati grandi eruzioni di vulcani nominati, ed è stata una sfida per la loro indagine. Esistevano ancora nel mondo un solo osservatorio sul vulcano Vesuvio (un’altra è stata fondata nel 1912 sul vulcano Kilauea nelle Hawaii). A quel tempo non c’era tempo ancora noto “tettonica a placche” (la teoria del movimento dei continenti per la prima volta spoke meteorologo tedesco e geofisico Alfred Wegener nel 1912 – lo prese continenti somiglianza e reperti fossili alcune piante e animali).
    Vulcanologia è una scienza giovane, ancora in fase di sviluppo. Qualsiasi eruzione più grande, gli scienziati un altro passo verso la conoscenza.

    Appennino penisola si trova sul confine di due placche tettoniche – la euroasiatica e africana, dove la placca africana subirà una subduzione sotto la eurasiatica – zona di subduzione. Di conseguenza i terremoti di subduzione e vulcanismo.

    L’attività vulcanica ha avuto luogo nella penisola appenninica in un lontano passato e nord di Napoli – nella regione di Lazio e Toscana. Lago di Bolsena, Lago di Albano, Lago di Vico sono laghi vulcanici. In Toscana c’è un vulcano inattivo del Monte Amiata, ci sono anche numerose sorgenti termali. Prove di attività vulcanica in tempi antichi è molto più di questo.

    Salute Jana

Aggiungi un commento