Assassino

Inserito da: · ottobre 15, 2016

Di

Francesco Raimondo

Questo prof. nel corso del tempo incominciò, dopo un periodo di studio nei nostri confronti, ad avere un atteggiamento subdolamente vessatorio. Uno per volta noi alunni cadevamo come sotto una sorta di decimazione. Insomma con una ragione o con un’altra trovava l’occasione di mettere un cattivo voto, di tormentare con interrogazioni particolari per cui incominciavano ad “assummare”, come cefali attratti dal “remiggio”, uno alla volta i genitori degli alunni che mettevano le cose a posto. Una tecnica raffinata di “terrorismo” scolastico nell’intento di contattare i genitori con cui patteggiare: “Io ti dò una cosa a te tu mi dai una cosa a me”. Con un piccolo regalo di qualsivoglia natura l’alunno poteva garantirsi  tranquillità e protezione. Tutto qua. Semplice come l’acqua fresca. Venne così anche il mio turno. In un giorno come un altro il prof. Tommaso,
come avviene quando un fulmine precede una tronola a ciel sereno, mi si scagliò contro dalla cattedra e senza alcun motivo m’assegnò …

icona assassino1

Piazza Luigi Palomba a Torre del Greco

Francesco Raimondo – Assassino – vesuvioweb 2016

Discussione4 Comments

  1. mari ha detto:

    Con un piccolo regalo di qualsivoglia natura l’alunno poteva garantirsi tranquillità e protezione. Tutto qua. Semplice come l’acqua fresca. Venne così anche il mio turno. In un giorno come un altro il prof. Tommaso,
    come avviene quando un fulmine precede una tronola a ciel sereno, mi si scagliò contro dalla cattedra e senza alcun motivo m’assegnò …………..
    —-Grazie caro amico eccelente laboro ………..lo si ringrazia !!!per il suo tempo ed la sua crativitá………concidono le immagini …belle

  2. Ruotolo Giovanni ha detto:

    Molto bello, una lettura gustosa ed appassionante. E’ davvero un racconto dal sapore neorealista così come in fondo sono i nostri ricordi, tutti in bianco e nero.

  3. Eduardo Cuomo ha detto:

    Complimenti, davvero un racconto struggente.
    Lodevole la meticolosità nello scrivere, quel modo consapevole di narrare, molto attento, intriso da quell’area di sincera ironia, che mai stanca.

  4. antonio di cristo ha detto:

    Ciccio sei degni figlio di tuo padre

Aggiungi un commento