Après les Tabarkini de Gênes, l’histoire des Langella à TABARKA, mémoire familiale

Inserito da: · novembre 5, 2016

Di

Roch-Bernard Fontana

Quelques années plus tard, un beau matin, des navires de guerre français se sont présentés dans la rade de Tabarka et M. F. Langella s’est rendu à leur rencontre pour les recevoir et leur demander l’objet de leur visite. L’Amiral, l’ayant reçu à bord de son bâtiment, l’interrogea pour avoir des renseignements. Lui ayant demandé quel était l’effectif de la garnison qui occupait l’île, il lui fut répondu qu’il y avait 25 soldats du Bey, commandé par un officier (Si Taïeb Mesmouri); l’Amiral ayant voulu savoir l’effectif de la garnison qui se trouvait à terre, dans le Fort en face de l’île il lui fut répondu qu’il y avait une cinquantaine d’hommes.

icona tabarka1

Roch-Bernard Fontana – Après les Tabarkini de Gênes, l’histoire des Langella à TABARKA, mémoire familiale – vesuvioweb 2016.pub

Discussione3 Comments

  1. mari ha detto:

    Questo documento è basato su una nota scritta dal mio bisnonno
    John Anthony Langella (nato nel 1869) che scrivono il bit 1935
    prima della sua morte. Aveva lasciato una copia a ciascuno dei suoi nipoti
    tra cui mia madre che mi ha mandato poco prima di morire in
    Del 2008.
    Si ripercorre il periodo 1870-1884 con l’arrivo delle fregate
    Francese aprile 1881.Il dovrebbe anche ricordare che se Francesco Langella
    è venuto nel 1852, cioè all’età di 27, i poteri a Tabarka
    delegato dal Bey per garantire le funzioni di agente di salute sull’isola
    Tabarka è perché in precedenza, il padre, Principio Langella,
    (Morto 1857 a Tunisi e lui stesso un discendente del barone
    Franscesco Langella Torre del Greco, Regno di Napoli), aveva,
    dopo i tragici eventi del tabarkini e Genova a 18 ° s, poi
    l’arrivo di Napoleone Bonaparte a Napoli stabilito relazioni diplomatiche
    e il commercio con il Bey di Tunisi per essere più vicini al
    Tunisia.
    In effetti, il corallo, che è ancora il core business della regione
    Torre del Greco, era abbondante a Tabarka e La Calle.
    Langella La famiglia ha una flotta mercantile con sede a Torre
    del Greco, aveva in qualche modo invece di genovesi e ha concluso
    accordi di beneficiare del diritto di pescare attraverso un corallo
    tassa pagata al Bey. E ‘Principio Langella che ha concluso questi
    accordi con Ahmed Bey detto Sarde (da quando sua madre era Carloforte).
    Alla morte di quest’ultimo nel 1857, suo figlio, il mio tri-nonno Francesco
    Langella è venuto a vivere sull’isola di Tabarka. Si sposò nel 1848 The-
    EMAN Porzio, si è nato a Tunisi nel 1830. La loro prole felice

  2. mari ha detto:

    Nella memoria di famiglia, mia madre ha parlato spesso di un grande

    Zio Langella (probabilmente un cugino di Francesco) dispersi in mare
    l’affondamento di una nave della famiglia, ma non ho ancora riuscito
    di mettere un nome su questo povero capitano né la sua nave. Con contro,
    a nord di Bizerte resta Ras Angela o Capo Langella ricordare
    Probabilmente questo capitano disperso in mare, probabilmente nelle vicinanze di questo
    zona. E ‘il punto più settentrionale d’Africa
    L’affondamento del quattro tappetini Alvernia e come superstiti
    sono stati “accolti” da parte della popolazione locale nel gennaio 1878 è stato
    gran rumore in Europa e servito come pretesto pochi anni dopo a
    l’ingresso di truppe francesi in Tunisia. “Nel 1877 la città di Tabarka non esisteva, l’attuale chiesa fu
    una antica cisterna romana che gli arabi usato come mulino
    per l’intera regione.
    Il singolo François Langella europea è nata nel 1825, ha vissuto e vive
    all’isola.
    Era stato inviato dal Bey di Tunisi in vigore al momento, nel 1852
    come ufficiale sanitario della Reggenza di Tunisi e, allo stesso tempo ha
    funzione di Console per la Francia, Italia, Spagna, etc.
    Dopo pochi anni, la sua influenza, il suo buon carattere e
    il suo modo di parlare bene l’arabo, aveva acquisito una grande
    autorità ed era venerato tra le varie tribù, al punto che, quando
    sorse una controversia tra di loro, nella regione, è stato lui a
    è stato trattare e il giudizio era definitiva.
    A quel tempo, la vita in Khroumirie c’era abbastanza facile, la terra
    in gran parte dando sostentamento a tutte le persone e il bestiame è stato
    importante. Le tribù più importanti erano il Ouled Amor, il
    Ouled Ben Said, e Meknas; quest’ultima tribù era ancora
    stato di allerta, soprattutto con la Ouled Amor e ogni momento
    essi stavano uccidendo il bestiame e le incursioni fatte.
    Il Khroumirs, dalla loro giovinezza, dai 12 ai 15 anni sono stati
    sempre armato di pistola e pugnale di selce ornato la cinghia
    bandoliera (chiamato H’Nat) hanno procurato facilmente con

    Polvere trebande che è venuto con barche in primavera Malta.
    Sull’isola di Tabarka, oltre François Langella che viveva da solo
    nella casa ormai in rovina situato vicino al molo, ha vissuto anche
    sul North Slope una famiglia originaria composta da trenta
    membro, Amor famiglia Aouzinies.
    La moneta è stata creste valuta tunisini, composto
    da Fels (centesimo) ….. i A’Men il dollaro. la moneta d’oro era
    rappresentato dal pezzo di 5 piastre, di 10piastres e Bou
    -Goufa,
    25 piastre.
    Sull’isola ci sono stati molti pozzi scavati dai genovesi e
    Romani (secondo la leggenda, 365) un gran numero di case
    rovine, tra cui una chiesa, i resti di ex residenti che hanno avuto
    espulsi dai Mori.
    L’affondamento dei quattro mat “Auvergne” è stata una delle cause della
    l’occupazione della Tunisia. Il vapore era fallito a causa di un
    grande tempesta e la rottura dell’albero principale dell’elica.
    Tribe Meknas aveva colto l’equipaggio composto da
    39 marinai e li ha portati a casa dal saccheggio della nave. questo è
    mentre il signor François Langella, usando la sua influenza e autorità
    è entrato in trattative
    …………………….parte di traduzione

  3. Langella ha detto:

    Très intéressant pour moi l histoire de mes ancêtres les Langella merci

Aggiungi un commento