Carlo Parlati, un artista dalle mille faccettature

Inserito da: · novembre 5, 2016

Di

Patrizia Parlati e Eduardo Cuomo

Mi piace riportare questi versi di Pablo Neruda, li trovo intensi ed estremamente personali. Essi riescono ad esprimere quello stato d’animo che riporta una persona, una persona come me, che non riesce a trovare alcuna fonte di rassegnazione dopo l’improvvisa e sentita perdita, in un freddo giorno di novembre del 2003, di quell’uomo, quel padre e soprattutto quell’artista con il quale ho condiviso gli anni più belli della mia vita.

icona parlati pittore2

Carlo Parlati, un artista dalle mille faccettature – vesuvioweb 2106

Discussione5 Comments

  1. mari ha detto:

    or mío, si muero y tú no mueres,
    no demos al dolor más territorio:
    amor mío, si mueres y no muero,
    no hay extensión como la que vivimos.

    Polvo en el trigo, arena en las arenas
    el tiempo, el agua errante, el viento vago
    nos llevó como grano navegante.
    Pudimos no encontrarnos en el tiempo.

    Esta pradera en que nos encontramos,
    oh pequeño infinito! devolvemos.
    Pero este amor, amor, no ha terminado,

    y así como no tuvo nacimiento
    no tiene muerte, es como un largo río,
    sólo cambia de tierras y de labios.

    Pablo Neruda, 1959

    TRADOTTA IN SPAGNOLO

  2. mari ha detto:

    «…Non c’è immensità che valga quanto abbiamo vissuto.
    Polvere nel frumento, sabbia tra le sabbie,
    il tempo, l’acqua errante, il vento vago,
    ci ha trasportato come grano navigante.
    Avremmo potuto non incontrarci nel tempo.
    Questa prateria in cui ci siamo trovati,
    oh piccolo infinito! la rendiamo.
    Ma questo amore, amore, non è finito,
    e così come non ebbe nascita,
    non ha morte, è come un lungo fiume,
    cambia solo di terra e labbra.»
    Pablo Neruda, Amore mio, se muoio e tu non muori…………..

    Patrizia Eduardo……..c he merailloso laboro di tanta ricercha!!!! siete anche voi die Cammei dove corre per la materia il fuoco vesuviano,,che splode in meravillosa eneregia d’arte che mai appassirá………..bravi

    …………Dieci e lode ed tutta la mia riverenzza che mi honora.

  3. Eduardo Cuomo ha detto:

    Grazie mille cara Maria, sia da parte mia che di Patrizia Palati!
    È davvero un piacere constatare che ci sono persone che apprezzano intensamente questo artista, che a Torre del Greco pur ha lasciato tracce fondamentali della sua esistenza, ma molto spesso osservate con poca rilevanza.
    Il testo che abbiamo voluto riproporre, sia per i contenuti grafici – opera della figlia di Patrizia -, sia per quelli stilistici e artistici, si rileva un itinerario inconfondibile, per narrare non solo il modo di essere di quest’uomo, ma anche i suoi più personali pensieri e parole. In questo racconto, infatti, non è presente solo la tradiziobale arte di lavorazione del corallo, materia che ha dato modo di far conoscere Carlo Parlati nel mondo, ma anche diverse materie studiate da questo: pittura, modellazione dell’argilla, disegno di gioielli ma anche preghiere, pensieri e parole.

  4. mari ha detto:

    ………….Ricambio i tuoi saluti Eduardo caro …per le tue vene corre il vero torrese….colui che essendo giovanissimo …studia e trasmette i suo geniale *comprendere…capirne ..consultarne….sempre su c´o che onora sue radici..
    grazie ad ambi ed anche all’edditore per il suo interesse nel communicare

  5. Eduardo Cuomo ha detto:

    Grazie, Maria. A risentirci e scambiarci idee sul prossimo lavoro, allora!
    Ti saluto con un affettuoso abbraccio, con l’affetto di sempre.

Aggiungi un commento