Il bello delle parole

Inserito da: · dicembre 31, 2016

Di

Alfredo Imperatore

icona-bello1

Gli eserciti di occupazione, oltre che depredare di tutto nei territori conquistati, comprese ovviamente le opere d’arte, hanno l’abitudine di abusare delle donne e affamare le popolazioni assoggettate con nuove imposizioni e tasse. A questi “compiti” non si sottrassero, certamente, le truppe austro-tedesche dedite, tra l’altro, anche all’alcol e al fumo. Lo Stato del Lombardo-Veneto non aveva ancora ottenute né riforme, né costituzione, e i cittadini non aspettavano altro che si presentasse l’occasione propizia
per ribellarsi agli oppressori. Il tabacco e il gioco del lotto rientravano tra le varie gabelle cui erano sottoposti i milanesi, i quali, per danneggiare l’erario imperiale, avevano deciso di non giocare più al lotto e di eliminare dalle loro abitudini il fumo. Poiché i gendarmi austriaci giravano per le strade, in modo provocatorio, sfidando i cittadini con lunghi sigari fumanti, fu colta l’occasione per iniziare tumulti e moti popolari, che furono violentemente repressi in cinque giorni (18-22 marzo 1848), ricordati storicamente nelle Cinque Giornate di Milano.

icona-download

alfredo-imperatore-il-bello-delle-parole-vesuvioweb-2017


ARTICOLI E TEMI CORRELATI

Parlare a Napoli – Quorum e franco

Parlare a Napoli – Ciceniéllo

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Alfredo Imperatore

Discussione1 Comment

  1. Giovanni D'Amiano ha detto:

    Ce l’ho, ma ancora non l’ho letto (studiato).

Aggiungi un commento