Mount Vesuvius in eruption in 1767, from the maddalena bridge in Naples

Inserito da: · gennaio 29, 2017

Di

Aniello Langella

É il 19 ottobre del 1767 e già da qualche giorno, nell’aria quasi rarefatta e tersa in mattinate fresche e luminose, a Napoli ed in tutti i paesi della costa si percepiva l’imminenza di un’eruzione. Il popolo vesuviano era ben avvezzo ai prodromi e questi erano numerosi già dai primi del mese. Pietro Fabris aveva appena compiuto da poco ventisette anni ed aveva sufficiente esperienza accumulata in botteghe illustri della città, per poter tradurre le emozioni che impregnavano quell’evento, con i colori della tela. Visse l’eruzione di persona e forse questo quadro che rende appieno i momenti salienti dell’eruzione, gli procurò quella giusta fama che lo avrebbe portato ad diventare il primo illustratore di una delle più importanti opere di vulcanologia del secolo XVIII: 56 tempere che descrivevano fra il 1776 ed il 1779, i vulcani del Regno delle due Sicilie, commissionate da Lord William Hamilton. Il quadro in oggetto, tuttavia può essere definito a giusta ragione una vera sintesi dei fenomeni e rende in maniera speciale, sul piano tecnico, sia la fenomenologia che la topografia.

FABRIS PIETRO ERUZIONE DEL 1767 PONTE MADDALENA

Aniello Langella – Pietro Fabris e l’eruzione vesuviana del 1767 – vesuvioweb 2016.pub

Il Ponte della Maddalena e l'eruzione del Vesuvio del 1767

Il Ponte della Maddalena e l’eruzione del Vesuvio del 1767

 

Discussione4 Comments

  1. Jana Haasová ha detto:

    Splendida, immagini chiare e naturali. Mi sento come se fossi in piedi sul ponte a guardare la massiccia eruzione del Vesuvio … Molto interessante e bella così come altre piccole immagini osservatori.

    Pietro Fabris dipinse molti quadri di vedute di Napoli e sul Vesuvio. Egli ha documentato diverse eruzioni del Vesuvio (1767, 1770, 1776 e 1779). Inoltre, ha dipinto e studio sullo sviluppo del cono del Vesuvio prima dell’eruzione, viste dettagliate nel cratere, tiepidi nuove formazioni di roccia lavica Monte Somma e diversi tipi di rocce vulcaniche. I suoi 56 dipinti completano vulcano Vesuvio studio William Hamilton.

    Grazie e la salute Jana

    • Vesuvioweb ha detto:

      Grazie Jana
      Pietro Fabris è l’antesignato dei documentaristi; ritrae il reale in una veste di artista ma anche di inconsapevole reporter; armato di “camera fotografica” e di “cinepresa” si cala nel momento storico e trasforma l’evento in occasione per descrivere. Un veso capolavoro.

  2. Falato Silvio ha detto:

    Stupendo!

    • Vesuvioweb ha detto:

      Pietro Fabris è l’antesignato dei documentaristi; ritrae il reale in una veste di artista ma anche di inconsapevole reporter; armato di “camera fotografica” e di “cinepresa” si cala nel momento storico e trasforma l’evento in occasione per descrivere. Un veso capolavoro.
      Grazie Silvio

Rispondi a Vesuvioweb

Cancella risposta