Vesuvio 1896

Inserito da: · gennaio 21, 2017

Una cronaca storica del Vesuvio e delle città limitrofe, nel 1896. Un testo che è stato lasciato nella sua forma di fine ottocento e che con la sua enfasi, pur senza tralasciare una contenutistica scientifica, ci illustra la vita del vulcano dalle sue origini alla data di esizione.

Sembra, scrive il Marmocchi, che la. Natura abbia stabilito nella fucina del Vesuvio un laboratorio particolare in cui, combinando in varie guise e proporzioni diversi elementi chimici, compone rocce delle specie e forme più variate, la serie numerosa dei minerali vulcanici. Oltre le specie comuni agli altri vulcani sono proprii del Vesuvio : il ferro muriato, permuriato e trisolfato (pirite nera); il manganese solfato e muriato; il rame muriato, solfato. bisolfurato e ossidalo foliaceo nero; la nefelina e il pleonasto (specie di spinello nero); la calce carbonaia, idrato e magnesifera, sostanze che, coll’idocrasia, i lapidari napolitani lavorano da tempo immemorabile, facendone tabacchiere, collane, orecchini, braccialetti ed altri ornamenti che girano tutta Europa sotto il nome di lavori di lava; la sodalite dodecaedra e la meionite, detta da Romeo Delisle giacinto del monte di Somma; la sarcolite nobile, la zirconia, il topazzo, la condrodite, e le nuove specie che ricordano i nomi di tanti illustri personaggi, come la hreislakite, singolare pel suo aspetto di peluria, la cotunnia (muriato di piombo), la humboldite, la zurlite, la davyna, la beudantina e tante altre, delle quali, come delle suddette, chi volesse leggere le descrizioni minute e precise, non dovrà far altro che aprire il Prodromo della Mineralogia Vesuviana, nel quale sono esposti i risultamenti dei lunghi sludi del Monticelli e del Covelli, su tutte le parli di questo ramo di patria mineralogia, o meglio i più recenti lavori dello Scacchi. Molli di questi minerali trovansi in vendita a Resina.

icona vesuvio 1896a

Vesuvio 1896 – vesuvioweb 2016.pub

 

 

Discussione1 Comment

  1. Jana Haasová ha detto:

    Grazie per una descrizione molto interessante e dettagliata del Vesuvio, con immagini d’epoca belle e fotografie.

    Tipo eruzione dipende dalla composizione chimica del magma che risale in superficie. Il Vesuvio è un unico lavica diverse – basalto, trachite liparite, pomice, tufo, ignimbrite…, che sono visibili nelle pareti del cratere.

    Vesuvio è molto interessante, anche dopo l’mineralogica – sarebbe stato estratto ricco minerali di diversa composizione chimica, alcuni minerali sono stati scoperti proprio su Vesuvio.
    Per esempio vesuvianite (silicato complesso di alluminio, magnesio, ferro, sodio e calcio) – primo è stato descritto nel 1759 dal mineralogista tedesco A. G. Werner. Covellit (rame solfuro di CuS) è stato chiamato dopo un mineralogista italiano Nicola Covelli che questo minerale trovato in una fumarola Vesuvio.

    Salute Jana

Aggiungi un commento