Via Fontana la memoria ritrovata

Inserito da: · febbraio 11, 2017

Di

Giovanni Ruotolo

Ed eccoci ad un tratto come per magia catapultati in via Fontana nei primi anni sessanta come a proseguire il viaggio a ritroso nel tempo iniziato con un altro mio racconto su via Liberta. Ci assale subito una ridda di voci scherzose, neanche fosse una melodia, e rimaniamo incantati dall’andirivieni di donne con bambini, le prime con dei grandi fiaschi, i secondi , invece, con catini di ferro zincato variopinti che con una cantilena briosa vanno a prendere l’acqua alla Fontana. Anche mia nonna mi ci portava, “guaglió, chesta è acqua ca fa bbene û fegato” diceva. Poi quando più in là negli anni chiusero le fontane, sempre con un fiasco, andavo io sulla banchina, dove tuttora è, a prendere per lei la stessa acqua che adesso da un tubo si tuffa in mare.

icona via fontana
Giovanni Ruotolo – Via Fontana, la memoria ritrovata – vesuvioweb 2017.pub

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I monumenti, Il mare e la sua storia

Discussione7 Comments

  1. mari ha detto:

    Cordiale amico Giovanni:se mi permete ………
    ———-Profumate parole piene di tutto il sapore dllária di Torre ,ed di tanti posti che ingemmano la bella costiera…….
    ———–Se bene oh capito Lei non parla di nostalgia(vero?)forze crede di possedere la gioia infinita di “almeno per un pó”togliere la nostalgia …lasciarla da parte ed sbocciare sulla tastiera le dita che non siano contaminate….
    ———-Ay mee!!come si fa ,parlarne dell’amato senzza nostalgia?dell’aroma della sua terra dalle storie in bianco e nero ….colorate solo dalla passione di averci nata ,crsciuto ed pasciuto in cuei vicoli “stradulelle”dove la vena natia le trnsformava …colorate …quei balconi ove l’affaciarsi sublimava l’immagine….perche …gli occhi vedevano col cuore ,tutto diventava *bello*era il cuore semplice giovanotto ,ove non vi era malizzia ….ove l’innocenzza le rendeva …castelli ……Che dire si affacciavano al mare !!non era acqua era specchio lucente ,con delle piccole onde che erano baci all’animase poi qualcheduno cantichiava al suono del mndolino….Femati siamo in paradiso!!!
    —-Bella sua memoria ritrovata !!amico caro complimentila memoria che vi fara sentire uil brivido di essere “vivo”se pur il tempo che tutto corrode ,che visogna capire ed accettare ..il chiamato progresso!!
    –Lo si ringrazia di cuore ed queste parole che mi assalgono siano portatrice di tanta piu memoria che restyata sarra negli scafali della vita ………..grazie

  2. Ruotolo Giovanni ha detto:

    grazie Maria per le sue belle parole.

  3. mari ha detto:

    .Grazie a Lei che trasmette dei cari ricordi .

    .buona vita …grazie per le parole che dette non sono piu sue..appartengono alle nuove generazzioni….che di certo apriranno gli occhi al passato per rendere piú gustoso il futuro……

  4. mari ha detto:

    ——–ricordo
    Funtanella ‘e cap’e monte …teng’ocore scure scure
    kuann e sentee rí e sta gente ,cha see ffatta malamente
    ..stu paese ma perkee?
    ………………..Noooo nuné vere///nooo nun nce crere…
    é more ku sta smania e turn’napule….
    ma chee’cce affaaa ………me fa paura ence turna.

    …..(vecchia canzone,come vecchio i ricordi,,,,,,,,,,,,ma…….fanno bene trasportano al tempo del non tempo che …passa fugge se ne vaaa

  5. mari ha detto:

    https://youtu.be/_83fQKB0pBE………..ecco lettera e musica

    grazie

  6. giovannirusso ha detto:

    giovanni io ero e rimarrò di Largo Bandito e per me la scoperta di Via Fontana,Via LIbertà -A mmiez u larg da Pastore e vicoli vicinori è avvenuta proprio tra i 9 10 anni ricordo bene i Rokes ma ancora di più la vitalità di tali luoghi principalmente in un circoletto adiacente una scuola media dove al juke box era gettonata la canzone rocks “Fire” più o meno era cosi Fire ….pararra tu piangi con me …. vado sulla luna e non ritorno più ….fire ec era il 1966 avrò avuto 11 anni e già stavo decollando dall’infanzia all’adolescenza. C’era tutto in Via Fontana dal calcio ai bar alla gente alla vita ai “bigliardini” …. ci dovevo andare per forza perchè dai miei 7/8 anni sino a giovanetto vendevo graffe e briosce prodotte da mio padre Cristofaro e una delle migliori clienti era tua madre sempre sorridente la signora Mazzacane e la famiglia Gambardella … e tant’altro che ti racconterò..da grandicello poi ho sempre pensato che la strada dividesse i signori dal lato della cortina dei palazzi di Murino-Brunasso che arriva sin giù ove finisce la strada con di fronte le scale delle Cento Fontane con tutti i palazzi del lato opposto e rispettivi vicoli comunicanti con il sottopasso della ferrovia,con il passaggio a livello della “guarda strada”con Via Unità Italiana con il popolo di marittimi,pescatori,piccoli commercianti corallari.Il tempo mi ha fatto riscoprire invece che era un unico grande quartiere come tanti altri di Torre del Greco che tra gli anni 1950 sino al 1980 ha vissuto la sua epoca d’oro.Grazie Giovanni per la tua puntualità nella descrizione dei fatti

  7. Ruotolo Giovanni ha detto:

    Ringrazio il sig. Giovanni Russo per il suo lusinghiero commento. Buona serata.

Aggiungi un commento