Il Palazzo dello spagnolo

Inserito da: · marzo 10, 2017

Di

Marcello Erardi

Ricerca bibliografica di Aniello Langella

Il palazzo del Marchese Serra nella strada di Pizzofalcone edificato con architettura del cavalier Sanfelice non fu terminato per la morte di esso Marchese. Si vedono in esso due cortili, de’quali uno di forma ottangona ha ne quattro lati minori l’ingresso ad altrettante scalette. La scala principale che mena al primo piano, sebbene nascosta, difetto da evitarsi sempre da buoni architetti, è maestosa quanto uò desiderarsi. Nell’altro cortile vi sono grandi scuderie, e rimesse. architettura della facciata si manifesta dalle fogge borrominesche de’ primi anni del XVIII secolo.1

Palazzo Cassano. Col disegno di Ferdinando Sanfelice è stato rimodernato questo palazzo della famiglia Serra duca di Cassano. E’ vasto a ben disposto con maestosa facciata nella strada del Monte di Dio a Piazofalcone. La nobile gradinata si stima la migliore di Napoli. Il suo padrone tra le altre rarità vi ha raccolta a grandi spese una famosa biblioteca di quattrocentisti e di altri libri scelti, di cui abbiamo parlato e molti quadri stimabili, tra’ quali un Adamo ed Eva ed un busto di S. Pietro di Guido Reni, Davide ed Abigaille di Salvator Rosa, il figliuol prodigo credulo dello Schidoni, una crocifissione del Tintoretto, una Madonna di Alberto Duro, e varj altri dello Spagnoletto.2

  1. Da Napoli antica e moderna. Di Domenico Romanelli. Napoli 1815, pagina 101
  2. Da I palazzi di Napoli. Di Luigi Catalani. Napoli 1841, pagina 42

ICONA SPAGNOLO2

https://www.facebook.com/Marcello.foto1973/photos/a.529526080496573.1073742095.505311336251381/529526697163178/?type=3&theater

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Arte e artisti a Napoli, I monumenti, Storia

Discussione1 Comment

  1. mari scrive:

    Mario Conti per Non solo Mozart

    La Storia sa tessere storie. Qui ricordiamo quella, accesa di bagliori romantici, di un pugno di ragazzi perbene che si infiammano a un gioco più grande di loro, e lo reggono fino alle estreme conseguenze. Su tutte, campeggia la figura, giovane e straziante, del principe Gennaro Serra dei duchi di Cassano, la cui vicenda ancor oggi a Napoli inumidisce più di qualche ciglio.

    Napoli-Palazzo-Serra-Cassano-scalone

    Il 23 gennaio 1799, sull’onda lunga della Rivoluzione Francese e della discesa in Italia dell’armata del generale Championnet, la famiglia reale di Borbone ripara a Palermo; viene proclamata la Repubblica Napolitana. L’hanno strenuamente e lungamente voluta quei ragazzi perbene; giovani della borghesia colta, ma anche molti rampolli della migliore nobiltà del Regno. Spicca fra questi Gennaro, figlio del duca Luigi Serra di Cassano e di Giulia Carafa. Studi a Parigi, poi di nuovo a Napoli, la vita a corte e nei salotti “sconvenienti” dove germogliano o rimbalzano fermenti illuministi. E poi via via gli echi delle cose di Francia, il montare del disegno utopistico di una Repubblica all’ombra del Vesuvio.

    E repubblica è, col sostegno dei cannoni napoleonici. Gennaro Serra di Cassano è nominato capitano della Guardia Nazionale; per divenirne Comandante in seconda. Ma non è un militare, è piuttosto un letterato, uno spirito gentile, amico di poeti, con un probabile legame sentimentale con la nobildonna portoghese Eleonora Pimentel Fonseca, anima del movimento, poetessa e direttrice del Monitore Napolitano.

    Eppure, se Napoli è fertile terreno di coltura dell’entusiasmo illuministico di tanta gioventù, non può esserci luogo meno indicato per l’attuazione di un programma politico che ne incarni lo spirito:

    vi alitavano savia comprensione, indifferenza gentile, meglio ancora supremo senso della vita, in equilibrio fra pietà e disincanto. Tutto (dal grande e nobile, al futile e meschino) acquistava preziosità inestimabile ma, al tempo stesso, non valeva nulla.
    [Enzo Striano, Il Resto di Niente – Loffredo Editore].

    Insomma, di rivoluzione in senso stretto non può trattarsi: il linguaggio troppo colto e avanzato usato dai repubblicani anche nei proclami e sulla stampa, il corto circuito istintivo stabilito da Ferdinando col popolino, l’avversione di buona parte del clero, fanno sì che – paradossalmente – il popolo si consideri e resti “dall’altra parte”.

    Arresto-Gennaro-Serra
    Maurizio Valenzi, Arresto di Gennaro Serra di Cassano
    Ritiratisi i francesi, riorganizzatasi la macchina borbonica dall’esilio, il cardinale Fabrizio Ruffo arma un esercito di Sanfedisti – appoggiato dall’esterno da nomi leggendari: Fra Diavolo, Mammone… – con cui risale la penisola e dopo 144 giorni di repubblica riprende Napoli. Ad una ad una cadono le ultime roccaforti di resistenza dentro la città; cede Capodimonte, tenuta fino all’ultimo da Gennaro e dai suoi uomini.

    Ferdinando e Maria Carolina non perdonano. I capi della rivolta sono tutti condannati a morte dal Tribunale di Giustizia. Con Eleonora Pimentel, molta della meglio gioventù napoletana: giuristi famosi, nobildonne, brillanti medici, scienziati di fama internazionale; nomi come Mario Pagano, Luigia Sanfelice, Domenico Cirillo, l’ammiraglio Francesco Caracciolo; tanti altri.

    Ho sempre lottato per il loro bene e ora li vedo festeggiare la mia morte.
    Circa la sorte del figlio, il duca Luigi Serra di Cassano confida nella personale amicizia con la famiglia reale; e si muove per assicurargli la grazia. Che non arriverà. Il 20 agosto, a 27 anni, Gennaro sale sul patibolo eretto in piazza Mercato davanti a una gran folla, con altri compagni cui il titolo concede il privilegio della decapitazione; agli altri, ai borghesi, è riservato il cappio. Le cronache gli attribuiscono un’ultima frase davanti al boia: “Ho sempre lottato per il loro bene e ora li vedo festeggiare la mia morte”.

    Esecuzione-Gennaro-Serra
    Tito Angelini, L’esecuzione di Gennaro Serra di Cassano
    Il portone principale di Palazzo Serra di Cassano è su via Egiziaca a Pizzofalcone, rivolto verso la grande facciata di Palazzo Reale. Il vecchio duca ordina che venga chiuso in faccia al re, per mai più essere riaperto. E così viene fatto. L’ingresso del palazzo, oggi sede di un’istituzione di grande prestigio, l’Istituto Itali

Aggiungi un commento