Aniello Langella e Armando Polito – L’eruzione del Vesuvio del 1631 letta attraverso le epigrafi di Torre del Greco e di Portici

Inserito da: · aprile 2, 2017

L’amore che ci lega a questa terra ci ha ispirato il tentativo di carpire i significati intrinseci di due monumenti e in particolare del loro corredo epigrafico, ai quali, secondo noi, non è stata riservata fino ad ora adeguata attenzione. Ciò che non si conosce può esercitare, tutt’al più, un fascino epidermico e non durevole, magari una passeggera curiosità spesso insana; la conoscenza trasforma il primo innamoramento in amore e l’imperfettibilità di quella conoscenza in nobile voglia di ricercare il certo e avvicinarci quanto più possibile al vero. Dall’amore, infine, nasce il rispetto per il nostro passato e non solo per quello…

Aniello Langella e Armando Polito – L’eruzione del Vesuvio del 1631 letta attraverso le epigrafi di Torre del Greco e di Portici – vesuvioweb 2011

…  Al di là del fatto scontato che nemmeno noi consideriamo indiscutibili le personali interpretazioni emerse, come non ci illudiamo di essere stati, forse, neppure corretti ed abili divulgatori, per quanto riguarda le epigrafi dobbiamo aggiungere che, consapevoli che qualsiasi traduzione-interpretazione è, in fondo, un atto di violenza che vede sovrapporsi alla cultura e alla sensibilità dell’autore e del suo tempo quelle del traduttore-interprete, ci siamo sforzati di limitare, per quanto era possibile, i danni, ricorrendo anzitutto ad una resa che conciliasse il rispetto del significato originario di ogni vocabolo con un’espressione italiana stilisticamente accettabile: insomma, una sorta di traduzione letterale in cui anche il non addetto ai lavori potesse esercitare un minimo di controllo, condizione
indispensabile per una lettura, comunque, non totalmente passiva e basata sulla fiducia, che in campo scientifico lasciamo a chi, con tutto il rispetto, mostra di essere restato ai tempi di Aristotele…

Discussione3 Comments

  1. Jana Haasová ha detto:

    Articolo molto interessante con documentazione visiva dettagliata e la descrizione della eruzione del Vesuvio nel 1631 – quest’anno ha iniziato un periodo di frequente l’attività del Vesuvio del 1944. Molto suggestivo è il monumento epitaffio, costruita di lava nera.

    Grazie e salutare Jana

  2. mari ha detto:

    Testo della lapide posta a Portici dal Viceré come monito ai cittadini

    O posteri, o posteri

    si tratta di voi

    un giorno è lume all’altro

    e il dì precedente è norma per il dì che segue

    udite

    venti volte da che splende il sole

    se non sbaglia la storia

    arse il Vesuvio

    sempre con strage immane di chi a fuggir fu lento.

    affinchè dopo l’ultimo lutto più non vi colpisca

    io vi avviso.

    Questo monte ha grave il seno

    di bitume, allume, zolfo, ferro, oro, argento, nitro, di fonte d’acque

    presto o tardi si accende

    ma prima geme

    trema, scuote il suolo

    mescola e fumo e fiamme e lampi

    scuote l’aria, rimbomba, tuona, mugisce

    scaccia ai confini gli abitanti

    tu scappa finchè lo puoi.

    Ecco che scoppia e vomita di fuoco un fiume

    che vien giù precipitando e sbarra la fuga a chi si attarda

    se ti coglie è finita: sei morto.

    Disprezzato oppresse gli incauti e gli avidi

    cui la casa e le suppellettili furono più care che la vita.

    Ma tu, se hai senno, di un marmo che ti parla odi la voce

    non ti curar dei lari senza indugi fuggi.

    Anno di salute 1631

    Filippo IV Re

    Emmanuele Fonseca Viceré

  3. rosaria ha detto:

    BELLISSIMO TESTO E INVITO

Aggiungi un commento