Masaniello il giovane eroe popolare

Inserito da: · ottobre 7, 2017

Di

Umberto Vitiello “Vadim”

Le due lapidi volute e poste dai padri carmelitani ci tramandano il ricordo d’un ventisettenne di nome Tommaso Aniello, detto Masaniello, che l’11 luglio 1647 fu nominato Capitano Generale del Fedelissimo Popolo Napoletano in seguito alla rivolta da lui capeggiata contro le gabelle, rivolta andata a buon fine. Purtroppo appena cinque giorni dopo, ed esattamente il 16 luglio di quello stesso 1647, festa della Madonna del Carmine, egli cercò con tutte le sue forze di difendersi dalle accuse di tradimento
e di follia che l’avevano travolto. Ma non ottenne che minacce e, vistosi perso, si rifugiò nella Chiesa del Carmine, dove strappandosi i propri abiti fece il suo ultimo discorso al popolo che gli aveva voltato le spalle da quando si erano diffuse le infamanti calunnie su di lui. I padri carmelitani riuscirono a calmarlo e Masaniello, per consentire la ripresa della messa da lui interrotta, se ne andò nel convento, dove percorrendo il corridoio principale fu raggiunto da uomini armati che lo ammazzarono con alcuni colpi di archibugio.

Umberto Vitiello Vadim – Masaniello, eroe popolare – vesuvioweb 2017

Discussione3 Comments

  1. mari ha detto:

    A lu tiempo de la malora
    Masaniello è nu piscatore,
    piscatore nun le rincresce
    Masaniello se magna ‘nu pesce.
    Vene subbeto ‘o Vicerrè
    chistu pesce spett’a mme
    tutt’a mme e niente a tte
    po’ si a tassa vuo’ pava’,
    chistu pesce t”o può ‘mpigna’…
    A lu tiempo de la malora
    Masaniello è nu piscatore.
    A lu tiempo de trivule ‘mpizze
    Masaniello se veste ‘a scugnizzo,
    nu scugnizzo stracciato e fetente,
    Masaniello se magna ‘e semmente.
    Vene subbeto ‘o Vicerrè
    ‘sta semmenta spett’a mme
    tutt’a mme e niente a tte
    cu ‘a semmenta tu te ‘ngrasse,
    e t”a metto n’ata tassa…
    A lu tiempo de trivule ‘mpizze
    Masaniello se veste ‘a scugnizzo…
    A lu tiempo de li turmiente
    Masaniello se veste ‘a fuiente.
    Senza rezza e senza cchiù varca,
    fa’ ‘nu vuto a’ Maronna ‘e ll’Arco..
    Vene ‘o prevete e ‘o Vicerrè
    ‘sta Maronna spett’a mme
    tutt’a mme e niente a tte,
    chesta è a tassa p”o Pataterno,
    o vai subbet’all’inferno..
    A lu tiempo de li turmiente
    Masaniello se veste a fuiente.
    A lu tiempo d”a disperazione
    Masaniello se veste ‘a lione
    nu lione cu ll’ogne e cu ‘e riente,
    tene ‘a famma e tutt”e pezziente.
    Vicerrè mò fete ‘o ccisto
    songo ‘o peggio cammurrista,
    io me songo fatto ‘nzisto,
    e cu ‘a ‘nziria e Masaniello
    faie marenna a sarachiello…
    A lu tiempo d”a disperazione
    Masaniello se veste ‘a lione.
    A lu tiempo de primmavera
    Masaniello se veste ‘a bannera.
    ‘Na bannera ca ‘o popolo bascio
    sona arreto tammorra e grancascia.
    Attenzione… battaglione
    s’è sparato nu cannone,
    è asciuto pazzo lu patrone,
    ogge ‘nce ha avasciato ‘o ppane
    ma nun saie fino a dimmane…
    A lu tiempo de primmavera
    Masaniello se veste ‘a bannera.
    A lu tiempo de trarimiento
    Masaniello ‘o vestono ‘argiento,
    tutt’argiento ‘e signure cumpite
    mò ce ‘o coseno ‘stu vestito.
    Dice subbeto ‘o Vicerrè
    simmo eguale io e te
    pazziammo cucù e settè,
    si rispunne a chist’invito,
    t’aggia cosere n’atu vestito…
    A lu tiempo de trarimiento
    Masaniello ‘o vestono ‘argiento.
    A lu tiempo de li ‘ntrallazze
    Masaniello è bestuto da pazzo.
    Quanno tremma e ‘o vestito se straccia,
    pure ‘o popolo ‘o sputa ‘nfaccia
    ‘Stu vestito fà appaura
    Masaniello se spoglia annuro,
    ‘a Maronna nun se ne cura
    po’ si ‘a capa ‘nterra ce lassa
    accussì pava ll’urdema tassa.
    A lu tiempo de li ‘ntrallaze
    Masaniello è bestuto da pazzo.
    A lu tiempo de ‘sti gabelle
    Masaniello è Pulicenella.
    Si è rimasto cu ‘a capa a rinto
    ll’ate ridono areto ‘e quinte.
    Pò s’aumenta ‘o ppane e ll’uoglio
    saglie ‘ncoppa n’atu ‘mbruoglio
    tira ‘o popolo ca ce cuoglie,
    nun ce appizza mai la pelle
    chi cummanna ‘sti guarattelle.
    A lu tiempo de ‘sti gabelle
    Masaniello è Pulicenella
    A lu tiempo de chisti scunfuorte
    Masaniello è bestuto da muorto.
    Dint”a nicchia ‘na capa cu ll’ossa
    nce ha lassato ‘na coppola rossa.
    Chesta coppola dà ‘na voce,
    quanno ‘a famme nun è doce,
    quann”o popolo resta ‘ncroce,
    quanno pave ‘stu tributo
    pure ‘a tassa ‘ncopp”o tavuto.
    A lu tiempo de chisti scunfuorte
    Masaniello è bestuto da muorto.
    Masaniello s”o credono muorto…

    A canzone e Masanielllo

  2. mari ha detto:

    ricomposti e degnamente sepolti nella chiesa del Carmine. Ma verranno, dopo circa un secolo, tolti e dispersi da Ferdinando IV per timore che il mito di Masaniello potesse rinascere. I nemici o coloro che lo vollero morto moriranno tutti. Da Genoino a Maddaloni. La rivolta verra’ sedata con l’arrivo di Giovanni D’Austria. La moglie Bernardina, rimasta sola, per mangiare si diede al mestiere piu’ vecchio del mondo: prostituta in un vicolo del Borgo S.Antonio Abate. Quì verra’ piu’ volte picchiata a derubata dai soldati spagnoli suoi clienti. Morira’ di peste nel 1656.

    Cio’ che resta di Masaniello e’ una lapide nella chiesa del Carmine, una statua nel chiostro ed una piazzetta a suo nome formata da un palazzone in cemento armato. Interessante l’ipotesi di Ambrogio da Licata secondo cui i resti di Masaniello siano poco distanti dalla chiesa: nel porto a circa 10 metri di profondita’ proprio sotto un silos. Il mito di Masaniello attraversera’ tutta l’Europa, dall’Inghilterra alla Polonia e sara’ sempre sinonimo di liberta’ ed eguaglianza. Quella liberta’ e quella eguaglianza conquistata con la Rivoluzione Francese.

  3. mari ha detto:

    …………Eppure Masanieee
    grazie almeno si state Re ¡¡¡¡¡ e ci ai fatto entrare nella Storia

    ka nu fernesce maieeeee

Aggiungi un commento