Natale a Napoli. E’ il 1885

Inserito da: · dicembre 23, 2017

Carlo Del Balzo

Natale a Napoli. E’ il 1885

Anche per noi altri Napoletani, abituati a vivere nel frastuono assordante di Toledo, questo chiasso triplicato del Natale ci stordisce. Eppure questo spettacolo delle bancherelle, visto di sera, facendosi trascinare da una carrozzella, è bello. Quelle lunata schiere di lumi, a diritta e a sinistra, che si riflettono sulla tavolozza immensa di un interminabile bazar, che, qua e là, accendono un milione di raggi furenti nei cristalli e nei bicchieri e appariscono, appannati, attraverso le maglie e gli scialli, appesi ai bastoni di legno , incrociati sulle bancherelle, che mandano nell’ aria un non so che di vaporoso, che ondeggia sulla folla a livello delle fiamme a gas; quella folla che si pigia tra le botteghe e le bancherelle, che sembrano messe apposta per permettere ai giovinotti di dar di gomito alle ragazze senza dire: pardon pardon; quella gente frettolosa che, sgattaiola tra una carrozza e l’altra e cammina guardinga per non urtare in qualche bancherella di cristalleria; quei bimbi che strillano intorno ai giocattoli; le massaie che pretendono di comprare cu ribasso, qualche divota, che comprando Gesù bambino sul gradino di una chiesa, guarda con la coda dell’occhio due giovinotti, che le fanno capire che è peccato a comprar bambini quando ella ne potrebbe fare, vi fanno scaturire mille pensieri, che brillano e s’ inseguono, come i raggi di quelle migliaia di lumi.

Carlo del Balzo – Natale a Napoli – 1885 – vesuvioweb 2017

———————————————————————————————————————-

Un Natale di altri tempi

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Personaggi a Napoli, Storia

Discussione1 Comment

  1. mari ha detto:

    —————–La memoria portami al 1883 quini mia nonna aveva due anni,li nella bella Napoli ,piu preciso Marina Grande di Sorrento…..
    …Ed ci sorrido la vedo a fare i suoi primi passi per il borgo marinaro ed giocare in riva al mare…allo splandido mare che bagnava la costa ,con delle piccoli onde che aprivano i profumi delle maruzza,cozzege,lupuni,,,ooohhh dio piu in laaa il remo di una varchetelle accarezzava l’acqua che dolcemente bagnava i suoi piedini ….mentre mammama sua sgridave ….viene kaa sunteee,nun taluntanaaa.!!!
    ……….Mi si allontano da quella marina ,quando poi per forzza maggiore ,sposata ed gia mamma .i figli dovettero andare alla terra promezza,ma sempre forestira ,
    ….Lo zio Ninotto scrisse da buenos aires **O maa te manne o passagge viene!!!!*
    …..Nooo che se detto.——tu devi venire a trovare mamma tua….
    …….Per lungi anni fuu un andare e venire ….fino a cheee rimangono solo ricordi nelle mia memoria
    ………..Le barche rimasero senzza pescatori……chiudendo cosi il cerchio di Assutella Esposito1883/1983…………chiuai i balconi della marina grande
    ———Paradisiaca natura della costiera sorrentina….perooo.alzo gli occhi ed la fina nevvia spunta dall’irice dell’occhio che vule vedere maaa tutto sumato come il dipinto del geniale pittote di nome VITA.
    ………..M.E-.

Aggiungi un commento