Il Riscatto Baronale

Inserito da: · gennaio 20, 2018

Il Riscatto Baronale

di

Enrico Parola

In breve, ricordiamo, i vari passaggi che intraprese il marchese per l’acquisizione dei territori vesuviani furono questi: nel mese di agosto 1698, Mario Camillo Loffredo aveva delegato il suo agente a Madrid, Domenico Capecelatro, “cavaliere napoletano residente presso la Corte Reale di Madrid”, di condurre le trattative di compravendita con la contessa di Berlips. Fu, quindi, stabilito che la prima parte del pagamento, 6.000 ducati napoletani (o di una quantità equivalente di dobloni spagnoli) sarebbe stata versata al momento della firma del contratto a Madrid il 29 settembre 1698, mentre il pagamento della restante somma sarebbe avvenuto a Napoli, una volta ottenuto il regio assenso ed il perfezionamento dell’atto di vendita da parte della Regia Camera della Sommaria.

01 – Enrico Parola – Il Riscatto Baronale – Mario Camillo Loffredo – vesuvioweb 2017.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I monumenti, Storia e cultura

Discussione8 Comments

  1. mari ha detto:

    L’opera di Theodor Adorno viene indagata in questo libro mettendo in campo due categorie che sembrerebbero estranee al pensatore francofortese: ma l’educazione e l’utopia, (che si incrociano nell’educazione all’utopia), permettono di indagare l’opera di Adorno sotto un punto vista nuovo. La formazione del soggetto, l’antropogenesi, è uno dei fulcri del pensiero adorniano e proprio il punto di vista utopico, insito nello sguardo critico gettato sule pratiche educative del tardocapitalismo, permette di cogliere una via d’uscita da quello che sbrigativamente è stato definito “pessimismo” adorniano. Non è dunque un caso che le tracce di utopia presenti nell’autore siano riferite all’infanzia, al mondo animale e alla natura, agli “scarti del mondo fenomenico”, all’arte e alla dimensione estetica: punti di aggancio per una teoria critica dell’educazione che possa portare alla definizione di una pedagogia critica e soprattutto utopica.
    …………..

  2. mari ha detto:

    “ Non si tratta di conservare il passato
    ma di realizzare le sue speranze
    Theodor Adorno

  3. mari ha detto:

    Theodor W. Adorno (1903-1969) è stato, con Max Horkheimer e Herbert Marcuse, uno dei maestri della Scuola di Francoforte, la più vivace comunità intellettuale tedesca del secondo Novecento. Il libro ripercorre le tappe dell’itinerario filosofico adorniano: la formazione nella Germania degli anni Venti e l’amicizia con Walter Benjamin, l’esilio in Inghilterra e negli Stati Uniti dopo la presa del potere di Hitler, il ritorno in Germania nel secondo dopoguerra

  4. mari ha detto:

    Alle mie sorelle Anna, Rosalba e Cecilia—————-
    —————-Introduzinone al libro:
    A mio zio Pasquale Parola, scrittore e poeta, deceduto
    in Grecia, durante il secondo conflitto mondiale.
    A tutti gli abitanti dei paesi vesuviani che nel 1699
    realizzarono il Riscatto Baronale.
    A Gioia De Simone, erede di una cultura artigianale
    unica al mondo, per cui Torre del Greco è ancora conosciuta
    come capitale mondiale della lavorazione del corallo.
    “ Non si tratta di conservare il passato
    ma di realizzare le sue speranze
    Theodor Adorno”……………..(penziero di Adorno) grande penzatore della Scuola di FRANCOFORTE———–*filosofia **

    …………..sempre come complemento per il lettore.
    grazie

  5. mari ha detto:

    Grazie a Lei Enrico,

Aggiungi un commento