Lettera del signor Giovan Battista Manzo marchese di Villa in materia del Vesuvio

Inserito da: · gennaio 13, 2018

Lettera del signor Giovan Battista Manzo marchese di Villa in materia del Vesuvio

Di

Aniello Langella

VESUVIO 1631

Non però nè l’un, nè l’altro se poteva propriamente dir fuoco, ma un certo che di mezzo tra la fiamma e il fumo, in alcune parti più luminoso o in alcun altre più oscuro, dal quale di tempo in tempo uscivano lampi maggiori e più infocati di quelli sogliono precedere i fulmini e con bombo più terribile e più cupo dello bombarde5. Questo spettacolo per se stesso di gran terrore, ma tuttavia sofferibile da chi ne sa la cagion naturale, e si ricorda di quel che vi patì l’un Plinio e ne scrisse l’altro, era di vantaggio
accompagnato da un quasi continuo tremor della terra, che alle volte cresceva sì fattamente che le mura parevano havere il rimbrizzo della quartana6. Hor pensi V. S. che dovevano fare gl’huomini. Non è da domandare se la notte si passò con poca quiete e senza sonno: fui in pensiero d’uscir in campagna per sottrarmi dalla soprastante rovina, ma perchè la notte mi toglieva il veder il tumulto che si faceva per la Città, io non volsi esser il primo a dar questo esempio7. Maggior disagio hebbe il S. Cardinale Buoncompagno8, che, ritrovandosi nella Torre del Greco9 e assai presso all’incendio qual hora sentiva crescere il terremoto era dal timor cacciato al Cielo aperto, confessando Aristotele che in questi horribili casi devono anco i forti temere, ma passato quell’impeto era dal freddo ricacciato in casa. Quand’ecco sopragiugne quel che io non so fin hora come chiamarmi, ma dirò per hora fiume di fuoco e così vicino che non gli parve nè di doverlo aspettare, nè di dover uscir per la porta della casa che andava per appunto a riuscire di rimpetto all’incendio: onde gli bisognò con l’ajuto de suoi creati calarsi da un muro ben alto dalla parte del mare10.

Aniello Langella – Lettera del signor Giovan Battista Manzo marchese di Villa in materia del Vesuvio – vesuvioweb 2016.pub

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L’eruzione del Vesuvio del 1631

Discussione5 Comments

  1. Jana Haasová ha detto:

    Una descrizione molto interessante dell’eruzione del Vesuvio del 1631, che fu una delle più forti dall’anno 79. L’articolo è completato da bellissime immagini che sono un prezioso documento di questa eruzione. Grazie.

    Salute Jana

  2. Silvio Falato ha detto:

    Grazie per i tuoi contributi preziosi.

  3. nikos kapetanidis ha detto:

    belissima lingua nel belissimo testo .Sono scoraggiato.Quanti parole ci sono per la stessa cosa?Non impararo mai italiano in questo livello, ma sempre posso ammirarlo.

Aggiungi un commento