Una storia d’altri tempi

Inserito da: · gennaio 20, 2018

Una storia d’altri tempi

Di

Vincenzo Pepe

Lasciando però da parte queste considerazioni di facile antropologia culturale, e facendo prevalere anche in noi lo spirito di carità, vogliamo pensare che l’esperienza dell’abbandono di un figlio dovesse essere atroce per tutte le partorienti “illegittime”, comprese quelle (per fortuna poche) le quali oltre a “non consentire di essere nominate”, si rifiutavano di conoscere addirittura il sesso del neonato. Queste disgraziate prevedevano, chissà, che quando improvvisamente nel futuro il loro pensiero fosse andato alla creatura che ora si accingevano ad abbandonare, il non sapere se fosse un maschio o una femmina sarebbe valso a neutralizzare, o a placare almeno, il dolore del rimorso, o ad allentare la stretta dello scrupolo. E vogliamo assolvere anche le “recidive”. Queste ultime, forse, come ci piace pensare, solo in apparenza reagivano con indifferenza al crimine che ciclicamente si apprestavano a commettere, perché se anche le terribili tribolazioni ed angustie patite avevano prosciugato le loro lacrime, non potevano averne ottuso del tutto la sensibilità.

Vincenzo Pepe – Una storia d’altri tempi – vesuvioweb 2018

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Antropologia, Vincenzo Pepe

Discussione4 Comments

  1. mari ha detto:

    Nasce nel XIV secolo insieme all’annessa chiesa, come istituzione assistenziale per la cura dell’infanzia abbandonata. Ricostruita una prima volta nel XVI secolo in forme rinascimentali, e nel XVIII secolo, dopo un incendio, da Luigi e Carlo Vanvitelli. Attraverso il raffinato portale marmoreo, realizzato nel Cinquecento dall’artista lombardo Tommaso Malvito e dal figlio Giovan Tommaso, con i battenti lignei intagliati da Pietro Belverte e da Giovanni da Nola nel XVI secolo, si accede al monumentale cortile della Casa e alla “Ruota” lignea.

    I bambini abbandonati venivano introdotti in una specie di tamburo di legno di forma cilindrica e raccolti all’interno da balie pronte ad intervenire ad ogni chiamata. All’esterno, al di sopra della ruota, vi era un puttino di marmo con la scritta: “O padre e madre che qui ne gettate / Alle vostre limosine siamo raccomandati”. Gli ospiti dell’istituzione venivano chiamati “figli della Madonna”, “figli d’a Nunziata” o “esposti” e godevano di particolari privilegi.

    Alcuni venivano trovati con al collo un foglio di carta con il nome dei genitori, o portavano con sè qualche pezzo di oro o di argento; altri non avevano nessun segno. Tutto quello che indossavano e qualsiasi segno particolare veniva annotato in un libro, in modo da rendere più facile un eventuale riconoscimento da parte dei genitori.La Ruota, con il suo triste fascino, era una delle più note d’Italia e non venne più utilizzata dal 22 giugno 1875.

    Il portale marmoreo, i battenti lignei e l’affresco della lunetta interna, raffigurante l’Annunciazione è attribuito a Belisario Corenzio, sono stati restituiti alla fruizione pubblica dopo il restauro terminato nel novembre 1996; a queste realtà monumentali si è aggiunta nel 1997 la “Ruota” lignea restaurata. Il Servizio Patrimonio Artistico e Beni Culturali del Comune di Napoli garantisce, con personale comunale e lavoratori socialmente utili, la gestione degli spazi.

    orario:dal lunedì al sabato ore 9.00 – 18.30 (ultimo ingresso)
    indirizzo: via Annunziata, 34 – tel. 081/289032

  2. mari ha detto:

    Gli ospiti dell’istituzione venivano chiamati “figli della Madonna”, “figli d’a Nunziata” o “esposti” e godevano di particolari privilegi. …..
    …………..Cordiale Vincenzo——-Al paese di origine dei miei genitori:Marina Grande di Sorrento.
    ———-Si parlava,si commentava *cchille é fiflie da maronna*
    ———-Perche lo chiamate cosi?

    ———-Stai a sentire:quando in un matrimonio ,per obvie raggioni Moriva un neonato,bambino/a. “
    ————Si andava “figli della Madonna”, “figli d’a Nunziata” o “esposti”.

    ———–Anche parlavano tra loro *le commare*——nee é nate o´prevetarielle!!!
    ma tu che dice??eeehhhh……certe cose si nascomdono ma quando la pancia cresce ,,,,,,,{e nate nu kriature kummareee.Lo sai che lo portano (….¡?).
    ———La ragazza mentre *viene nascosta…..**mmaaa…
    —-Tanto fanno le *commare*che scoprino….fanno,zitezite miezzó mercate!!!!.
    ——-Esposti——Exposti…..porteranno sempre il dolore di voler sapere –Mia Mamma?mio Padre?chi mi diede il gaudio ed il mistero di darmi la Vita!!!!.
    ————E figlio da maronna!!!! frasi che in giro vanno.Che portano una grande Croce.
    ———-anche il loro allatamento ,come ci racconti Vincenzo caro —sempre vi era una donna che aveva partorito ed glielo portavano ,ad prendere il prezioso Latte !!!
    ——Grazie ,

  3. marisa betrò ha detto:

    Una storia d’altri tempi, certo,la cui ombra però si allunga fino ad oggi.Ci sono ancora tra noi anziani “figli della Madonna”, che hanno convissuto con il dolore del rifiuto ed hanno desiderato, senza risolversi ad affrontare il problema,conoscere le proprie origini, decidendosi magari troppo tardi.Io stessa ho seguito la vicenda di un’amica, accompagnandola all’Annunziata. Però, arrivata al dunque, ha lasciato perdere, un po’ per rispetto verso la madre adottiva, per quanto scomparsa e molto per non sentirsi abbandonata una seconda volta.

  4. mari ha detto:

    Marisa:grazie per essere una nostra lettora,

    ——-Hai raggiione **é una storia credo,di tutti i tempi**
    ———Comunque oggi :Vi sono le chiamate Mamma del Cuore**
    ———Per quelle che *Adottano**un bambino/a ,da un Orfanatrofio..sono consigliate ad prendere in addozione non solo uno,se ha fratelli,prendere il gruppo.
    ——–Facendo si che non soffissero unáltra separazione……un altro sgarro affetivo di non condividere con y fratelli.Unáltra perdita …..
    ———-Oggi v´[e una manipilazione genetica .che possiede ,fasi meritevoli ed anche una ricchiesta genetica con delle possibilita di ottenere un modello a gusto e piacere……
    ——–LÁFFITO DI VENTRE MATERNO,LA OVODONAZIONE. ECC.
    ——–alle ragazze avere la possibilita di *conservare gli ovuli*nel periodo piu interessante ,per poi Trovare per amore o non so che,….uno spema che fecondassi………Essere la mamme doppo la laurea,condizionare ed in certi casi come lasciando il condividere del bambino ,con due femmine o due maschi.Che na daranno amore certamente siii.Mancha la legge del Padre,lúomoil papa,geneticamente tale …….Colui che sara tanto importante per la formazione nei primi anni della formazione.per non creare traumi nelládolescenza infine…Un cambio genetica..mente radicale ………Lo si vede gia nelle Sala nido ed ecc.ove la insegnanti debbono studiare per darne risposta ad un cambiamento tale .—–
    ————Speriamo lo si prenda tutto COSCIENTE.MENTE PER IL FUTURO BENE DELL’UMANITA

Aggiungi un commento