Torre del Greco 1943: L’Ospedale Agostino Maresca nella Casa del Fascio

Inserito da: · gennaio 13, 2018

Torre del Greco 1943: L’Ospedale Agostino Maresca nella Casa del Fascio

Di

Lina De Luca

A somiglianza del complesso napoletano, alla struttura ospedaliera si affiancarono una chiesa dedicata a Santa Maria del Popolo e una cappella ad uso della Compagnia dei Bianchi della Giustizia, di cui Don Ferrante stesso era confratello. La  succursale a Torre del Greco ottenne nel 1570, con bolla papale, tutti i benefici degli Incurabili di Napoli, ma nel secolo successivo conobbe un periodo di crisi e di difficoltà economiche e, a seguito di un incendio, ne fu decisa la chiusura. Nel 1671 una nuova elargizione di denaro ne consentì la riapertura con sessanta posti letto in luogo degli iniziali cinquanta, destinando alcune somme allo speciale trattamento a base di vinacce che vi si praticava nel periodo autunnale per un centinaio di infermi. Dagli inizi del XIX secolo la struttura sanitaria degli Incurabili cominciò ad ospitare anche ammalati a pagamento, militari e funzionari per il cui ricovero si faceva carico la pubblica amministrazione con l’intento di curarli e recuperarli al più presto al loro servizio, aprendo così la strada ad una nuova filosofia alla base dell’azione assistenziale, non più solo caritatevole e filantropica.

Lina De Luca – 1943 L’Ospedale Agostino Maresca nella Casa del Fascio – vesuvioweb 2018

Discussione3 Comments

  1. mari ha detto:

    Questo grande evento storico rappresenta un episodio talmente importante per la nostra città da meritare più attenzione di quanto non gli sia stata finora attribuita. Grazie al libro di Francesco Pinto si riportano con dovizia di particolari le testimonianze scritte dei principali corrispondenti coevi presenti in città che descrivono l’eccezionale atmosfera regale vissuta in quei giorni dal popolo di Barletta: “Giunsero in città i baroni e i rappresentanti dell’aristocrazia più importante del regno, gli alti dignitari dello Stato, i sindaci delle città pugliesi più rappresentative e numerosi alti prelati. Gli ambasciatori Da Trezzo e Cusani testimoniano così la vigilia del giorno dell’incoronazione: A dì tri, che fo el sabbato circa le XX hore, el signore re, per seguire li ordini de la … incoronazione, uscì dal castello … et, acompagnato da ambassadori, signori et baroni del reame, cortesani et citadini cum sonno te trombe et altri instrumenti, cavalcò per la terra (per la città di Barletta) .

    Il 4 febbraio 1459, con una sfarzosa cerimonia nella piazza antistante il castello di Barletta, Ferrante d’Aragona, don Ferrando per gli spagnoli, giurò solennemente la devozione a Santa Romana Chiesa. Il legato apostolico cardinale Latino Orsini, che recava la bolla d’investitura concessa da papa Pio II, coadiuvato dal cardinale Trevisan, dall’arcivescovo di Nazareth in Barletta, Giacomo de Aurilia, dall’arcivescovo di Taranto e da altri numerosi prelati, incoronò Ferdinando I di Napoli benedicendolo nel triplice titolo di re di Sicilia, di Gerusalemme e di Ungheria.

    Ecco la descrizione della cronaca dell’incoronazione dell’ambasciatore milanese Antonio da Trezzo spedita a Francesco Sforza: Illustrissimo signore nostro. Fo avisata la illustrissima signoria vostra de la investitura facta per lo reverendissimo monsignore lo cardinale Ursino, legato apostolico, ad la serenissima maiestà del re de questo reame et come ad li XXVIII del passato se doveva fare la incoronazione, etc. Mo’ avisamo quella che per non essere portata la corona a tempo et deinde per lo continuo piovere è facto qua dicta incoronazione al tempo predicto non se potè fare et fo diferita fin al quarto dì del presente, la quale se fece in questo modo. …La domenica matina lo prefato reverendissimo cardinale acompagnato da XIIII vescovi apparati cantò la messa suso lo tribunale apparecchiato per fare dicta incoronazione, dove el signore re venne vestito nel modo dicto de sopra, posto suso, et da canto a l’altare la bandera, elmo, scudo et lanza et ulterius lo pomo d’oro, el sceptro et una spada, et la corona. Et quivi, cominciato lo Introyto de la messa, fo sua maiestà spogliata et uncta alla spalla dricta et, facte alcun’altre cerimonie, se partete poi de lì et, intrato in una camera cum lo thesaurero del papa et l’arcivescovo de Taranto, el ducha d’Andria, conte de Fundi et alcun’altri signori, ritornò fora, vestito come diacono cum calce bianche rechamate al pede, et se pose a sedere suso la catedra sua. Poi, facte altre cerimonie, se presentò a l’altare dove dal prefato cardinale, postoli in capo una infula de damaschino bianco che se allazava sotto la golla, fo cum el nome de Dio incoronato et datoli el pomo d’oro in la mane sinistra, et in l’altra lo sceptro, et cinta la spada ad armacollo, et così se ritornò a sedere fin che fo finita la messa. Qua finita, fece poi essa maiestà dare a tuti ambassatori et prelati una moneta d’oro picola facta fare per sua maiestà, che valle uno ducato et mezo, et fecene dare d’argento a tuti li astanti, de la quale moneta io e Francesco da Cusano ne portarò alla signoria vostra. Facto questo, li signori et baroni che gli erano gli andarono a basare el pede; doppo sua maiestà fece circa cinquanta cavalieri, tra quali fo Diomedes Caraffa, quale fra l’altri havemo voluto nominare perché accadde ad vostra excellentia scriverli alle volte. Poi montò a cavallo così incoronato et cum la spada, pomo et sceptro, come è dicto, et cum balde chino, cavalcò per tuta la terra cum grande allegreza et festa, precedendolo li sopranominati che portavano la bandera et altre cose; et meser Camillo figliolo del conte de Sancto Angello, che è primo camarero et gli porta la spada, andava gictando de le dicte monete d’argento continuamente a tuto lo populo. Et, ritornato al tribunale, fece fare una sumptuosissima collazione, et sopra el piatello che fo portato a nuy era una pigna grande de cera come divisa de vostra excellentia; de poi se ne andò sua maiestà in castello.

    Come si evince, dopo la cerimonia, il sovrano rifece una festosa cavalcata per la città, tra ali di gente che lo acclamava , poi fece ritorno nel castello. La straordinaria atmosfera di festa proseguì a Barletta anche il giorno dopo (lunedì 5 febbraio 1459) con il giuramento di fedeltà al re da parte di tutti i più alti dignitari dello Stato e i più importanti vassalli del regno.

    L’ambasciatore Da Trezzo descrive in questo modo l’avvenimento: Lo lunedì, che fo a dì cinque, sua maiestà andò a odire messa insieme cum el cardinale, et poi disnarono al tribunale dove, convocati tuti li signori et baroni del reame et li sindici de le terre domaniale, dove o in persona o per loro sindici ogniuno fo, excepto el principe de Taranto et lo signore Yosia, posto silentio ad ogniuno, essa maiestà cum molte bone parole dimostrò havere aceptata al presente questa incoronazione per conforto, parere et consiglio d’essi signori, et che quanto per sé l’haveria voluta diferire ad altro tempo, nel quale maxime havesse potuto verso loro usare et doni et altre gratie che non poteva fare al presente; poi disse come l’haveva inteso che per alcuni era dicto che mai el signore re suo padre haveva potuto obtenere talle incoronazione, dimonstrando che questo non era vero, et qui fece publicare una bolla del papa Eugenio per la quale appareva che in arbitrio del prefato signore re suo padre era stato de poterse incoronare quando havesse voluto. Hoc facto, tuti li signori baroni et sindici prenominati, de quali el primo fo lo sindico de la cità de Napoli, poi li septe officii del reame, et successive li baroni et sindici andarono a basarli el pede, et per bocha etiam se basarono cum essa maiestà, et li iurarono fidelità et homagio come ad loro vero re et signore.

    Come da consuetudine, Ferdinando I accolse le istanze delle autorità cittadine concedendo amnistie, diplomi di privilegio con numerosi titoli e concesse rilevanti sgravi fiscali all’amministrazione locale. Per accrescere l’appannaggio della Mensa Arcivescovile di Nazareth in Barletta, il sovrano istituì la Fiera dell’Annunziata (con tutti i diritti e le immunità di pertinenza) e concesse all’arcivescovo fra’ Giacomo de Aurilia l’Ufficio di Mastromercato della fiera da tenersi davanti all’arcivescovado quattro giorni prima e cinque dopo la solennità dell’Annunciazione di Maria; inoltre fregiò l’arcivescovo Nazareno e i suoi successori del nobile titolo di Regj Consigliere a latere. Ferrante dispose anche la proclamazione di nuovo Duca di Calabria ad Alfonso, suo figlio primogenito ed erede designato al trono. La cerimonia, prima fissata per giovedì 15 febbraio, fu poi effettuata a Barletta, la domenica 18 febbraio, dopo la S. Messa.

    Il magnifico evento dell’incoronazione di Barletta fu giustamente enfatizzato da Ferrante con l’emissione di una nuova moneta, il coronato, che fu coniata dal 1459 al 1472 nella Zecca di Napoli. La moneta d’argento presenta al dritto la scena dell’incoronazione con il motto “CORONATUS QUIA LEGITIME CERTAVIT” (incoronato perché lottò giustamente), al rovescio è riportata la croce potenziata con la leggenda in latino “FERDINANDUS DEI GRATIA REX SICILIE IERUSALEM UNGARIAE”; alla base della croce vi è la sigla del maestro di zecca.”

    Gli eccezionali documenti trascritti integralmente nel libro di Francesco Pinto certificano un evento importantissimo (caduto colpevolmente nel dimenticatoio) e il ruolo primario della città di Barletta “Regia Terra Baruli” nel periodo aragonese. L’elegante edizione, edita da Edizioni Sviluppo Massivo (30 marzo 2011), è presente in Biblioteca Comunale e catalogata al numero AP C 383 per consultazione e prestito.

    STORIA

  2. mari ha detto:

    Al di sopra scritto :per colei/ui che volesse approffondire
    cordiali saluti
    M.E.

  3. fff ha detto:

    Proprio bello questo lavoro di ricerca. Sempre interessante conoscere la piccola storia che integra i capitoli della grande storia del Vesuvio
    Grazie Lina per questo tuo ulteriore contributo

Aggiungi un commento